Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 126 Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 28/02/2021]

Separazione dei coniugi in pendenza del giudizio

Dispositivo dell'art. 126 Codice Civile

Quando è proposta domanda di nullità del matrimonio, il tribunale può, su istanza di uno dei coniugi, ordinare la loro separazione temporanea durante il giudizio(1) [146, 150 ss., 232 2, 234]; può ordinarla anche d'ufficio, se ambedue i coniugi o uno di essi sono minori [2] o interdetti [414].

Note

(1) L'ipotesi differisce dall'istituto di cui agli artt. 150 ss. c.c. non tanto per l'autonoma configurazione, bensì per l'ampiezza degli effetti, assai più limitati e contenuti, nonché temporanei (sono, infatti, destinati ad essere assorbiti dalla declaratoria di nullità che avrà effetti definitivi). Non incide comunque sulla proponibilità della domanda di separazione dei coniugi (Cass. 259/1981).

Ratio Legis

La pendenza del giudizio di nullità del matrimonio giustifica ampiamente la pronuncia, resa incidentalmente nel procedimento, di separazione temporanea dei coniugi che verrà assorbita dalla declaratoria di nullità del matrimonio. La natura del provvedimento è cautelare e ad efficacia interinale e condizionata.

Spiegazione dell'art. 126 Codice Civile

Il corrispondente art. #115# c.c. del 1865 dettava questa disposizione solo per il caso in cui la domanda di nullità fosse proposta da uno dei coniugi. Oggi, da qualunque persona legittimata ad agire sia proposta la domanda di nullità, uno dei coniugi potrà sempre chiedere l'ordine di separazione temporanea, o meglio provvisoria. E ciò è giusto perché la ragione del provvedimento è del tutto indipendente dalla persona che ha promosso il giudizio di nullità.
La nuova disposizione, inoltre, colma una lacuna del vecchio art. #115#: espressamente dichiara che il provvedimento di provvisoria separazione può essere dato non solo nel caso di coniugi ancora in età minore, ma anche nel caso di coniugi interdetti.
Naturalmente, trattandosi di provvedimento per sua natura provvisorio, avuto riguardo allo spirito della legge, è da ritenere che il provvedimento medesimo possa essere dato anche nel caso in cui contro uno dei coniugi già fosse stato promosso giudizio d'interdizione, specialmente se al coniuge interdicendo già fosse stato nominato un tutore provvisorio.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Massime relative all'art. 126 Codice Civile

Cass. civ. n. 7594/2001

La pendenza del giudizio di nullità del matrimonio è assunta dal legislatore come ragione sufficiente a giustificare la pronuncia di separazione temporanea dei coniugi, la quale riveste carattere cautelare ed efficacia interinale e condizionata, essendo destinata a rimanere assorbita dalla declaratoria di nullità del matrimonio, con la definitiva cessazione dell'obbligo di convivenza, ovvero ad essere caducata a causa del rigetto della domanda di nullità, con conseguente ripristino del vincolo in tutti i suoi aspetti, compreso l'obbligo della convivenza, salva la facoltà, in quest'ultima ipotesi, di promuovere l'azione ordinaria di separazione.

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Accordi patrimoniali in previsione o in sede di separazione personale o di divorzio o di crisi della coppia

    Editore: Aracne
    Pagine: 132
    Data di pubblicazione: agosto 2018
    Prezzo: 10 €
    L'opera prende in esame gli accordi patrimoniali in previsione o in sede di separazione personale e di divorzio o di crisi della coppia nei nuovi modelli familiari o parafamiliari, declinati in conformità al rinnovato quadro normativo di riferimento. La trattazione intende delineare una prima e nuova esegesi di taluni consolidati principi elaborati, sul tema, dalla dottrina e dalla giurisprudenza, maggiormente in linea - si ritiene - con la più moderna tendenza legislativa alla... (continua)
  • Il trattamento economico nella separazione e divorzio. Assegno di mantenimento e divorzile

    Editore: Giuffrè
    Collana: Teoria e pratica del diritto. Lavoro
    Data di pubblicazione: gennaio 2019
    Prezzo: 42,00 -5% 39,90 €
    Categorie: Divorzio, Separazione
    Il volume, giunto alla seconda edizione, approfondisce la controversa materia del mantenimento del coniuge nell'ambito delle procedure di separazione e di scioglimento e cessazione degli effetti civili del matrimonio, tenendo conto dei più recenti orientamenti dottrinali e, in particolare, dell'evoluzione giurisprudenziale che ha interessato il riconoscimento della titolarità dell'assegno divorzile e che ha raggiunto il proprio apice nella pronuncia delle Sezioni Unite della... (continua)
  • Separazione e divorzio nell'esperienza giuridica

    Pagine: 344
    Data di pubblicazione: aprile 2019
    Prezzo: 36 €
    Il volume, di taglio pratico ed operativo, illustra gli aspetti sostanziali e processuali della separazione e del divorzio alla luce delle ultime novità legislative introdotte in materia, in particolare quelle sulla responsabilità genitoriale (d.lgs. n. 154/2013), sulla negoziazione assistita (l. n. 162/2014), sul divorzio breve (l. n. 55/2015) e sulle unioni civili e convivenze di fatto (l. n. 76/2016). Redatto da esperti del diritto di famiglia, illustra gli apporti della... (continua)
  • Separazione e divorzio. Manuale teorico-pratico con ampia casistica giurisprudenziale e formulario

    Collana: Serie L. Professionale
    Pagine: 560
    Data di pubblicazione: novembre 2018
    Prezzo: 46,00 -5% 43,70 €
    Dopo la sentenza Grilli del 2017, che aveva etichettato i coniugi come persone senza un passato, penalizzando così l'ex coniuge debole (purché economicamente autosufficiente), le Sezioni Unite hanno ripristinato un elementare principio di giustizia, riaffermando, in sede di attribuzione dell'assegno divorzile, il criterio del «tenore di vita goduto in costanza di matrimonio». È stata, così, messa in soffitta l'idea che dopo il divorzio c'è il... (continua)
  • Le tutele legali nelle crisi di famiglia

    Collana: I trattati operativi
    Pagine: 1700
    Data di pubblicazione: luglio 2018
    Prezzo: 110,00 -5% 104,50 €
    L'opera si struttura in tre volumi tra loro coordinati, affrontando in modo pragmatico le tematiche relative alla crisi dei rapporti familiari. Nel primo tomo viene esposta con commento dettagliato la disciplina sostanziale. Nel secondo tomo si espone, con risvolti operativi, la disciplina processuale. Nel terzo tomo si propone un pratico formulario editabile e stampabile. Il trattato vuole supportare il lavoro di magistrati, avvocati e altri professionisti coinvolti a vario titolo nelle... (continua)
  • Determinazione dell'assegno di mantenimento. Separazione e divorzio. Con e-book

    Editore: Ipsoa
    Collana: Guide operative
    Data di pubblicazione: dicembre 2018
    Prezzo: 35,00 -5% 33,25 €
    Categorie: Divorzio, Separazione
    Il volume analizza la quantificazione dell'assegno di mantenimento nell'ambito dei procedimenti di separazione e divorzio, alla luce delle più recenti novità. La sentenza SS.UU. n. 18287/2018 della Corte di Cassazione è intervenuta in materia di diritto di famiglia, rivoluzionando una prassi ormai consolidata, superando il dogma per cui l'assegno di mantenimento deve commisurarsi al tenore di vita coniugale. Sono trattati i criteri e i principi che sottendono alla... (continua)