Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 100 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 10/06/2019]

Riduzione del termine e omissione della pubblicazione

Dispositivo dell'art. 100 Codice civile

Il tribunale, su istanza degli interessati, con decreto non impugnabile emesso in camera di consiglio, sentito il pubblico ministero, può ridurre, per gravi motivi, il termine della pubblicazione [95]. In questo caso la riduzione del termine è dichiarata nella pubblicazione.

Può anche autorizzare, con le stesse modalità, per cause gravissime, l'omissione della pubblicazione, quando gli sposi davanti al cancelliere dichiarano sotto la propria responsabilità che nessuno degli impedimenti stabiliti dagli articoli 85, 86, 87, 88 e 89 si oppone al matrimonio(1)(2).

Il cancelliere deve far precedere alla dichiarazione la lettura di detti articoli e ammonire i dichiaranti sull'importanza della loro attestazione e sulla gravità delle possibili conseguenze(2).

[Quando è stata autorizzata l'omissione della pubblicazione, gli sposi, per essere ammessi alla celebrazione del matrimonio, devono presentare all'ufficiale dello stato civile, insieme col decreto di autorizzazione, gli atti previsti dall'articolo 97](3).

Note

(1) Al ricorrere di gravi motivi potranno essere ridotti i termini di durata delle pubblicazioni di cui all'art. 95 del c.c.. Nel caso di gravissimi motivi il comma 2 del medesimo articolo permette l'omissione della pubblicazione. L'ufficiale dello stato civile dovrà comunque menzionare d'ufficio, ex art. 54 d..R. 396/2000, la durata della pubblicazione o se essa è stata abbreviata o dispensata.
(2) Il comma è stato così sostituito dall'art. 137 del d.lgs. 19 febbraio 1998, n. 51 (Norme in materia di istituzione del giudice unico di primo grado).
(3) Il comma è stato abrogato dall'art. 110 del d.P.R. 3 novembre 2000, n. 396 (Semplificazione dell'ordinamento dello stato civile). Ai sensi dell'art. 58 del d.P.R. rubricato "Omissione della pubblicazione", "quando è stata autorizzata l'omissione della pubblicazione, ai sensi dell'art. 100 del c.c. gli sposi, per essere ammessi alla celebrazione del matrimonio, devono presentare all’ufficiale dello stato civile il provvedimento di autorizzazione previsto dall'articolo 52, comma 1, e rendere la dichiarazione prevista per chi richiede le pubblicazioni".

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 100 Codice civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Giulia chiede
martedì 01/02/2011
“Quali potrebbero essere le cause per l'omissione delle pubblicazioni?
grazie”
Consulenza legale i 02/02/2011

Le cause "gravissime", che giustificano l'omissione della pubblicazione, si ravvisano in ragioni di costume, al fine di tutelare la riservatezza dei nubendi e di non turbare la loro vita di relazione con altri membri della comunità sociale di cui fanno parte.

Costituisce "causa gravissima" ex art. 100 del c.c., secondo comma, tale da consentire l'omissione della pubblicazione, anche la sottoposizione di soggetti nubendi alle "misure di protezione" previste per i familiari dei c.d. "collaboratori di giustizia" (trib. Napoli, 2 febbraio 1996).


Testi per approfondire questo articolo

  • Separazione e divorzio in comune. Gli adempimenti dell'ufficiale di stato civile

    Pagine: 208
    Data di pubblicazione: aprile 2016
    Prezzo: 39,00 -5% 37,05 €
    Categorie: Divorzio, Separazione

    È passato più di un anno dall'entrata in vigore della legge 162/2014 che ha rivoluzionato la procedura di separazione e divorzio, rendendola possibile di fronte all'Ufficiale dello stato civile, al di fuori delle aule dei Tribunali, senza alcun intervento dell'Autorità Giudiziaria. Nel corso di questo periodo, sono state emanate circolari ministeriali; linee guida e indicazioni operative sono state diffuse da alcune Procure della Repubblica e dall'Ordine degli... (continua)

  • Mutamento sopravvenuto delle condizioni patrimoniali nella separazione e divorzio. Casistica e strategie difensive

    Collana: I pratici Pacini
    Pagine: 156
    Data di pubblicazione: marzo 2016
    Prezzo: 18,00 -5% 17,10 €
    Categorie: Divorzio, Separazione

    II testo analizza in maniera schematica i riferimenti normativi delle diverse fattispecie che legittimano la richiesta di modifica dei provvedimenti resi in sede di separazione (in sentenza di separazione o nel decreto di omologazione) e divorzio, con particolare riferimento agli aspetti patrimoniali. Sono esaminati gli ultimi orientamenti giurisprudenziali, sia di legittimità che di merito, legati a casistiche di particolare interesse pratico attinenti i rapporti economici tra i... (continua)

  • Il trattamento economico nella separazione e divorzio. Assegno di mantenimento e divorzile

    Editore: Giuffrè
    Collana: Teoria e pratica del diritto. Lavoro
    Data di pubblicazione: gennaio 2019
    Prezzo: 42,00 -5% 39,90 €
    Categorie: Divorzio, Separazione
    Il volume, giunto alla seconda edizione, approfondisce la controversa materia del mantenimento del coniuge nell'ambito delle procedure di separazione e di scioglimento e cessazione degli effetti civili del matrimonio, tenendo conto dei più recenti orientamenti dottrinali e, in particolare, dell'evoluzione giurisprudenziale che ha interessato il riconoscimento della titolarità dell'assegno divorzile e che ha raggiunto il proprio apice nella pronuncia delle Sezioni Unite della... (continua)
  • Determinazione dell'assegno di mantenimento. Separazione e divorzio. Con e-book

    Editore: Ipsoa
    Collana: Guide operative
    Data di pubblicazione: dicembre 2018
    Prezzo: 35,00 -5% 33,25 €
    Categorie: Divorzio, Separazione
    Il volume analizza la quantificazione dell'assegno di mantenimento nell'ambito dei procedimenti di separazione e divorzio, alla luce delle più recenti novità. La sentenza SS.UU. n. 18287/2018 della Corte di Cassazione è intervenuta in materia di diritto di famiglia, rivoluzionando una prassi ormai consolidata, superando il dogma per cui l'assegno di mantenimento deve commisurarsi al tenore di vita coniugale. Sono trattati i criteri e i principi che sottendono alla... (continua)
  • Il matrimonio concordatario nella metamorfosi della famiglia

    Collana: Cultura giuridica e rapporti civili
    Pagine: 172
    Data di pubblicazione: aprile 2018
    Prezzo: 20 €
    L'insieme dei più recenti interventi normativi nella materia generale del diritto di famiglia e, nello specifico, del diritto matrimoniale, assieme all'emersione dei nuovi modelli giuridici per le relazioni affettive fra adulti, hanno comportato una vera e propria metamorfosi dell'intero settore, nel tentativo di adeguarne i parametri, per un verso, al mutato contesto sociale e, per altro verso, agli orizzonti europei, accordando spazi sempre maggiori alla autonomia privata, segnando... (continua)