Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1 Testo unico delle imposte sui redditi (TUIR)

(D.P.R. 22 dicembre 1986, n.917)

Presupposto dell'imposta

Dispositivo dell'art. 1 TUIR

1. Presupposto dell'imposta sul reddito delle persone fisiche è il possesso di redditi in denaro o in natura rientranti nelle categorie indicate nell'articolo 6.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 10 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Quesiti degli utenti
relativi all'articolo 1 TUIR

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Massimo C. chiede
venerdì 11/05/2018 - Lombardia
“Buona giornata,
I due amministratori che gestiscono gli immobili di mia proprietà sono stati incaricati del mandato in qualità di persone fisiche ma entrambi prelevano dal conto condominiale accreditando NON SE STESSI, come espressione fisica MA ACCREDITANDO conti intestati ad espressioni giuridiche (loro ditte o società) SCONOSCIUTE in quanto mai incaricate dal mandato.
Vorrei sapere se commettono evasione fiscale od elusione.
Grazie”
Consulenza legale i 16/05/2018

La genericità della domanda, tenuto conto del particolare tecnicismo della materia tributaria e soprattutto della disciplina penale sul tema, impone, prima di rispondere al quesito, una breve ricognizione del fatto.
Da quanto rappresentato sembra che i due amministratori siano stati incaricati personalmente della gestione degli immobili interessati in virtù di un contratto di mandato con rappresentanza. Sembra altresì che il compenso dell’attività a loro spettante non venga accreditato sui conti personali ma su quelli di società facenti capo agli stessi e sconosciute dal rapporto di mandato alla gestione immobiliare.


Per risolvere la questione tributaria connessa, e partendo dal presupposto che il contratto di mandato abbia come parte effettiva gli amministratori quali persone fisiche e non quali società (cosa che di frequente accade) dovrebbe innanzi tutto essere chiarito su quale dichiarazione vengono annotati gli emolumenti percepiti in seguito all’attività di rappresentanza svolta.
Qualora infatti gli emolumenti del contratto di mandato siano correttamente dichiarati dalla persona fisica, allora dovremmo concludere che gli stessi vengono fatti confluire sui conti della società per pura comodità e, soprattutto qualora si tratti di società unipersonali, la condotta non integrerebbe alcun illecito tributario.
V’è poi l’ipotesi in cui gli emolumenti concorrano a formare l’attivo delle sole società, siano correttamente dichiarati e vengano di contro estromessi dalla dichiarazione della persona fisica. Ciò effettivamente potrebbe creare problemi fiscali ma solo laddove si ipotizzi che il contratto di mandato non sia mai stato speso dagli amministratori in modo tale da essere anche ignorato dall’agenzia delle entrate. Diversamente ragionando si creerebbe l’assurdo caso che gli amministratori siano assoggettati ad una doppia imposizione per la medesima attività, quali persone fisiche e titolari delle società.


Dal punto di vista strettamente penale, sembra comunque estremamente improbabile che si configuri uno dei reati previsti dal DPR 74 del 2000 mediante frode consistenti nell’emissione di fatture per operazioni oggettivamente inesistenti e/o soggettivamente inesistenti. In tal caso infatti l’obiettivo della condotta criminosa è quello di aumentare il passivo proprio tramite le fatture inesistenti, non già, come sembra essere nel caso di specie, “spostando” le voci di reddito.


Quanto invece ai reati di dichiarazione infedele, sembra estremamente complesso ipotizzare una responsabilità penale stante la necessità di conoscere il quantum ipoteticamente evaso. In ogni caso, a meno che non si tratti di una corposissima gestione immobiliare, sembra comunque difficile ipotizzare che le presunte omesse dichiarazioni superino le soglie di rilevanza penale (ovvero la somma evasa sopra la quale il legislatore ritiene opportuno censurare sotto il profilo penale la condotta evasiva) dei reati tributari, di per sé abbastanza alte. Basti pensare infatti che l’art. 5 del DPR 74/2000 che punisce l’omessa dichiarazione delle imposte sui redditi o sul valore aggiunto si configura solo allorché l’imposta evasa sia superiore, per un’annualità fiscale, ad euro 50.000.