Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Diritto del lavoro e previdenza sociale -

Evoluzione e analisi del contratto di apprendistato: un mezzo utile per la lotta alla disoccupazione giovanile?

AUTORE:
ANNO ACCADEMICO: 2020
TIPOLOGIA: Laurea liv. I
ATENEO: Universitą degli Studi di Torino
FACOLTÀ: Scienze Politiche
ABSTRACT
Il presente lavoro si pone l’obbiettivo di analizzare il contratto di apprendistato disciplinato attualmente dal D. lgs. 81/2015 (Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni), all’interno dell’ampia riforma del diritto del lavoro conosciuta come "Jobs Act".
La volontà di sviluppare questa tesi muove dall’allarmante disoccupazione giovanile contemporanea del nostro Paese e dall’enorme divario tra sistema educativo e sistema lavorativo: da una parte vi sono migliaia di giovani alla ricerca di un’occupazione e dall’altra migliaia di imprese che fanno fatica ad assumere.
Questo problema abbraccia tutti i settori e riguarda sia i giovani con un grado di istruzione minimo che i giovani che hanno concluso brillantemente un percorso universitario.
Il Capo V del Titolo I del D. lgs. 81/2015 si pone diversi obbiettivi, tra cui l’aumento degli strumenti utili e necessari a contrastare la disoccupazione giovanile attraverso, ad esempio, la promozione dei contratti di lavoro di apprendistato.
La nostra stessa Costituzione all’art. 4, comma 1, dispone che “La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto”: con tale norma lo Stato si impegna, da un lato, a garantire al cittadino il diritto al lavoro, dall’altro, a predisporre strumenti e misure idonee a rendere concreto l’esercizio di tale diritto, sia nella fase di ingresso del mondo del lavoro, sia nelle fasi transitorie tra un lavoro e un altro.
Nei capitoli che seguiranno, verrà illustrata la normativa di riferimento di questa fattispecie contrattuale, delineando un quadro che sottolinei, in modo più possibile organico ed esaustivo, le tappe fondamentali che ne hanno determinato l’evoluzione e lo hanno consacrato come principale contratto a contenuto formativo, eleggendolo come strumento preminente di accesso al lavoro per i giovani di età tra i diciotto e i ventinove anni. Si cercherà inoltre di capire se gli obbiettivi di lotta alla disoccupazione giovanile posti dal legislatore siano stati raggiunti.

Indice (COMPLETO)Apri

Tesi (ESTRATTO)Apri