Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 14 Mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali

(D.lgs. 4 marzo 2010, n. 28)

[Aggiornato al 01/12/2021]

Obblighi del mediatore

Dispositivo dell'art. 14 Mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali

1. Al mediatore e ai suoi ausiliari è fatto divieto di assumere diritti o obblighi connessi, direttamente o indirettamente, con gli affari trattati, fatta eccezione per quelli strettamente inerenti alla prestazione dell'opera o del servizio; è fatto loro divieto di percepire compensi direttamente dalle parti.

2. Al mediatore è fatto, altresì, obbligo di:

  1. a) sottoscrivere, per ciascun affare per il quale è designato, una dichiarazione di imparzialità secondo le formule previste dal regolamento di procedura applicabile, nonché gli ulteriori impegni eventualmente previsti dal medesimo regolamento;
  2. b) informare immediatamente l'organismo e le parti delle ragioni di possibile pregiudizio all'imparzialità nello svolgimento della mediazione;
  3. c) formulare le proposte di conciliazione nel rispetto del limite dell'ordine pubblico e delle norme imperative;
  4. d) corrispondere immediatamente a ogni richiesta organizzativa del responsabile dell'organismo.

3. Su istanza di parte, il responsabile dell'organismo provvede alla eventuale sostituzione del mediatore. Il regolamento individua la diversa competenza a decidere sull'istanza, quando la mediazione è svolta dal responsabile dell'organismo.

Spiegazione dell'art. 14 Mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali

Il mediatore è un terzo neutrale che deve possedere una visione esterna ed oggettiva del conflitto, dovendosi immedesimare nella posizione di entrambe le parti, senza però prendere posizione né, tantomeno, esprimere valutazioni.
Il mediatore, per etica professionale, non deve dare alcun consiglio di natura giuridica, né pareri professionali. Egli agisce esclusivamente nella veste di “facilitatore” della comunicazione tra le parti litiganti.
Proprio perché deve essere neutrale, il mediatore non può logicamente “assumere diritti o obblighi connessi, direttamente o indirettamente, con gli affari trattati, fatta eccezione per quelli strettamente inerenti alla prestazione dell'opera o del servizio”; gli è inoltre precluso “percepire compensi direttamente dalle parti”. È infatti ovvio che l’assunzione di diritti o il coinvolgimento in affari trattati nella procedura di mediazione inquinerebbe in maniera insanabile la terzietà che deve caratterizzare il mediatore che, pur non essendo un giudice che emette una sentenza, deve comunque porsi come una figura super partes. Le parti, per affidarsi alla sua opera, devono percepirlo come una figura terza, disinteressata e neutrale rispetto agli interessi in gioco.

Anche il Codice Europeo di condotta per mediatori (un codice di condotta adottato a livello europeo, al quale i mediatori possono spontaneamente aderire e applicabile a tutti i tipi di mediazione in materia civile e commerciale) contiene, tra gli altri principi, quello dell’indipendenza e dell’imparzialità del mediatore.
In particolare, l’art. 2 di tale Codice di condotta prevede che “Qualora esistano circostanze che possano (o possano sembrare) intaccare l'indipendenza del mediatore o determinare un conflitto di interessi, il mediatore deve informarne le parti prima di agire o di proseguire la propria opera.
Le suddette circostanze includono:
qualsiasi relazione di tipo personale o professionale con una delle parti;
qualsiasi interesse di tipo economico o di altro genere, diretto o indiretto, in relazione all’esito della mediazione;
– il fatto che il mediatore, o un membro della sua organizzazione, abbia agito in qualità diversa da quella di mediatore per una o più parti.
In tali casi il mediatore può accettare l’incarico o proseguire la mediazione solo se sia certo di poter condurre la mediazione con piena indipendenza, assicurando piena imparzialità, e con il consenso espresso delle parti.
Il dovere di informazione costituisce un obbligo che persiste per tutta la durata del procedimento.

Il mediatore deve in ogni momento agire nei confronti delle parti in modo imparziale, cercando altresì di apparire come tale, e deve impegnarsi ad assistere equamente tutte le parti nel procedimento di mediazione”.

Al fine di evitare qualsiasi ipotesi di conflitto di interessi tra il mediatore e le parti, la norma in commento impone al mediatore di sottoscrivere, per ciascun affare per il quale è designato, una dichiarazione di imparzialità secondo le formule previste dal regolamento di procedura applicabile e di informare immediatamente l'organismo e le parti delle ragioni di possibile pregiudizio all'imparzialità nello svolgimento della mediazione.

Inoltre, il terzo comma prevede che, su istanza di parte, il responsabile dell’organismo possa provvedere all’eventuale sostituzione del mediatore.

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Idee regalo per avvocati e cultori del diritto