Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 8 Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni

(D.lgs. 15 giugno 2015, n. 81)

[Aggiornato al 30/10/2020]

Trasformazione del rapporto

Dispositivo dell'art. 8 Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni

1. Il rifiuto del lavoratore di trasformare il proprio rapporto di lavoro a tempo pieno in rapporto a tempo parziale, o viceversa, non costituisce giustificato motivo di licenziamento.

2. Su accordo delle parti risultante da atto scritto è ammessa la trasformazione del rapporto di lavoro a tempo pieno in rapporto a tempo parziale.

3. I lavoratori del settore pubblico e del settore privato affetti da patologie oncologiche nonché da gravi patologie cronico-degenerative ingravescenti, per i quali residui una ridotta capacità lavorativa, eventualmente anche a causa degli effetti invalidanti di terapie salvavita, accertata da una commissione medica istituita presso l'azienda unità sanitaria locale territorialmente competente, hanno diritto alla trasformazione del rapporto di lavoro a tempo pieno in lavoro a tempo parziale. A richiesta del lavoratore il rapporto di lavoro a tempo parziale è trasformato nuovamente in rapporto di lavoro a tempo pieno.

4. In caso di patologie oncologiche o gravi patologie cronico-degenerative ingravescenti riguardanti il coniuge, i figli o i genitori del lavoratore o della lavoratrice, nonché nel caso in cui il lavoratore o la lavoratrice assista una persona convivente con totale e permanente inabilità lavorativa con connotazione di gravità ai sensi dell'articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, che abbia necessità di assistenza continua in quanto non in grado di compiere gli atti quotidiani della vita, è riconosciuta la priorità nella trasformazione del contratto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale.

5. In caso di richiesta del lavoratore o della lavoratrice, con figlio convivente di età non superiore a tredici anni o con figlio convivente portatore di handicap ai sensi dell'articolo 3 della legge n. 104 del 1992, è riconosciuta la priorità nella trasformazione del contratto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale.

6. Il lavoratore il cui rapporto sia trasformato da tempo pieno in tempo parziale ha diritto di precedenza nelle assunzioni con contratto a tempo pieno per l'espletamento delle stesse mansioni o di mansioni di pari livello e categoria legale rispetto a quelle oggetto del rapporto di lavoro a tempo parziale.

7. Il lavoratore può chiedere, per una sola volta, in luogo del congedo parentale od entro i limiti del congedo ancora spettante ai sensi del Capo V del decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151, la trasformazione del rapporto di lavoro a tempo pieno in rapporto a tempo parziale, purché con una riduzione d'orario non superiore al 50 per cento. Il datore di lavoro è tenuto a dar corso alla trasformazione entro quindici giorni dalla richiesta.

8. In caso di assunzione di personale a tempo parziale il datore di lavoro è tenuto a darne tempestiva informazione al personale già dipendente con rapporto a tempo pieno occupato in unità produttive site nello stesso ambito comunale, anche mediante comunicazione scritta in luogo accessibile a tutti nei locali dell'impresa, ed a prendere in considerazione le domande di trasformazione a tempo parziale dei rapporti dei dipendenti a tempo pieno.

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 8 Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Anonimo chiede
mercoledģ 12/08/2020 - Lombardia
“Buongiorno,

Lavoro da febbraio 2017 come medico anestesista presso l'ospedale di (omissis) con contratto a tempo indeterminato. Sono anche mamma di due bimbi di 3 e 4 anni, motivo per cui nel 2018 ho chiesto il part-time che mi è stato rifiutato per mancanza di personale. Il 22 agosto 2019 è stato bandito e successivamente espletato il concorso per medici anestesisti presso l'azienda ASST del Garda (di cui l'ospedale di (omissis) fa parte). Sono stati assunti 3 medici, che hanno preso servizio presso gli ospedali di Manerbio e Desenzano, ma non a (omissis) nonostante la carenza cronica di anestesisti. A gennaio 2020 ho chiesto nuovamente il part-time: la domanda è stata protocollata, ma ad oggi non ho ancora ricevuto una risposta.

Ho atteso che rientrasse "l'emergenza Covid19", durante la quale ho continuato a lavorare senza richiedere i congedi straordinari che lo Stato ha offerto e continua a offrire in questo periodo a noi operatori sanitari. A maggio tuttavia ho inviato una email all'ufficio di competenza a cui non è seguita nessuna risposta; ho allora chiamato telefonicamente a giugno e mi hanno risposto che mi avrebbero fatto sapere.

In sostanza, da quando ho presentato la domanda, sono trascorsi 7 mesi. Il contratto nazionale dei medici ospedalieri rinnovato a dicembre 2019 prevede che il dirigente medico abbia 60 giorni di tempo per rispondere a tali richieste.

Quindi come devo procedere per:

1. Avere una risposta alla mia domanda di part-time.
2. Fare in modo che venga accettata.

Faccio presente che da maggio il numero di sale operatorie si è dimezzato per l'emergenza COVID e a rotazione io e i colleghi restiamo a casa in ferie forzate.

Grazie,
Cordiali saluti”
Consulenza legale i 17/08/2020
L’accesso al rapporto di lavoro part time nell’ambito del CCNL Area Sanità è regolato dall’art. 110 “Accesso al rapporto di lavoro con impegno orario ridotto”.

Secondo tale norma, le Aziende ed Enti possono costituire rapporti di lavoro a impegno orario ridotto su richiesta dei dirigenti interessati, a fronte di una serie di comprovate e rilevanti esigenze familiari o sociali, tra cui anche l’assistenza ai figli sino agli otto anni di età.

Tuttavia, ai fini della concessione del part time non basta la sussistenza delle comprovate esigenze familiari o sociali.

Innanzitutto, il comma 2 dell’art. 110 citato, il numero dei rapporti a impegno orario ridotto non può superare il 3 per cento della dotazione organica complessiva dell’area dirigenziale rilevata al 31 dicembre di ogni anno.

In secondo luogo, l’applicazione dell’orario ridotto non deve determinare comunque un pregiudizio alla funzionalità del servizio.

Infatti, ai sensi del comma 4 dell’art. 110 del CCNL Area Sanità, “L’Azienda o Ente, entro il termine di 60 giorni dalla ricezione della domanda, può concedere la trasformazione del rapporto, se non sia già stato raggiunto il limite di cui al comma 2 e se l’impegno orario ridotto, anche in relazione all’orario concordato con il dirigente responsabile in applicazione dell’art. 111 (Orario di lavoro del dirigente con rapporto di lavoro a impegno orario ridotto), non determini un pregiudizio alla funzionalità del servizio”.

Anche nel caso in cui siano soddisfatte tutte le condizioni. il datore di lavoro non ha l’obbligo di concedere la riduzione dell’orario al dipendente che ne fa richiesta.

In particolare, anche il termine di 60 giorni per la risposta da parte della ASST sembrerebbe meramente ordinatorio, dal momento che non è previsto un dovere dell’Azienda di rispondere (L’Azienda o Ente, entro il termine di 60 giorni dalla ricezione della domanda, può concedere la trasformazione del rapporto). La norma, in verità, non prevede né un dovere di comunicare l’eventuale diniego, né tantomeno di motivarlo.

Il dipendente ha un vero e proprio diritto alla trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale soltanto nei casi di cui al comma 7 della norma in parola, e cioè nelle ipotesi previste dall’art. 8, commi 3 (gravi patologie cronico-degenerative ingravescenti) e 7 (in sostituzione del congedo parentale od entro i limiti del congedo), del D.Lgs.n.81/2015. Nelle suddette ipotesi, l’Azienda o Ente ha l’obbligo di costituire il rapporto di lavoro a impegno orario ridotto entro il termine di 15 giorni e le trasformazioni effettuate a tale titolo non sono considerate ai fini del raggiungimento dei contingenti fissati nei commi 2 e 6.

In tutti gli altri casi, compreso il caso di specie, non essendo previsto un obbligo della ASST di rispondere né in senso negativo, né in senso positivo non si potrà far altro che insistere con le richieste e attendere la risposta della ASST, eventualmente verificando nelle sedi opportune che vi siano i requisiti sopra citati.