Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 40 Costituzione

Dispositivo dell'art. 40 Costituzione

Il diritto di sciopero (1) si esercita (2) nell'ambito delle leggi che lo regolano [503 ss. c.p.] (3).

Note

(1) Lo sciopero si sostanzia in una astensione collettiva dal lavoro da parte di lavoratori subordinati e, di regola, viene indetto dai sindacati. Esso ha di solito lo scopo di sollecitare migliori condizioni di lavoro (ad esempio in ordine alla retribuzione o all'orario di lavoro) ma può anche tendere a fini diversi, come quello di evitare licenziamenti, di contestare l'autorità (sciopero politico) o di sostenere le richieste di altri (sciopero di solidarietà). Lo sciopero costituisce un diritto di libertà, cioè un diritto il cui esercizio non può essere limitato nè può comportare alcuna sanzione da parte dell'ordinamento (CALAMANDREI). Inoltre si tratta di un diritto che la Costituzione non crea ma si limita a rilevare, in quanto preesiste ad essa, e di un diritto soggettivo che, come tale, riguarda i rapporti tra lavoratore e datore di lavoro. La legge ordinaria ha preso atto di tali aspetti e la normativa di riferimento è costituita dalla l. 15 luglio 1966, n. 604 (art. 1), dalla l. 20 maggio 1970, n. 300 (artt. 15, 16 e 28), dalla l. 11 maggio 1990, n. 108 (art. 3) nonchè, da ultimo, dal d.lgs. 4 marzo 2015, n. 23 (c.d. Jobs Act). A livello comunitario lo sciopero è disciplinato dall'art. 28 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione Europea. Nessuna disciplina è invece prevista dalla costituzione per lo sciopero dei datori di lavoro (la serrata) che, quindi, deve ritenersi illegittimo.
(2) Di regola lo sciopero viene indetto dalle organizzazioni sindacali ed è esercitato da una pluralità di lavoratori: del resto, si è sempre ritenuto che maggiore è l'adesione e più sono le possibilità di ottenere i risultati sperati. Tuttavia, formalmente, si tratta di un diritto individuale, di cui il singolo è titolare e che può scegliere liberamente di esercitare. Durante lo sciopero il rapporto di lavoro viene considerato sospeso, pertanto il lavoratore, che non percepisce la retribuzione, non ha responsabilità verso il datore di lavoro. Infine, si consideri che in base alla legge alcune categorie di lavoratori non possono scioperare (ad esempio i militari).
(3) La prima disciplina dello sciopero si è avuta solo con la l. 12 giugno 1990, n. 146. Prima di essa le esigenze di regolamentare lo sciopero nei servizi pubblici (garantendo comunque servizi minimi essenziali e la sua proclamazione dopo un congruo preavviso) erano state soddisfatte mediante autoregolamentazione che, però, non ottenne effetti positivi. Con la l. 146/1990 venne introdotto il principio per cui il diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali deve essere bilanciato con altri diritti costituzionalmente garantiti, come quello alla salute, ai trasporti, alle comunicazioni. In caso di violazione della normativa che regola lo sciopero (ad esempio perchè non viene dato un preavviso congruo) questo può essere precettato da parte del Governo che, cioè, può ordinarne la revoca. Di recente la legge in questione è stata modificata dalla l. 11 aprile 2000, n. 83; tra le novità più importanti vi è l'estensione delle norme valevoli per lo sciopero a tutte le categorie di lavoratori, cioè anche a quelli non subordinati.

Ratio Legis

Con la previsione in esame il costituente, da un lato ha riconosciuto il valore fondamentale del diritto di sciopero, dall'altro ha stabilito che esso non può essere esercitato in modo indiscriminato in quanto il legislatore ordinario deve disciplinarlo.

Relazione al Progetto della Costituzione

(Relazione del Presidente della Commissione per la Costituzione Meuccio Ruini che accompagna il Progetto di Costituzione della Repubblica italiana, 1947)

40 La dichiarazione pura e semplice del diritto di sciopero è prevalsa sulle altre tesi che la costituzione ne tacesse, o la subordinasse a norme di legge. Si è con ciò voluto affermare più vigorosamente, e senza restrizioni, quel diritto, ma non si è escluso dai sostenitori della tesi prevalente che la legge possa provvedere alla sua applicazione.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 10 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!