Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 445 Codice penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Somministrazione di medicinali in modo pericoloso per la salute pubblica

Dispositivo dell'art. 445 Codice penale

Chiunque, esercitando, anche abusivamente, il commercio di sostanze medicinali (1), le somministra in specie, qualità o quantità non corrispondente alle ordinazioni mediche (2), o diversa da quella dichiarata o pattuita, è punito con la reclusione da sei mesi a due anni e con la multa da centotre euro a milletrentadue euro.

Note

(1) Le sostanze sono definite medicinali se introdotte nell'organismo, in dosi corrette, hanno un effetto diagnostico, profilattico, terapeutico o anestetizzante. Vi rientrano anche i prodotti erboristici, qualora abbiano proprietà curative, e quelli cosmetici, in presenza di riconosciuti effetti terapeutici.
(2) Le ordinazioni mediche sono individuate in qualsivoglia prescrizione medico-terapeutica, sia scritta che orale.

Ratio Legis

La disposizione in esame tutela la salute pubblica, considerata quale insieme di condizioni di igiene e sicurezza della vita e dell'integrità fisica o salute della collettività, messa in pericolo dalla somministrazione di medicinali in dosi e modalità non corrispondenti al trattamento terapeutico prescritto.

Spiegazione dell'art. 445 Codice penale

La norma in commento prevede una speciale frode nell'esercizio del commercio, la quale racchiude in sé una particolare gravità data dalla messa in pericolo della salute pubblica.

Trattasi di reato di pericolo presunto, dato che la legge presume in via assoluta la possibilità che dalla condotta derivi un pericolo per la salute pubblica.
La norma prevede un reato proprio, in quanto può essere commesso solamente da chi, esercitando (anche abusivamente) il commercio di medicinali, li somministri indebitamente a terzi.

Per quanto riguarda la nozione di commercio, è stato precisato che essa va intesa come attività di intermediazione nella circolazione di beni, svolta con professionalità o continuità ed avvalendosi di una sia pur rudimentale organizzazione di mezzi, rivolta ad una cerchia indeterminata di soggetti.

Il reato si ritiene consumato nel momento in cui venga compiuto un atto di irregolare somministrazione, e cioè quando questa sia difforme alle ordinazioni mediche per quantità o qualità.

Massime relative all'art. 445 Codice penale

Cass. pen. n. 21324/2007

L'art. 445 c.p. prevede e punisce un reato proprio, che può essere commesso soltanto da chi, esercitando (anche abusivamente) il commercio di medicinali, li somministri indebitamente a terzi, non anche da chi somministri medicinali per un titolo diverso, ovvero senza averne fatto commercio. (Nell'affermare il principio, la S.C. ha precisato che la nozione di commercio va intesa come attività di intermediazione nella circolazione di beni, svolta con professionalità o continuità ed avvalendosi di una sia pur rudimentale organizzazione di mezzi, rivolta ad una cerchia indeterminata di soggetti, utilizzatori o a loro volta intermediari, per la successiva distribuzione).

Cass. pen. n. 3087/2006

Tra il reato di commercio di sostanze dopanti attraverso canali diversi da farmacie e dispensari autorizzati, punito dall'art. 9, comma settimo, L. 14 dicembre 2000 n. 376 (disciplina della tutela sanitaria delle attività sportive e della lotta contro il doping) e quelli di cui agli art. 348 c.p.(esercizio abusivo della professione di farmacista) e 445 c.p. (somministrazione di medicinali in totale difformità dalle indicazioni terapeutiche previste ed autorizzate) sussiste un rapporto di specialità, atteso che colui che, senza essere in possesso della prescritta abilitazione professionale, commercia farmaci e sostanze dopanti esercita abusivamente, attraverso la medesima condotta, la professione di farmacista, e, qualora le sostanze medicinali vengano commerciate in specie, qualità o quantità non corrispondenti alle ordinazioni mediche, pone in essere il medesimo comportamento sanzionato dal citato art. 445 c.p.

Cass. pen. n. 6150/2000

Il reato previsto dall'art. 445 c.p. si riferisce, quanto al concetto di “specie”, alla vendita di “aliud pro alio” attuata nell'ambito della somministrazione di medicinali, non già al caso della vendita di un medicinale in luogo di una sostanza diversa e più pericolosa che sia stata richiesta. (Fattispecie nella quale erano state somministrate compresse medicinali normalmente usate per la cura del raffreddore in luogo di compresse di “Ecstasy” che asseritamente erano offerte in vendita. Nell'enunciare il principio di cui in massima, la S.C. ha escluso che tale condotta potesse integrare il reato di cui all'art. 445 c.p.).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

Testi per approfondire questo articolo

  • Trattato di diritto penale
    Parte Speciale: volume IX. Reati contro l'incolumità pubblica. Tomo II: reati di comune pericolo mediante frode

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: gennaio 2013
    Prezzo: 80,00 -5% 76,00 €

    Il volume, che, sul versante dei 'reati contro l'incolumità pubblica', si aggiunge a quello già edito nel 2008 in tema di 'reati di comune pericolo mediante violenza', ha ad oggetto la disciplina dei delitti di comune pericolo mediante frode, ossia di illeciti penali suscettibili di esporre a pericolo la vita o la salute di una pluralità indeterminata di persone, attraverso modalità offensive che si collegano a oggetti materiali normativamente determinati:... (continua)

  • Trattato di diritto penale - Parte speciale Vol. IV: I delitti contro l'incolumità pubblica e in materia di stupefacenti

    Data di pubblicazione: aprile 2010
    Prezzo: 95,00 -5% 90,25 €

    Il volume è un commento articolo per articolo al LIBRO II (dei delitti in particolare) TITOLO VI (dei delitti contro l’incolumità pubblica) del codice penale. Inoltre, l’Opera analizza tutta la legislazione penale speciale in materia di stupefacenti.L'opera è Aggiornata al d.lg. 106/2009 e alla l. 49/2009

    PIANO DELL’OPERA

    SEZIONE I - DEI DELITTI CONTRO L’INCOLUMITA` PUBBLICA (422-452 c.p.) * LINEAMENTI GENERALI DEL CONCETTO DI... (continua)

  • I delitti contro l'ordine e l'incolumità pubblica

    Autore: Marani Simone
    Editore: Giuffrè
    Collana: Fatto & diritto
    Data di pubblicazione: dicembre 2008
    Prezzo: 38,00 -5% 36,10 €

    Il testo, aggiornato alle più recenti pronunce della giurisprudenza di legittimità, nonché agli ultimi orientamenti dottrinali, tratta, attraverso l'analisi della normativa contenuta all'interno del nostro Codice Penale e nella legislazione speciale, della tematica dei delitti contro l'ordine pubblico e l'incolumità pubblica.
    L'opera si suddivide in due parti; la prima dedicata ai delitti contro l'ordine pubblico e la seconda in materia di delitti contro... (continua)