Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 427 Codice penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Danneggiamento seguito da inondazione, frana o valanga

Dispositivo dell'art. 427 Codice penale

Chiunque rompe, deteriora o rende (1) in tutto o in parte inservibili chiuse, sbarramenti, argini, dighe o altre opere destinate alla difesa contro acque, valanghe o frane, ovvero alla raccolta o alla condotta delle acque, al solo scopo di danneggiamento (2), è punito, se dal fatto deriva il pericolo di una inondazione o di una frana, ovvero della caduta di una valanga, con la reclusione da uno a cinque anni [450].

Se il disastro si verifica, la pena è della reclusione da tre a dieci anni [449] (3).

Note

(1) Si tratta di condotte prodromiche a quelle considerate punibili ex art. 426.
(2) Tale fattispecie si differenzia da quella di cui all'art. 426, per il fine del danneggiamento.
(3) Il comma secondo prevede delle condizioni obiettive di punibilità, che se non si verificano comportano l'applicazione del delitto di danneggiamento ex art. 635, comma 3, o del tentativo di inondazione, frana o valanga ex art. 426.

Ratio Legis

Ciò che viene tutelato è la messa in pericolo di un numero indeterminato di persone, per la potenzialità ed attitudine delle condotte aggressive a proiettare i propri effetti al di là degli individui minacciati o colpiti, protetti non come tali, ma come appartenenti alla comunità.

Spiegazione dell'art. 427 Codice penale

A differenza dell'articolo precedente (art. 426), viene qui disciplinata un'ipotesi di reato di pericolo concreto, essendo tale requisito espressamente indicato dalla norma.

Per tale motivo la sua sussistenza va valutata dal giudice in base a tutti gli elementi in concreto del fatto.

La condotta è diretta al danneggiamento di opere destinate alla difesa contro acque, valanghe e frane, mentre se diretta a cagionare l'inondazione, la frana o la valanga, essa integrerà il reato di cui all'articolo precedente.

Nella norma in esame il dolo generico deve infatti ricoprire solamente la volontà di danneggiare le opere suddette, con la consapevolezza di poter determinare il pericolo di valanga, inondazione, frana.

Se si cagiona una valanga, un'inondazione, una frana, la pena è aumentata, pur senza raggiungere la pena edittale prevista dall'articolo precedente, data la differente direzione dell'elemento psicologico.

Anche qui l'evento di danno deve comunque raggiungere proporzioni ragguardevoli per vastità e difficoltà di contenimento.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

Testi per approfondire questo articolo

  • I delitti contro l'ordine e l'incolumità pubblica

    Autore: Marani Simone
    Editore: Giuffrè
    Collana: Fatto & diritto
    Data di pubblicazione: dicembre 2008
    Prezzo: 38,00 -5% 36,10 €

    Il testo, aggiornato alle più recenti pronunce della giurisprudenza di legittimità, nonché agli ultimi orientamenti dottrinali, tratta, attraverso l'analisi della normativa contenuta all'interno del nostro Codice Penale e nella legislazione speciale, della tematica dei delitti contro l'ordine pubblico e l'incolumità pubblica.
    L'opera si suddivide in due parti; la prima dedicata ai delitti contro l'ordine pubblico e la seconda in materia di delitti contro... (continua)

  • Trattato di diritto penale
    Parte Speciale: volume IX. Reati contro l'incolumità pubblica. Tomo II: reati di comune pericolo mediante frode

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: gennaio 2013
    Prezzo: 80,00 -5% 76,00 €

    Il volume, che, sul versante dei 'reati contro l'incolumità pubblica', si aggiunge a quello già edito nel 2008 in tema di 'reati di comune pericolo mediante violenza', ha ad oggetto la disciplina dei delitti di comune pericolo mediante frode, ossia di illeciti penali suscettibili di esporre a pericolo la vita o la salute di una pluralità indeterminata di persone, attraverso modalità offensive che si collegano a oggetti materiali normativamente determinati:... (continua)

  • Trattato di diritto penale - Parte speciale Vol. IV: I delitti contro l'incolumità pubblica e in materia di stupefacenti - Materiali (bibliografia - fonti - giurisprudenza)

    Data di pubblicazione: settembre 2010
    Prezzo: 30,00 -5% 28,50 €

    L’opera raccoglie tutto ciò che è citato nel testo del volume “Delitti contro l’incolumità pubblica e in materia di stupefacienti”, il quarto volume del Trattato di Diritto Penale, e nello specifico:- articoli dei codici citati (anche dei codici stranieri)- bibliografia- massime delle sentenze citate- sentenze per esteso citate

    (continua)
  • I delitti contro l'incolumità pubblica
    I delitti di comune pericolo mediante frode

    Editore: CEDAM
    Collana: Trattato diritto penale. Parte speciale
    Data di pubblicazione: giugno 2014
    Prezzo: 75,00 -5% 71,25 €

    Ciascuna figura di reato, doloso o colposo, di comune pericolo mediante frode – nel codice penale o nella normativa complementare – viene ricostruita attraverso analisi accurata della giurisprudenza. Spicca l’approfondimento della normativa extrapenale (nazionale e comunitaria) sulla quale si innestano le norme incriminatrici. L'autore fa chiarezza in ordine alle posizioni di garanzia nella filiera di produzione, distribuzione e controllo di acque, alimenti e medicinali.... (continua)