Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 268 Codice penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n.1398)

Parificazione degli Stati alleati

Dispositivo dell'art. 268 Codice penale

Le pene stabilite negli articoli 247 e seguenti si applicano anche quando il delitto è commesso a danno di uno Stato estero alleato o associato (1), a fine di guerra, con lo Stato italiano.

Note

(1) Lo stato alleato è tale in funzione di una convenzione diplomatica attraverso cui due o più Stati si obbligano tra loro ad intervenire in aiuto dello Stato o degli Stati che vengano attaccati da uno Stato terzo. Mentre lo stato associato è tale in virtù di uno stato di fatto e non quindi di un accordo.

Ratio Legis

La ratio della disposizione si coglie nella necessità di sanzionare le condotte che, ledendo gli interessi degli stati alleati o associati, finiscono per incidere anche sugli interessi bellici dello Stato italiano.

Spiegazione dell'art. 268 Codice penale

La norma stabilisce che le pene previste per condotte lesive dell'interesse nazionale e della libertà e indipendenza dello Stato si applicano anche quando dirette verso uno Stato estero alleato, in tempo di guerra, con lo Stato italiano. In tali casi, infatti, l'offesa e la messa in pericolo degli interessi degli alleati si riverbera sugli interessi nazionali protetti dalle norme di cui agli artt. 247 e ss..

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

Testi per approfondire questo articolo