Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 93 Codice Penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

[Aggiornato al 28/02/2021]

Fatto commesso sotto l'azione di sostanze stupefacenti

Dispositivo dell'art. 93 Codice Penale

Le disposizioni dei due articoli precedenti si applicano anche quando il fatto è stato commesso sotto l'azione di sostanze stupefacenti [729](1).

Note

(1) Se il fatto è commesso sotto l'azione di stupefacenti si applicano le disposizioni relative ai fatti commessi nel corrispondente stato provocato dall'abuso di alcolici. Gli articoli 13 e 14 del d.P.R. n. 309 del 1990 definiscono i criteri in base ai quali il Ministro della Sanità di concerto con quello di Giustizia, sentito l’Istituto Superiore della sanità, classifica le sostanze stupefacenti in sei tabelle contenenti l’elenco delle sostanze stesse in conformità alle normative internazionali. L'immissione continua nel mercato di nuove sostanze lascia però la questione aperta.

Ratio Legis

Dal momento che l'uso di sostanze stupefacenti provoca una situazione di alterazione psichica in capo al soggetto che le ha assunte, pari a quella prodotta dalle sostanze alcoliche, il legislatore ha ritenuto di applicarvi la medesima disciplina.

Spiegazione dell'art. 93 Codice Penale

Il legislatore equipara sostanzialmente l'assunzione di stupefacenti all'assunzione di alcol, prevedendone la stessa disciplina, sia per quanto riguarda l'alterazione psicotropa derivata da caso fortuito o da forza maggiore, a cui si applica l'art. 91, sia per quanto riguarda l'alterazione psicotropa volontaria o preordinata, cui si applica invece l'art. 92.

Massime relative all'art. 93 Codice Penale

Cass. pen. n. 7363/2003

Affinché si possa ritenere esclusa o diminuita la imputabilità dell'agente, l'intossicazione da sostanze stupefacenti deve essere caratterizzata dalla permanenza e dall'irreversibilità e, cioè, da condizioni psichiche che permangono indipendentemente dal rinnovarsi dell'assunzione o meno di sostanze stupefacenti, condizioni che, in ogni caso, debbono essere valutate con riferimento al momento in cui il fatto-reato è stato commesso.

Cass. pen. n. 3351/1989

Gli stati di tossicodipendenza possono produrre un'alterazione dei processi intellettivi e volitivi di un soggetto, così incidendo sulla sua imputabilità solo quando raggiungono il livello di una grave e permanente intossicazione determinante un vero e proprio stato patologico psicofisico.

Cass. pen. n. 541/1989

Il solo stato di tossicodipendenza dell'imputato non ha rilevanza ai fini dell'imputabilità, a meno che la droga non sia stata assunta per forza maggiore o per caso fortuito o abbia determinato una irreversibile intossicazione patologica che, provocando alterazioni psichiche permanenti, consente di concludere che il soggetto sia un vero malato di mente.

Cass. pen. n. 7633/1987

Lo stato di intossicazione acuta da sostanze stupefacenti, al pari dell'ubriachezza accidentale, costituisce una eccezione rispetto a quella volontaria e colposa e, quindi, è assolutamente irrilevante ai fini dell'accertamento dell'imputabilità, quando si provi o comunque risulti che l'assunzione delle sostanze sia riconducibile ad un atto volontario e consapevole dell'agente, anche se determinata da imprudenza, imperizia o negligenza.

Cass. pen. n. 8918/1985

Non influisce sull'imputabilità, ad eccezione del caso fortuito della forza maggiore, lo stato di intossicazione temporanea da assunzione di stupefacenti, che altera la capacità di intendere e di volere soltanto correlativamente all'azione perturbatrice della droga durante la sua assimilazione nell'organismo umano, anche se lo stato di dipendenza venutosi a creare rende di fatto non facile, senza peraltro escluderlo, il recupero del tossicomane.

Cass. pen. n. 2116/1985

Anche al di fuori dell'ipotesi di intossicazione cronica, l'uso e l'abuso di sostanze stupefacenti (o alcooliche) possono concorrere a determinare una condizione giuridica di minorata o esclusa capacità di intendere e di volere, ma solo quando influiscano, aggravandone gli aspetti morbosi, su una preesistente infermità di mente, e non già quando si innestino in un mero stato di personalità disturbata. Ne consegue che va esclusa l'esistenza di un vizio parziale di mente in simili ipotesi di intossicazione perché esso è considerato irrilevante ai fini dell'imputabilità dagli artt. 92 e 93 c.p. o addirittura come circostanza aggravante del reato contestualmente concesso dall'art. 94 c.p.

Cass. pen. n. 4420/1984

Ai fini dell'accertamento della capacità di intendere e di volere, lo stato di intossicazione da stupefacenti deve essere riferito al momento della consumazione del reato, con la più ampia discrezionalità per il giudice di accertarne l'entità e gli effetti onde stabilire il grado di imputabilità dell'imputato.

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

Testi per approfondire questo articolo

  • Casualità e imputazione oggettiva

    Collana: Nuove ricerche di scienze penalistiche
    Pagine: 416
    Data di pubblicazione: aprile 2011
    Prezzo: 44 €
    Categorie: Colpevolezza

    Il lavoro si propone di dare un contributo diretto a ridisegnare la problematica attinente alla rilevanza del nesso di causalità in materia penale. Accertata l'insufficienza del solo paradigma condizionalistico, anche se sostenuto dal ricorso a "leggi scientifiche", si prefigge di integrare l'accertamento nomologico mediante il riferimento a criteri di valore. Si pone, dunque, l'esigenza di far riferimento ad una causalità normativa che consenta di operare una selezione, in... (continua)