Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 151 Codice di procedura penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

Notificazioni richieste dal pubblico ministero

Dispositivo dell'art. 151 Codice di procedura penale

1. Le notificazioni di atti del pubblico ministero nel corso delle indagini preliminari sono eseguite dalla polizia giudiziaria o dall'ufficiale giudiziario, ovvero dalla polizia giudiziaria nei soli casi di atti di indagine o provvedimenti che la stessa polizia giudiziaria è delegata a compiere o è tenuta ad eseguire (1) (3).

2. La consegna di copia dell'atto all'interessato da parte della segreteria ha valore di notificazione [148 4]. Il pubblico ufficiale addetto annota sull'originale dell'atto la eseguita consegna e la data in cui questa è avvenuta.

3. La lettura dei provvedimenti alle persone presenti e gli avvisi che sono dati dal pubblico ministero verbalmente agli interessati in loro presenza sostituiscono le notificazioni, purché ne sia fatta menzione nel verbale.

4. [Il decreto di irreperibilità emesso a norma dell'articolo 159 dal pubblico ministero ha valore solo per le notificazioni di propri atti e limitatamente alla fase delle indagini preliminari. A seguito della emissione del decreto, la notificazione è eseguita mediante consegna di copia al difensore.](4)

Note

(1) Le attività della polizia giudiziaria che esulano dai compiti istituzionali sono compresse, al fine di concentrare le risorse prevalentemente sui reati di terrorismo internazionale.
(2) Il primo comma è stato così sostituito dall’art. 17, comma 2, del D.L. 27 luglio 2005, n. 144, convertito con modificazioni nella l. 31 luglio 2005, n.155
(3) L'art. 2 del d.lgs. 14 gennaio 1991, n. 12 ha abrogato l'ultimo comma del presente articolo. il quale prevedeva che: "4. Il decreto di irreperibilità emesso a norma dell'articolo 159 dal pubblico ministero ha valore solo per le notificazioni di propri atti e limitatamente alla fase delle indagini preliminari. A seguito della emissione del decreto, la notificazione è eseguita mediante consegna di copia al difensore".
(4) Comma soppresso dall'art. 2 del D.Lgs. 14 gennaio 1991 n. 12.

Ratio Legis

La norma predispone un'autonoma disciplina per le notificazioni richieste dal pubblico ministero, una scelta legislativa che si spiega alla luce della posizione di parte da questo ricoperta all'interno della dinamica processuale.

Massime relative all'art. 151 Codice di procedura penale

Cass. pen. n. 21875/2014

La nullità conseguente alla notifica all'imputato del decreto di citazione a giudizio presso lo studio del difensore di fiducia anziché presso il domicilio dichiarato, è di ordine generale a regime intermedi in quanto detta notifica, seppur irritualmente eseguita, non è inidonea a determinare la conoscenza dell'atto da parte dell'imputato, in considerazione del rapporto fiduciario che lo lega al difensore.

Cass. pen. n. 4903/1994

È abnorme l'ordinanza con cui il pretore, dichiarata la nullità della notifica del decreto di citazione a giudizio, operata dalla polizia giudiziaria su richiesta del pubblico ministero, rimette gli atti a questi. La suddetta notifica, invero, è legittima ai sensi dell'art. 151, comma 1, c.p.p., dal momento che la locuzione «nel corso delle indagini preliminari» comprende anche l'atto terminale delle indagini stesse, mentre l'abnormità deriva dalla conseguente illegittima rimessione in termini dell'imputato nelle facoltà indicate nella lettera e) dell'art. 555 c.p.p., determinata dalla declaratoria di nullità.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.