Cassazione penale Sez. IV sentenza n. 21056 del 11 maggio 2018

(2 massime)

(massima n. 1)

Nel processo penale non Ŕ consentito alla parte privata l'uso della posta elettronica certificata per la trasmissione dei propri atti alle altre parti nÚ per il deposito presso gli uffici, perchÚ l'utilizzo di tale mezzo informatico - ai sensi dell'art. 16, comma 4, d.l. 18 ottobre 2012, n. 179, convertito con modificazioni dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221 - Ŕ riservato alla sola cancelleria per le comunicazioni richieste dal pubblico ministero ex art. 151 cod. proc. pen. e per le notificazioni ai difensori disposte dall'autoritÓ giudiziaria.

(massima n. 2)

╚ inammissibile l'opposizione a decreto penale di condanna presentata a mezzo di Posta Elettronica Certificata, stante il principio di tassativitÓ ed inderogabilitÓ delle forme per la presentazione delle impugnazioni, trattandosi di modalitÓ non consentita dalla legge, in ragione dell'assenza di una norma specifica che consenta nel sistema processuale penale il deposito di atti in via telematica, e nonostante che per espressa previsione di legge il valore legale della posta elettronica certificata sia equiparato alla raccomandata con ricevuta di ritorno.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.