Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 152 Codice di procedura penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

[Aggiornato al 28/02/2020]

Notificazioni richieste dalle parti private

Dispositivo dell'art. 152 Codice di procedura penale

1. Salvo che la legge disponga altrimenti, le notificazioni richieste dalle parti private possono essere sostituite dall'invio di copia dell'atto effettuata dal difensore mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento.

Ratio Legis

Nel pieno rispetto del contraddittorio, in un processo di parti, il legislatore ha reso possibile anche alle parti private che hanno interesse di poter accedere alla notificazione degli atti.

Spiegazione dell'art. 152 Codice di procedura penale

Posto che solo nei confronti dell'imputato il legislatore ha ritenuto di dover caratterizzare le norme sulle notificazioni da uno stretto formalismo, in un'ottica di garanzia, spiccate esigenze antiformalistiche hanno invece ispirato le notificazioni richieste dalle parti private.

Salvo che la legge disponga altrimenti, è possibile sostituire alle forme ordinarie l'invio di copia dell'atto effettuato dal difensore mediante lettere raccomandata con avviso di ricevimento.

Di conseguenza, la notificazione è da ritenersi perfezionata con la ricezione della raccomandata secondo le norme dell'ordinamento postale. A al proposito, l'art. 56 disp. att. c.p.p. impone al difensore di documentare la spedizione con il deposito i cancelleria della copia dell'atto inviato, l'attestazione della conformità dell'atto all'originale e l'avviso di ricevimento.

Massime relative all'art. 152 Codice di procedura penale

Cass. pen. n. 10637/2002

La remissione di querela intervenuta nel corso del giudizio di cassazione opera come causa di estinzione del reato anche in presenza di ritenuta inammissibilità del ricorso, atteso che essa è validamente effettuabile sino a quando non sia intervenuta una sentenza irrevocabile di condanna e quindi sino a quando, ai sensi dell'art. 648, comma 2, c.p.p., non sia stata «pronunciata l'ordinanza o la sentenza che dichiara inammissibile o rigetta il ricorso».

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

Testi per approfondire questo articolo

  • Notificazioni e processo senza imputato. Vizi e difetti della comunicazione nel procedimento penale

    Editore: Giuffrè
    Collana: Teoria e pratica del diritto. Maior
    Data di pubblicazione: giugno 2015
    Prezzo: 95,00 -5% 90,25 €
    Categorie: Notifiche

    Il volume analizza i meccanismi di comunicazione nel procedimento penale, con particolare riguardo all'istituto delle notificazioni, includendone le nuove forme (tra cui quella telematica). La trattazione non può prescindere dall'analisi della l. n. 67/2014, che suscita delicate criticità interpretative dovute, da un lato, alla necessità di superare l'istituto della contumacia, virando verso la conoscenza effettiva della vocatio in iudicium senza però,... (continua)

  • Il «render noto» nel processo penale

    Editore: Giuffrè
    Collana: Studi di diritto processuale penale
    Pagine: 372
    Data di pubblicazione: giugno 2012
    Prezzo: 40,00 -5% 38,00 €
    Categorie: Notifiche

    L'istituto delle notificazioni, che nel passaggio dall'ignoto al noto ricerca l'obiettivo di rendere pubblicità al singolo di un atto interno al processo, non sempre assicura la presenza dell'imputato al processo, non garantendo la sua autodifesa. Il rito degli irreperibili, non superato dalle norme sul c.d. giusto processo, reca il segno della contraddizione del sistema, di un processo penale celebrato al di fuori della partecipazione dell'imputato, e senza che ciò risalga... (continua)