Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 410 bis Codice di procedura penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n.477)

Nullità del provvedimento di archiviazione

Dispositivo dell'art. 410 bis Codice di procedura penale

1. Il decreto di archiviazione è nullo se è emesso in mancanza dell'avviso di cui ai commi 2 e 3-bis dell'articolo 408 e al comma 1-bis dell'articolo 411 ovvero prima che il termine di cui ai commi 3 e 3-bis del medesimo articolo 408 sia scaduto senza che sia stato presentato l'atto di opposizione. Il decreto di archiviazione è altresì nullo se, essendo stata presentata opposizione, il giudice omette di pronunciarsi sulla sua ammissibilità o dichiara l'opposizione inammissibile, salvi i casi di inosservanza dell'articolo 410, comma 1.

2. L'ordinanza di archiviazione è nulla solo nei casi previsti dall'articolo 127, comma 5.

3. Nei casi di nullità previsti dai commi 1 e 2, l'interessato, entro quindici giorni dalla conoscenza del provvedimento, può proporre reclamo innanzi al tribunale in composizione monocratica, che provvede con ordinanza non impugnabile, senza intervento delle parti interessate, previo avviso, almeno dieci giorni prima, dell'udienza fissata per la decisione alle parti medesime, che possono presentare memorie non oltre il quinto giorno precedente l'udienza.

4. Il giudice, se il reclamo è fondato, annulla il provvedimento oggetto di reclamo e ordina la restituzione degli atti al giudice che ha emesso il provvedimento. Altrimenti conferma il provvedimento o dichiara inammissibile il reclamo, condannando la parte privata che lo ha proposto al pagamento delle spese del procedimento e, nel caso di inammissibilità, anche al pagamento di una somma in favore della cassa delle ammende nei limiti di quanto previsto dall'articolo 616, comma 1.

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

Quesiti degli utenti
relativi all'articolo 410 bis Codice di procedura penale

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Mario M. chiede
mercoledì 13/06/2018 - Puglia
“Il giudice monocratico emette una dichiarazione di inammissibilità di un reclamo. All'udienza camerale è presente l'avvocato dell'imputata. Posso ricorrere in Cassazione e chiedere l'annullamento visto che non è prevista la presenza delle parti?”
Consulenza legale i 20/06/2018

L’ordinanza emessa dal giudice monocratico ex. art. 410 bis bis c.p.p. non è impugnabile in Cassazione.

Già la disposizione di legge, infatti, al comma terzo stabilisce che il giudice monocratico, nei casi di nullità previsti dai commi 1 e 2 dell'art. 410 bis bis stesso, provvede a decidere il reclamo con ordinanza non impugnabile.

Sul tema dell'impugnabilità dell'ordinanza del giudice monocratico, tuttavia, è definitivamente intervenuta una sentenza della corte di cassazione che ha chiarito che la stessa non è mai impugnabile.

In particolare, infatti, secondo la sentenza n. 17535 del 23.03.2018 della Sez. VI della Corte di Cassazione, "L'ordinanza emessa in sede di reclamo a norma dell'art. 410 c.p.p., avverso il decreto o l'ordinanza di archiviazione è provvedimento non impugnabile”.

Secondo la Cassazione, peraltro, l’impossibilità di impugnare l’ordinanza ex. art. 410 c.p.p. è perfettamente compatibile con i principi costituzionali italiani e sovranazionali.

Infatti, sia pur ai sensi dell’art. 111 comma 7 della Costituzione "contro le sentenze e contro i provvedimenti sulla libertà personale, pronunciati dagli organi giurisdizionali ordinari o speciali, è sempre ammesso ricorso per violazione di legge”, la giurisprudenza penale ha sempre escluso che detta garanzia potesse operare nei confronti delle ordinanze e dei decreti di archiviazione, evidenziando che, e questo è un punto particolarmente importante, “proprio in ragione della limitata efficacia di accertamento del provvedimento di archiviazione, la persona offesa non solo può sollecitare una riapertura delle indagini anche sulla base di investigazioni difensive, ma, nonostante la decisione di non esercizio dell'azione penale, conserva "l'intatta facoltà di esercitare i propri diritti d'azione e difesa, ampiamente e senza preclusione alcuna, nella sede (civile) propria" (cfr., Sez. 1, n. 9440 del 03/02/2010, Di Vincenzo, Rv. 246779).

Dovendo dunque dare risposta necessariamente negativa al suo quesito, tuttavia, pare comunque necessario interrogarsi sulla possibilità di esperire rimedi diversi dall’impugnazione in Cassazione.

In particolare, secondo l’orientamento attuale della Suprema Corte, possono essere esperiti due diversi rimedi avverso l’ordinanza emessa dal giudice monocratico ex. art. 410 c.p.p.:

  1. Istanza di revoca dell’ordinanza; dice infatti la Suprema Corte: "Innanzitutto, può osservarsi che l'ordinanza prevista dall’ art. 410 bis c.p.p., è definita come "non impugnabile", ma questo non significa "non revocabile". In altri termini, il testo normativo, se esclude l'ammissibilità dell'esperimento di un mezzo di impugnazione, come appunto il ricorso per cassazione, non risulta testualmente ostativo ad una istanza di revoca”.
  2. Istanza al Pubblico Ministero affinché riapra le indagini; dice in questo caso la Suprema Corte: “i provvedimenti in materia di archiviazione sono privi di stabilità, anche perchè, a norma dell’art. 414 c.p.p., dopo un provvedimento di archiviazione è sempre possibile la riapertura delle indagini preliminari”.

Ecco che, dunque, per rispondere alla sua domanda, non potrà proporre ricorso in Cassazione avverso l’ordinanza del giudice monocratico che ha deciso sul reclamo ma potrà proporre istanza di revoca o chiedere al Pubblico Ministero, qualora ve ne siano i presupposti, di riaprire le indagini.





Testi per approfondire questo articolo

  • Le indagini atipiche

    Collana: Leggi penali tra regole e prassi
    Data di pubblicazione: dicembre 2014
    Prezzo: 55,00 -10% 49,50 €

    Si diffondono metodi investigativi ignoti alla disciplina o derivanti da previsioni affette da un alto deficit di determinatezza; sono interventi affilati e notevolmente cresciuti, in parallelo allo sviluppo tecnologico. Ma non è detto che ogni manovra inquirente è legittima sol perché manca un divieto specifico; può darsi che il limite stia nei diritti inviolabili della persona. In ogni caso, anche laddove essa è consentita si tratta di capire se le... (continua)

  • La ricostruzione del fatto nelle investigazioni penali

    Editore: CEDAM
    Collana: Problemi attuali della giustizia penale
    Pagine: 268
    Data di pubblicazione: giugno 2012
    Prezzo: 24,00 -10% 21,60 €

    La fase investigativa risulta, oggi, sempre più rilevante per la ricostruzione del fatto; anche perché le nuove tecnologie, messe a disposizione dalla scienza, hanno radicalmente trasformato l’accertamento giudiziario, incrementando le possibilità di sviluppare le indagini. Queste, oramai, da un atto iniziale, progrediscono continuamente, e consentono di ricercare, acquisire, far interagire nuove conoscenze che incidono sulla dinamica investigativa, modificandone... (continua)

  • L'interrogatorio investigativo. Disciplina giuridica e modalità operative

    Pagine: 160
    Data di pubblicazione: giugno 2010
    Prezzo: 22,00 -10% 19,80 €

    Se da un lato il progresso tecnologico mette continuamente a disposizione degli investigatori metodologie e strumenti che consentono di svolgere le indagini in modo sempre più rapido ed efficace, con risultati oggettivamente validi e incontrovertibili, enfatizzando troppo spesso l’indagine scientifica, dall’altro è da rilevare che un’inchiesta giudiziaria non può prescindere dall’acquisizione di informazioni e notizie, che non derivano... (continua)

  • Le indagini preliminari della polizia giudiziaria e del pubblico ministero

    Autore: Grilli Luigi
    Editore: CEDAM
    Collana: La biblioteca del penalista
    Pagine: 722
    Data di pubblicazione: aprile 2012
    Prezzo: 66,00 -10% 59,40 €

    L’Autore si è concentrato sulla ricostruzione della prima fase del procedimento penale, che inizia con la ricezione

    della notitia criminis da parte della polizia giudiziaria o del pubblico ministero e termina quando quest’ultimo esercita

    l’azione penale o ottiene dal giudice l’archiviazione richiesta.

    La fase procedimentale non consente di regola il contraddittorio tra le parti, anche se prevede l’assistenza del difensore ad alcuni... (continua)

  • Rapporti tra Pubblico Ministero, polizia giudiziaria e difensore nelle indagini preliminari

    Editore: Giuffrè
    Collana: Teoria pratica diritto. Penale e process.
    Data di pubblicazione: settembre 2013
    Prezzo: 27,00 -10% 24,30 €

    L'opera, arricchita dai più recenti riferimenti normativi e giurisprudenziali, presenta un quadro preciso e completo dei vari soggetti coinvolti nell'azione penale, delineando un impianto in forte sinergia, secondo il rispetto dei principi dell'obbligatorietà dell'azione penale, della disponibilità diretta e dipendenza funzionale della Polizia Giudiziaria nei confronti dell'Autorità Giudiziaria e dedicando ampia disamina anche al ruolo del difensore, parte in... (continua)

  • Gli strumenti di controllo sulla sede dell'indagine

    Autore: Camon Alberto
    Editore: Giappichelli
    Collana: Procedura penale. Studi
    Data di pubblicazione: dicembre 2011
    Prezzo: 24,00 -10% 21,60 €

    Il tema dei procedimenti diretti ad appurare che l’indagine sia portata avanti dal giusto ufficio è caratterizzato da due lacune: una sta nelle norme, l’altra nella teoria, ma risalgono entrambe all’illusione accusatoria che ha segnato la fine degli anni Ottanta. La convinzione che il cuore del processo penale sarebbe stato il dibattimento e che i momenti anteriori – meno importanti – potessero essere regolati secondo forme e garanzie poco stringenti,... (continua)