Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 388 Codice di procedura penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

[Aggiornato al 28/02/2020]

Interrogatorio dell'arrestato o del fermato

Dispositivo dell'art. 388 Codice di procedura penale

1. Il pubblico ministero può procedere all'interrogatorio dell'arrestato o del fermato, dandone tempestivo avviso al difensore di fiducia ovvero, in mancanza, al difensore di ufficio(1).

2. Durante l'interrogatorio, osservate le forme previste dall'articolo 64, il pubblico ministero informa l'arrestato o il fermato del fatto per cui si procede e delle ragioni che hanno determinato il provvedimento comunicandogli inoltre gli elementi a suo carico e, se non può derivarne pregiudizio per le indagini, le fonti [375 3, 294 3].

Note

(1) Prima di tale interrogatorio all'arrestato e al fermato non è dovuta l'informazione ex art. 369.

Ratio Legis

Tale disposizione trova la propria ratio nell'esigenza di garantire anche in sede di interrogatorio del soggetto arrestato o fermato il diritto di difesa.

Spiegazione dell'art. 388 Codice di procedura penale

L'interrogatorio da parte del pubblico ministero rappresenta una mera facoltà, nonostante egli sia l'organo deputato a richiedere poi al g.i.p. la convalida dell'arresto, del fermo o della misura dell'allontanamento d'urgenza dalla casa familiare.

Ad ogni modo, il pubblico ministero può procedere all'interrogatorio (con le guarantigie di cui all'art. 64), dandone tempestivo avviso al difensore di fiducia o al difensore d'ufficio.

In tal caso va precisato che per l'interrogatorio del pubblico ministero non è indispensabile la presenza del difensore dell'arrestato o del fermato.

Ai sensi del secondo comma, qualora si proceda ad interrogatorio, il p.m. deve informare il soggetto del fatto per cui si procede e delle ragioni che hanno determinato il provvedimento, comunicandogli inoltre gli elementi di prova a suo carico e le fonti di prova, a meno che, in quest'ultima ipotesi, non posa derivarne un pregiudizio per le indagini.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

Testi per approfondire questo articolo

  • Le misure cautelari personali nella strategia del «minimo sacrificio necessario» (legge 16 aprile 2015, n. 47)

    Collana: Giustizia penale attuale
    Data di pubblicazione: gennaio 2016
    Prezzo: 18,00 -5% 17,10 €

    La legge 16 aprile 2015, n. 47, commentata nel presente volume, profitta delle censure della Corte di Strasburgo riguardo al sovraffollamento cronico degli istituti penitenziari italiani per incrementare i presìdi a tutela della libertà personale in materia cautelare. Le direttrici attorno alle quali si sviluppa la riforma sono qui analizzate in altrettanti saggi. La prima tende a conferire maggiore risalto alla presunzione d'innocenza dell'imputato, cercando di evitare che... (continua)

  • L'arcipelago delle confische. Spunti per una sistematica delle misure patrimoniali

    Collana: Quad. periodici Unione Camere Penali
    Pagine: 173
    Data di pubblicazione: gennaio 2017
    Prezzo: 18,00 -5% 17,10 €
    Il volume raduna una serie di contributi inerenti alla macro area - di particolare attualità - delle misure patrimoniali, attraverso-la selezione di temi problematici, in un tracciato che assembla elaborazioni scientifiche, approdi giurisprudenziali e indicazioni di diritto internazionale. Gli avvocati dell'Osservatorio sulle Misure Patrimoniali dell'Unione Camere Penali Italiane si sono posti l'ambizioso obiettivo di evidenziare l'asistematicità che connota una materia in... (continua)
  • Il rinnovamento delle misure cautelari

    Collana: Leggi penali tra regole e prassi
    Data di pubblicazione: settembre 2015
    Prezzo: 26,00 -5% 24,70 €

    La riforma del sistema delle cautele, realizzata con la legge 16 aprile 2015, n. 47, si inserisce nel quadro generale di frammentarietà patologica che ha caratterizzato gli ultimi, e non sempre razionali, interventi legislativi in materia. Le ragioni ispiratrici della legge sono molteplici e condivisibili. Sulla spinta di obblighi derivanti dalle censure europee e dai moniti della Corte costituzionale, essa mira al decongestionamento penitenziario. Al contempo, emerge l'intento di... (continua)

  • Misure cautelari ad personam in un triennio di riforme

    Collana: Leggi penali tra regole e prassi
    Pagine: 248
    Data di pubblicazione: febbraio 2015
    Prezzo: 28,00 -5% 26,60 €

    Da molti anni, e da più parti, si sottolinea il problema, ormai di entità non più tollerabile, del sovraffollamento carcerario la cui soluzione richiede interventi strutturali rispetto ai ciclici provvedimenti di clemenza. È un dato dì fatto che alla causazione del fenomeno contribuisca in maniera certamente non indifferente anche l'uso smodato della custodia cautelare. A venticinque anni dalla entrata in vigore del nuovo codice di procedura penale, in... (continua)

  • Le misure cautelari personali

    Editore: Giuffrè
    Collana: Teoria e pratica del diritto. Maior
    Data di pubblicazione: giugno 2016
    Prezzo: 55,00 -5% 52,25 €