Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 387 bis Codice di procedura penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

[Aggiornato al 28/02/2020]

Adempimenti della polizia giudiziaria nel caso di arresto o di fermo di madre di prole di minore età

Dispositivo dell'art. 387 bis Codice di procedura penale

1. Nell'ipotesi di arresto o di fermo di madre con prole di minore età, la polizia giudiziaria che lo ha eseguito, senza ritardo, ne dà notizia al pubblico ministero territorialmente competente, nonché al procuratore della Repubblica presso il tribunale per i minorenni del luogo dell'arresto o del fermo(1).

Note

(1) Tale disposizione è stata inserita dall'art. 15-bis, comma 2, lettera a) del D.L. 4 ottobre 2018 n. 113, convertito con modificazioni dalla L. 1 dicembre 2018, n. 132.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

Testi per approfondire questo articolo

  • Il rinnovamento delle misure cautelari

    Collana: Leggi penali tra regole e prassi
    Data di pubblicazione: settembre 2015
    Prezzo: 26,00 -5% 24,70 €

    La riforma del sistema delle cautele, realizzata con la legge 16 aprile 2015, n. 47, si inserisce nel quadro generale di frammentarietà patologica che ha caratterizzato gli ultimi, e non sempre razionali, interventi legislativi in materia. Le ragioni ispiratrici della legge sono molteplici e condivisibili. Sulla spinta di obblighi derivanti dalle censure europee e dai moniti della Corte costituzionale, essa mira al decongestionamento penitenziario. Al contempo, emerge l'intento di... (continua)