Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 595 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Cessazione dell'amministrazione giudiziaria

Dispositivo dell'art. 595 Codice di procedura civile

In ogni momento il creditore pignorante o uno dei creditori intervenuti può chiedere che il giudice dell'esecuzione, sentite le altre parti, proceda a nuovo incanto o all'assegnazione dell'immobile (1). Durante l'amministrazione giudiziaria ognuno può fare offerta d'acquisto a norma degli articoli 571 e seguenti.

L'amministrazione cessa, e deve essere ordinato un nuovo incanto, quando viene a scadere il termine previsto nell'ordinanzadi cui all'articolo 592 (2), tranne che il giudice, su richiesta di tutte le parti, non ritenga di poter concedere una o più proroghe (3) che non prolunghino complessivamente l'amministrazione oltre i tre anni.

Note

(1) Anche durante lo svolgimento dell'amministrazione giudiziaria il creditore procedente e i creditori intervenuti possono richiedere al giudice, previa audizione delle parti, di procedere ad un nuovo incanto o di disporre l'assegnazione dell'immobile. Nel caso in cui il giudice decida di fissare la data per un nuovo incanto, visto che l'amministrazione giudiziaria ha come fine quello di cercare di realizzare una vendita ad un prezzo non ridotto rispetto a quello dell'incanto precedente, nel nuovo incanto il giudice deve fissare il prezzo sulla base di quello originariamente determinato ai sensi dell'art. 568 del c.p.c..
(2) Solamente nell'ipotesi in cui l'ammontare delle somme ricavate dallo svolgimento dell'amministrazione giudiziaria sia tale da formare una massa in grado di soddisfare i creditori aventi diritto è possibile evitare sia un nuovo incanto sia l'assegnazione del bene espropriato.
(3) La norma indica la possibilità che il termine di durata dell'amministrazione giudiziaria sia prorogato. Perchè ciò accada è necessario sia che la proroga venga richiesta prima della scadenza del termine originario sia la sussistenza del consenso di tutte le parti, compreso il debitore. Tale richiesta è fatta sottoforma di ricorso scritto, da depositarsi nella cancelleria del giudice dell'esecuzione (si cfr. 486).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 595 Codice di procedura civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

CESARE A. chiede
martedì 13/06/2017 - Lombardia
“Circa la nota 1) questa trae fondamento dalla sentenza 4650 della cassazione civile del 2 marzo 2006 ? In questo caso è esportabile anche al procedimento di espropriazione immobiliare contro privato cittadino nel quale è stata disposta l'amministrazione dopo 3 tentativi di vendita andati deserti e nuovamente disposto il 4° esperimento. Se non è la sentenza indicata da dove trae origine la nota? Grazie”
Consulenza legale i 15/06/2017
La nota da lei indicata ha semplicemente lo scopo di meglio esplicare il contenuto della disposizione di cui all'art. 595 cod. proc. civ., dettata in tema di cessazione dell'amministrazione giudiziaria.

La suddetta disposizione è stata applicata in diverse occasioni dalla giurisprudenza di merito e della Corte di Cassazione, la quale, anche nella specifica sentenza da Lei citata, ha precisato che lo scopo principale dell'amministrazione giudiziaria, è, appunto, quello di "mantenere inalterato il valore stimato dei beni e di evitare la diminuzione che il ricorso ad un nuovo incanto comporterebbe".

E' lo stesso art. 595 c.p.c., poi, a ben precisare che "in qualunque momento (e, dunque, anche durante l'amministrazione giudiziaria n.d.r) il creditore pignorante o uno dei creditori intervenuti può chiedere che il giudice dell'esecuzione, sentite le altre parti, proceda a nuovo incanto o all'[def ref=assegnazione (pignoramento)assegnazione[/def] dell'immobile".

In questo caso, dunque, l'amministrazione giudiziaria continuerà fino a quando il bene non sia trasferito all'aggiudicatario o assegnatario, al quale verrà rilasciato il bene oggetto di esecuzione.

I principi sopra esposti trovano, dunque, certamente applicazione anche al caso da lei prospettato. Se il giudice dell'esecuzione ha disposto l'amministrazione giudiziaria, questi aveva la possibilità di disporre il quarto incanto (su richiesta del creditore procedente o di uno dei creditori intervenuti e sentite le altre parti).

Inoltre, ai sensi dell'art. 595, comma 2, c.p.c., è altresì possibile che durante il periodo di amministrazione giudiziaria venga presentata un'offerta di acquisto.


Testi per approfondire questo articolo