Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 322 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Conciliazione in sede non contenziosa

Dispositivo dell'art. 322 Codice di procedura civile

(1) L'istanza per la conciliazione in sede non contenziosa (2) è proposta anche verbalmente (3) al giudice di pace competente per territorio secondo le disposizioni della sezione III, capo I, titolo I, del libro I (4) (5).

Il processo verbale di conciliazione in sede non contenziosa (6) costituisce titolo esecutivo a norma dell'articolo 185, ultimo comma, se la controversia rientra nella competenza del giudice di pace.

Negli altri casi il processo verbale ha valore di scrittura privata [215] riconosciuta in giudizio.

Note

(1) Articolo così sostituito con l . 21 novembre 1991, n. 374.
(2) Il tentativo di conciliazione può essere svolto solo se la controversia verta su diritti disponibili, visto che le parti devono raggiungere un accordo di natura transattiva.
(3) La procedura è esente da qualsiasi formalismo, pertanto le parti possono fare richiesta della conciliazione sia per iscritto, con ricorso, che oralmente (le dichiarazioni vengono riportate a verbale dal giudice).
Una volta ricevuta l'istanza, il giudice, mediante biglietto di cancelleria, invita le parti a comparire innanzi a sé in un giorno ed ora determinati per lo svolgimento del tentativo.
Si reputa che la proposizione dell'istanza abbia efficacia interruttiva della prescrizione, pur non essendo espressamente contemplata come ipotesi dall'art. 2943 del c.c..
(4) La norma non stabilisce per la conciliazione in sede non contenziosa alcuna limitazione in ordine alla competenza per valore.
Per quanto concerne, invece, la competenza per materia, il giudice di pace non potrà svolgere tentativi di conciliazione laddove il legislatore abbia già previsto particolari rimedi conciliativi, come nel processo del lavoro (art. 410 del c.p.c.).
(5) In sede non contenziosa, se vi è il consenso di tutte le parti, potrà svolgersi una minima attività istruttoria, come la produzione di documenti o l'audizione di testimoni: il giudice di pace, però, non ha alcun potere di coazione.
(6) Se la conciliazione non riesce o non è stato possibile esperire il tentativo per la mancata comparizione della parte invitata, il procedimento si estingue, a meno che le parti o il ricorrente non chiedano di proseguire il giudizio in via ordinaria.
Si esclude che dalla mancanta presentazione in udienza per il tentativo di conciliazione possano derivare alla parte effetti pregiudizievoli nell'eventuale successivo giudizio.

Ratio Legis

Il tentativo di conciliazione in sede non contenziosa davanti al giudice di pace è un procedimento autonomo, preventivo rispetto al giudizio e facoltativo. Nella prassi, l'istituto ha sempre avuto scarsa applicazione ed è stato oggetto di discussione in relazione al suo rapporto con il D.Lgs. n. 28/10, che ha introdotto la media-conciliazione obbligatoria (ma ora v. Corte costituzionale, sentenza 24 ottobre-6 dicembre 2012, n. 272).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 322 Codice di procedura civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Roberto T. chiede
lunedì 05/09/2011 - Veneto
“Buongiorno,
3 anni fa, ho ricevuto una somma di danaro mediante bonifico bancario (senza casuale e senza motivazioni alcune) pari a 10.000 euro da un (Amico) il quale, mi ha fatto pervenire tramite il suo legale una lettera, dove mi invitava alla suddetta restituzione.
Ho risposto tramite email, che le mie condizioni economiche, al momento molto precarie avendo 2 cessioni del quinto in busta paga (decennali) un mutuo in banca di 145.000 euro (mi restano circa 27 anni) ed infine un prestito con la stessa di 12.000 in 6 anni appena stipulato...(sono un impiegato del Ministero della Giustizia) posso a malapena versare 100 euro al mese inizialmente.
L'Avvocato mi risponde, che essendo degradante la mia risposta mi da 10 giorni di tempo, dopo di che mi fara un' ingiunzione penale.
Cosa posso fare?
Distinti Saluti.”
Consulenza legale i 13/10/2011

Secondo il consolidato orientamento della giurisprudenza di legittimità la dazione di una somma, anche attraverso un’operazione di accreditamento su conto corrente bancario, non è di per sé sufficiente a fondare una richiesta di restituzione, allorquando, pur ammessa la ricezione, l’accipiens contesti il titolo in base al quale ne viene richiesta la restituzione. In effetti, potendo una somma di denaro essere data per svariate ragioni, colui che avanza la richiesta di restituzione di somme date presuntivamente a mutuo è tenuto, ai sensi dell’art. 2967 del c.c., primo comma, a provare tutti gli elementi costitutivi della sua pretesa e, dunque, non solo la consegna o la trasmissione del denaro ma anche l’esistenza del titolo sul quale fonda il diritto alla vantata restituzione, ovvero, ad esempio, del contratto di mutuo.

Inoltre, in tema di onere probatorio, la contestazione da parte del preteso mutuatario in ordine alla reale causale del versamento non integra gli estremi di una eccezione in senso sostanziale e non si traduce, pertanto, in un’inversione dell’onere della prova (ex multis: Cass. civ. n. 9541/2010; Cass. civ. n. 3642/2004; Cass. civ. n. 12119/2003).

Naturalmente, le suesposte considerazioni meriterebbero una maggiore conoscenza degli elementi afferenti caso di specie.