Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 281 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

[Aggiornato al 30/06/2020]

Rinnovazione di prove davanti al collegio

Dispositivo dell'art. 281 Codice di procedura civile

Quando ne ravvisa la necessità, il collegio, anche d'ufficio, può disporre la riassunzione (1) davanti a sé di uno o più mezzi di prova (2).

Note

(1) La valutazione del collegio circa la riassunzione diretta di un mezzo di prova già assunto dal giudice istruttore è discrezionale ed insidacabile, tranne se presenti errori di diritto. Il collegio può anche disporre l'assunzione diretta di una prova non precedentemente assunta dal giudice istruttore.
(2) L'iter processuale seguente alla rinnovazione dell'assunzione proseguirà con la fissazione di una nuova udienza di precisazione delle conclusioni (art. 189 del c.p.c.), ed eventualmente con una nuova udienza di discussione orale della causa (art. 275 del c.p.c.).

Spiegazione dell'art. 281 Codice di procedura civile

Malgrado la norma faccia riferimento al collegio, la rinnovazione di prove può essere disposta anche dal giudice unico; inoltre, nulla impedisce all'organo giudicante di assumere direttamente il mezzo di prova, a prescindere da una sua precedente assunzione.

La riassunzione di prove può essere disposta anche solo per ripetere il giuramento suppletorio, sulla medesima formula, quando siano riscontrate inesattezze nel processo verbale della precedente assunzione.

La decisione se emettere o meno il provvedimento di riassunzione è rimessa alla discrezionalità dell'organo giudicante, il che comporta che l'ordinanza che la dispone non può essere impugnata in sede di legittimità né per difetto di motivazione, né per violazione del diritto di difesa; si tratta, infatti, di un’ordinanza che non ha natura decisoria, e pertanto oggetto di impugnazione non potrà che essere la decisione che definisce la controversia.

In ipotesi di riassunzione non opera il principio di immutabilità del collegio di cui all’art. 276 del c.p.c.; pertanto, non determina nullità la diversa composizione del collegio innanzi al quale le prove sono state riassunte rispetto alla composizione del collegio che, dopo aver assistito alla discussione, decide nel merito.

Massime relative all'art. 281 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 2085/1993

La facoltà che l'art. 281 c.p.c. attribuisce al collegio di ordinare la riassunzione davanti a sé di un mezzo di prova già assunto dal giudice istruttore può essere esercitata anche al fine di consentire la ripetizione, sulla stessa formula, del giuramento suppletorio, nel caso di riscontrate inesattezze nel processo verbale della precedente assunzione.

Cass. civ. n. 402/1950

L'apprezzamento sulla necessità di procedere alla rinnovazione di mezzi istruttori davanti al collegio a norma dell'art. 281 c.p.c. è incensurabile in cassazione.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo