Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 197 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

[Aggiornato al 28/02/2021]

Assistenza all'udienza e audizione in camera di consiglio

Dispositivo dell'art. 197 Codice di procedura civile

Quando lo ritiene opportuno il presidente invita il consulente tecnico ad assistere alla discussione davanti al collegio e ad esprimere il suo parere in camera di consiglio in presenza delle parti, le quali possono chiarire e svolgere le loro ragioni per mezzo dei difensori (1).

Note

(1) Per il rispetto del principio del contraddittorio, la convocazione del consulente tecnico d'ufficio su invito del presidente del collegio richiede anche la presenza delle parti, attraverso i loro difensori e consulenti. Questi hanno però l'obbligo di ritirarsi prima che il giudice deliberi la decisione nel segreto della camera di consiglio.

Ratio Legis

Lo scopo della norma in commento è evitare che la causa sia rimessa in fase istruttoria per la rinnovazione della consulenza.

Spiegazione dell'art. 197 Codice di procedura civile

La convocazione del c.t.u. per prendere parte alla discussione ed esprimere pareri viene affidata alla discrezionalità del presidente del collegio giudicante, il quale può ritenere necessario assumere chiarimenti dall'ausliario onde evitare di rimettere la causa in istruttoria per rinnovare la consulenza.

Tale convocazione deve svolgersi in contraddittorio con parti, loro difensori e consulenti tecnici e del parere reso dal c.t.u. va redatto processo verbale ex art. 195 del c.p.c..

Il Presidente del collegio può ritenere opportuno chiamare il consulente per colmare intrinseche lacune della sua relazione oppure per chiedergli di fornire risposta a rilievi critici dei c.t.p. di parte.

Dopo che il c.t.u. è stato ascoltato, parti, consulenti e difensori devono allontanarsi prima che abbia inizio la deliberazione della sentenza, la quale deve svolgersi in segreto ex art. 276 del c.p.c..

Massime relative all'art. 197 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 1595/1984

La presenza in camera di consiglio del consulente tecnico non è prescritta in maniera inderogabile ma è sufficiente che egli esprima per iscritto il suo parere, che va unito al processo verbale di udienza.

Cass. civ. n. 1668/1957

La convocazione del consulente tecnico in camera di consiglio perché fornisca chiarimenti ed esprima pareri in presenza delle parti costituisce oggetto di facoltà meramente discrezionale del presidente del collegio giudicante, il cui mancato esercizio non può configurarsi come vizio in procedendo.

Cass. civ. n. 72/1948

Se, con sentenza passata in giudicato, venga ordinato a due consulenti tecnici d'ufficio, che, in tempi diversi ed in mutata situazione di luoghi abbiano compiuto distinte indagini, di dare ciascuno, in particolare, chiarimenti su lacune, constatazioni, affermazioni e considerazioni personali, rimaste oscure e non ben giustificate nelle rispettive relazioni, ma può il giudice, senza violare la cosa giudicata, decidere la controversia, di carattere essenzialmente tecnico, basando il proprio giudizio sui soli chiarimenti offerti da uno dei due consulenti, non in grado di fornire le necessarie delucidazioni su parti non chiare della relazione dell'altro e senza averle effettivamente offerte.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Udire e provare

    Editore: Giuffrè
    Collana: Univ. Milano-Fac. giur.Studi dir. privato
    Data di pubblicazione: marzo 2017
    Prezzo: 35,00 -5% 33,25 €
    Categorie: Prova testimoniale
  • Le consulenze di parte (CTP) dei professionisti tecnici

    Collana: Ambiente territorio edilizia urbanistica. Strumen.
    Pagine: 204
    Data di pubblicazione: marzo 2016
    Prezzo: 25,00 -5% 23,75 €

    Il volume si propone di far conoscere ed approfondire la figura ed il ruolo del consulente tecnico di parte (CTP) o, per meglio dire, come sottolineato dall'autore, "della parte" e fornire così un quadro sistematico che sia uno strumento di lavoro, considerato che nasce dall'esperienza professionale in materia dell'autore. Uno strumento di lavoro utile non solo ai professionisti tecnici chiamati a svolgere una CTP, bensì anche ai giuristi ed ai committenti che ad essi si... (continua)

  • La conciliazione del consulente tecnico d'ufficio. Come e perché il C.T.U. può essere conciliatore della causa

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: ottobre 2015
    Prezzo: 27,00 -5% 25,65 €

    Nell'odierno processo civile, il tentativo di conciliazione della controversia è richiesto sempre più spesso dai giudici. Le prassi consolidate presso gli uffici giudiziari hanno reso l'esperimento conciliativo una delle attività più importanti del C.T.U. in ogni ambito processuale, offrendone apposito riconoscimento nel quesito posto al consulente. Per questo è importante che il consulente sia preparato a rivestire tale importante funzione e a gestire i... (continua)

  • L'istruzione probatoria nel processo civile

    Editore: CEDAM
    Collana: Sapere diritto
    Data di pubblicazione: settembre 2015
    Prezzo: 80,00 -5% 76,00 €
    Categorie: Istruzione

    Il regime probatorio, specie dopo la fondamentale riforma del processo civile, attuata con la L. 26.11.1990, n. 353, e le modifiche apportate all'art. 183 c.p.c., con la L. 14 maggio 2005, n. 80, ha assunto un ruolo primario innanzitutto per il sistema delle preclusioni che, in pratica, delimitano l'attività istruttoria, salvo poche eccezioni, al primo grado del giudizio.

    In questi anni, il maggior impegno del legislatore è stato nel senso di istituire regimi... (continua)