Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 197 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Assistenza all'udienza e audizione in camera di consiglio

Dispositivo dell'art. 197 Codice di procedura civile

Quando lo ritiene opportuno il presidente invita il consulente tecnico ad assistere alla discussione davanti al collegio e ad esprimere il suo parere in camera di consiglio in presenza delle parti, le quali possono chiarire e svolgere le loro ragioni per mezzo dei difensori (1).

Note

(1) Per il rispetto del principio del contraddittorio, la convocazione del consulente tecnico d'ufficio su invito del presidente del collegio richiede anche la presenza delle parti, attraverso i loro difensori e consulenti. Questi hanno però l'obbligo di ritirarsi prima che il giudice deliberi la decisione nel segreto della camera di consiglio.

Ratio Legis

Lo scopo della norma in commento è evitare che la causa sia rimessa in fase istruttoria per la rinnovazione della consulenza.

Massime relative all'art. 197 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 1595/1984

La presenza in camera di consiglio del consulente tecnico non è prescritta in maniera inderogabile ma è sufficiente che egli esprima per iscritto il suo parere, che va unito al processo verbale di udienza.

Cass. civ. n. 1668/1957

La convocazione del consulente tecnico in camera di consiglio perché fornisca chiarimenti ed esprima pareri in presenza delle parti costituisce oggetto di facoltà meramente discrezionale del presidente del collegio giudicante, il cui mancato esercizio non può configurarsi come vizio in procedendo.

Cass. civ. n. 72/1948

Se, con sentenza passata in giudicato, venga ordinato a due consulenti tecnici d'ufficio, che, in tempi diversi ed in mutata situazione di luoghi abbiano compiuto distinte indagini, di dare ciascuno, in particolare, chiarimenti su lacune, constatazioni, affermazioni e considerazioni personali, rimaste oscure e non ben giustificate nelle rispettive relazioni, ma può il giudice, senza violare la cosa giudicata, decidere la controversia, di carattere essenzialmente tecnico, basando il proprio giudizio sui soli chiarimenti offerti da uno dei due consulenti, non in grado di fornire le necessarie delucidazioni su parti non chiare della relazione dell'altro e senza averle effettivamente offerte.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo