Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 720 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Revoca dell'interdizione o dell'inabilitazione

Dispositivo dell'art. 720 Codice di procedura civile

Per la revoca (1) (2) dell'interdizione o dell'inabilitazione si osservano le norme stabilite per la pronuncia di esse.

Coloro che avevano diritto di promuovere l'interdizione e l'inabilitazione [c.c. 417] possono intervenire nel giudizio di revoca (3) per opporsi alla domanda[105], e possono altresì impugnare la sentenza (4) pronunciata nel giudizio di revoca, anche se non parteciparono al giudizio.

Note

(1) La sentenza di interdizione o inabilitazione solo se passata in giudicato può essere revocata in ogni momento se la causa che ne ha determinato la pronuncia viene meno in tutto o in parte. Infatti, secondo la giurisprudenza prevalente, oggetto del giudizio di revoca consiste nell'accertamento della persistenza o della cessazione delle cause di interdizione o inabilitazione nel tempo successivo alla pronuncia della decisione. Infine, si precisa che la pronuncia di revoca ha natura costituiva.
(2) Come già indicato nella nota precedente, l'oggetto del giudizio di revoca consiste esclusivamente nell'accertamento della cessazione o modifica delle cause che avevano dato luogo alla pronuncia di interdizione o inabilitazione. Solo in ragione a tale aspetto vengono esaminati i presupposti che hanno condotto alla sentenza. La domanda di revoca può essere promossa solamente in seguito al passaggio in giudicato della pronuncia dai soggetti indicati dall'art. 429 del c.c..
(3) Secondo la dottrina più autorevole deve ammettersi la legittimazione anche dell'interdetto o inabilitato, solo se rispettivamente rappresentato dal tutore o assistito dal curatore, in ragione del fatto che, intervenuta la sentenza di interdizione o inabilitazione, l'interdetto o l'inabilitato vengono privati della loro capacità processuale (si cfr.716).
(4) Anche la sentenza di revoca viene annotata sull'atto di nascita e sui documenti di identità, alla pari della sentenza di interdizione o inabilitazione e produce i suoi effetti dal momento in cui viene pubblicata.

Massime relative all'art. 720 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 17003/2007

Nel giudizio avente ad oggetto la revoca dell'interdizione e l'eventuale pronuncia dell'inabilitazione, il curatore provvisorio, nominato all'esito del giudizio di primo grado, non assume la veste di rappresentante processuale dell'interdetta, medio tempore inabilitata; pertanto, correttamente, l'atto di appello del tutore č notificato alla parte personalmente e non al curatore provvisorio.

Cass. civ. n. 636/1965

La pronuncia di revoca dell'interdizione č basata sul presupposto del passaggio in giudicato della sentenza di interdizione e del venir meno, dopo che la stessa č divenuta definitiva, della causa che l'aveva determinata.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!