Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 666 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

[Aggiornato al 28/02/2021]

Contestazione sull'ammontare dei canoni

Dispositivo dell'art. 666 Codice di procedura civile

Se è intimato lo sfratto per mancato pagamento del canone, e il convenuto nega la propria morosità contestando l'ammontare della somma pretesa, il giudice può disporre con ordinanza il pagamento della somma non controversa e concedere all'uopo al convenuto un termine non superiore a venti giorni (1).

Se il conduttore non ottempera all'ordine di pagamento, il giudice convalida l'intimazione di sfratto e, nel caso previsto nell'articolo 658, pronuncia decreto ingiuntivo (2)(3) per il pagamento dei canoni.

Note

(1) Il procedimento qui descritto configura un'applicazione del tipo di procedimento di cui all'art. 186bis. Infatti, nel caso in cui il conduttore intimato contesti la somma pretesa ammettendo però un debito parziale, il giudice può ordinare il pagamento della somma non controversa concedendo un termine non superiore a venti giorni per adempiere.
A scadenza del predetto termine, se il convenuto non ha ottemperato all'ordine del giudice, questo dovrà pronunciare la convalida di sfratto unitamente al decreto ingiuntivo per il pagamento dei canoni scaduti; in caso contrario, se il convenuto versa la somma ordinata dal giudice, il rito prosegue nella forma locatizia per l'accertamento dell'ulteriore domanda di risoluzione del contratto di locazione.
(2) In questo caso trova applicazione la disciplina dell'art. 664.
(3) Nell'ipotesi di sfratto per morosità, quando il contratto di locazione ha ad oggetto immobili ad uso abitativo, se il convenuto non contesta la morosità e chiede un termine per purgare la mora, il giudice può concedere il c.d. termine di grazia, ovvero un termine perentorio entro cui pagare i canoni maturati, gli interessi legali e le spese giudiziali dell'intimazione di sfratto liquidate dal giudice. Ai sensi dell'art. 55 della L. 392/1978, questa sorta di sanatoria con la concessione del c.d. termine di grazia può avvenire non più di tre volte nel corso del quadriennio, salvo il caso particolare in cui le condizioni economiche del conduttore siano particolarmente peggiorate dalla conclusione del contratto. Se a scadenza del termine di grazia il convenuto ha adempiuto il procedimento si estingue; in caso contrario, il giudice dovrà convalidare lo sfratto.

Massime relative all'art. 666 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 2987/1977

Qualora il conduttore esegua l'ordinanza di pagamento della somma non controversa emessa ai sensi dell'art. 666 c.p.c., il giudice non può convalidare l'intimazione di sfratto per morosità, ma il processo può continuare nelle forme della cognizione ordinaria per l'eventuale risoluzione del contratto di locazione per inadempimento. In tal caso ben potrà accertarsi se il ritardato pagamento della somma non controversa integrasse un'inadempimento di non scarsa importanza, se esso fosse determinato da causa non imputabile al conduttore, e potrà essere considerata la persistente morosità nel pagamento dei canoni maturati nel corso del giudizio.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Il processo locatizio

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: ottobre 2010
    Prezzo: 30,00 -5% 28,50 €

    In 55 schemi l'Autore illustra in modo semplice e completo il funzionamento del processo locatizio.
    Ambito di applicazione. Competenza. Mutamento di rito. Procedimento di primo grado: atto introduttivo; costituzione del convenuto; domanda riconvenzionale; chiamata in causa del terzo; intervento volontario; udienza di discussione; fase istruttoria; ordinanze anticipatorie; fase decisoria. procedimento d'appello: atto introduttivo; costituzione dell'appellato e appello incidentale;... (continua)