Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 63 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Obbligo di assumere l'incarico e ricusazione del consulente

Dispositivo dell'art. 63 Codice di procedura civile

Il consulente scelto tra gli iscritti in un albo ha l'obbligo di prestare il suo ufficio, tranne che il giudice riconosca che ricorre un giusto motivo di astensione [192]. (1).

Il consulente può essere ricusato dalle parti per i motivi indicati nell'articolo 51 (2).

Della ricusazione del consulente conosce il giudice che l'ha nominato [disp. att. 89].

Note

(1) La norma va letta unitamente al disposto di cui all'art. 51 del c.p.c., con la conseguenza che l'obbligo di astensione del consulente tecnico e la possibilità della sua ricusazione sussistono nella sola ipotesi in cui il consulente abbia già prestato assistenza come tale in altro grado del processo, al fine di garantire che il nuovo accertamento avvenga senza preconcetti o altri condizionamenti, in una condizione di oggettiva imparzialità.
(2) Per ciò che concerne l'ipotesi in cui il consulente tecnico non si sia astenuto nonostante la presenza di una delle cause di astensione obbligatoria di cui all'art. 51 del c.p.c., le parti possono proporre istanza di ricusazione nei modi e nelle forme previste dall'art. 192 del c.p.c.. Infatti, in caso di mancata presentazione dell'istanza di ricusazione entro il termine di cui alla predetta norma resta preclusa alle parti la possibilità di far valere successivamente la situazione di incompatibilità, le quali non potranno nemmeno proporre ricorso per cassazione.

Ratio Legis

La norma in esame individua l'obbligo per il ctu di svolgere le indagini richieste dal giudice, eccezione fatta nel caso in cui il giudice riconosca la sussistenza di un giusto motivo di astensione. Invero, la natura giuridica di organo ausiliario del giudice giustifica l'applicazione degli istituti dell'astensione e della ricusazione al consulente tecnico: anche lui deve poter svolgere la sua attività di valutazione tecnica in condizione di assoluta serenità ed imparzialità.

Massime relative all'art. 63 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 13667/2004

La terzietà-imparzialità del consulente tecnico d'ufficio significa che il consulente non deve essere legato a nessuna delle parti del processo, analogamente a quanto è prescritto per il giudice. Tale imparzialità è garantita dalla legge sotto un duplice profilo: innanzi tutto, con il demandarne la nomina al giudice, organo per il quale l'imparzialità è autonomamente e preliminarmente prescritta; e, in secondo luogo, con la previsione, anche per il consulente tecnico, degli istituti dell'astensione e della ricusazione. (Nell'enunciare il principio di cui in massima, la S.C. ha rigettato il motivo di ricorso con cui si censurava la sentenza per l'avvenuta nomina, da parte della Corte d'appello nel giudizio di determinazione dell'indennità di espropriazione, di un consulente singolo in luogo di tre periti, richiesti dalla parte).

Cass. civ. n. 3364/2001

Nel caso in cui il consulente tecnico d'ufficio nominato dal giudice di secondo grado non abbia osservato l'obbligo di astensione a lui derivante, ai sensi del combinato disposto degli artt. 63 e 51 n. 4 c.p.c., dall'avvenuto svolgimento del medesimo ufficio nel giudizio di primo grado, la parte interessata deve proporre istanza di ricusazione nei modi e nei termini previsti dall'art. 192 c.p.c., restandole, in difetto, preclusa la possibilità di far valere successivamente la detta situazione di incompatibilità.

Cass. civ. n. 3835/1994

Per il combinato disposto degli artt. 51, n. 4 e 63, secondo comma, c.p.c., l'obbligo di astensione del consulente tecnico e la possibilità della sua ricusazione sussistono per il solo fatto che egli abbia già prestato assistenza in tale veste in altro grado del processo, indipendentemente dall'identità o meno dell'oggetto dell'indagine commessagli, mirando la norma a creare le condizioni migliori perché il nuovo accertamento venga effettuato senza preconcetti e condizionamenti di sorta, anche soltanto indiretti, in una situazione di oggettività ed imparzialità. La cennata ipotesi di astensione obbligatoria ricorre anche nel caso in cui il giudizio successivo sia quello di rinvio, poiché avuto riguardo all'interesse sostanziale tutelato, nessuna differenza sussiste tra il caso in cui il consulente abbia prestato assistenza in gradi diversi dello stesso giudizio, ovvero in successivi distinti giudizi di grado pari, tenuto conto altresì che nell'ipotesi di rinvio conseguente ad un annullamento per i motivi di cui all'art. 360 nn. 3 e 5, il giudizio di rinvio diversamente da quanto accade nell'ipotesi di error in procedendo con rinvio, cosiddetto restitutorio od improprio al medesimo giudice che ha pronunciato la sentenza cassata, si configura come un grado diverso ed autonomo da quello concluso con detta sentenza.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 63 Codice di procedura civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Mario P. chiede
sabato 18/11/2017 - Campania
“L'attività di medico-fiscale per conto INPS è compatibile con gli incarichi di consulente tecnico d'ufficio del Tribunale in materia di lavoro e previdenza? E' ammissibile la ricusazione del C.T.U. che svolga attività di medico fiscale per conto INPS da parte ricorrente in cause in cui la controparte risulta l'INPS?”
Consulenza legale i 21/11/2017
Per quanto concerne la compatibilità dell'attività di medico fiscale per conto dell'INPS con l'incarico di consulenza tecnica d'ufficio presso il Tribunale in materia di lavoro e previdenza, la norma di riferimento è l'articolo 53, D. Lgs. n. 165 del 2001, su "Incompatibilità, cumulo di impieghi e incarichi", che ai commi 7, 8 e 9, stabilisce per i dipendenti pubblici un divieto generale di assumere senza autorizzazione dell'amministrazione cui appartengono "incarichi retribuiti che non siano stati conferiti o previamente autorizzati dall'amministrazione di appartenenza".

Tuttavia, la giurisprudenza ed alcune note dell'INPS hanno interpretato tale norma, da ultimo con la sentenza del Consiglio di Stato n. 3513 del 17 luglio 2017, nella quale, nel respingere il ricorso di una amministrazione pubblica (nel caso specifico proprio un'azienda ospedaliera) è stato stabilito che l'incarico di consulente tecnico del giudice C.T.U. non rientra tra le incompatibilità, il cumulo degli impieghi e incarichi previsti dal citato art. 53, D.Lgs. 165 del 2001.

Infatti, gli incarichi cui si fa riferimento nella norma sono sostanzialmente di tipo diverso da quelli di consulenza tecnica oggetto: in primo luogo, avendo riguardo al soggetto che li conferisce, che è l'Autorità giudiziaria, cioè il giudice o il P.M. ex artt. 221 e 233 c.p.p., 191 c.p.c. e 19, comma 2, c.p.a., e quindi un soggetto essenzialmente diverso dalle pubbliche amministrazioni, gli enti pubblici economici ovvero i privati citati nell'art. 53, D.Lgs. n. 165 del 2001; in secondo luogo, anche considerando la qualità propria dell'incarico, che non costituisce l'oggetto di un contratto di prestazione d'opera professionale o di altro tipo, bensì una funzione pubblica che, una volta incaricato il consulente, costui deve prestare, tramite il proprio ufficio, a fini di giustizia.

Per quanto concerne, invece, l'ammissibilità della ricusazione del consulente tecnico d'ufficio che svolge l'attività di medico fiscale per conto dell'INPS in cause in cui la controparte risulta l'INPS, le norme di riferimento sono quelle di cui agli artt. 63 e 192 c.p.c., i quali prevedono le ipotesi di astensione, da parte propria, o ricusazione, con ordinanza del giudice, del c.t.u..
In tal proposito è stabilito dalla giurisprudenza che il tecnico che ha prestato opera in passato nell'ambito della propria attività professionale ad una delle parti in causa deve astenersi dall'eventuale incarico di Consulente Tecnico d'Ufficio conferitogli, comunicandolo per iscritto almeno tre giorni prima dell'udienza di comparizione (art. 51 disp. att. c.p.c.). Infatti, la Cassazione ha sostenuto (con sentenza n. 13667 del 22 luglio 2004) che il c.t.u. deve essere terzo ed imparziale, ossia non deve essere legato a nessuna delle parti del processo, analogamente a quanto è prescritto per il giudice, e tale imparzialità è garantita dalla legge sotto un duplice profilo: innanzitutto, con il demandarne la nomina al giudice, organo per il quale l'imparzialità è autonomamente e preliminarmente prescritta; e, in secondo luogo, con la previsione, anche per il consulente tecnico degli istituti dell'astensione e della ricusazione.

Pertanto, quindi, quanto all'ammissibilità in generale dell'incarico di Consulente Tecnico d'Ufficio di un dipendente pubblico, non si pongono problemi, in quanto la giurisprudenza è chiara; quanto al secondo quesito, invece, bisogna evidenziare che, qualora una delle parti in causa sia legata al consulente da un rapporto di qualsiasi tipo, anche di lavoro, questo deve astenersi, o può comunque venire ricusato dall'incarico di c.t.u., in quanto la propria terzietà ed indipendenza rispetto alle parti in causa sarebbe compromessa.

Testi per approfondire questo articolo

  • Il coordinamento tra giurisdizioni nello spazio di giustizia europeo: an update

    Collana: Diritto
    Pagine: 176
    Data di pubblicazione: maggio 2018
    Prezzo: 18,00 -5% 17,10 €
  • Commentario del codice di procedura civile
    Articoli 1-98

    Data di pubblicazione: luglio 2012
    Prezzo: 130,00 -5% 123,50 €

    Il volume è un commentario articolo per articolo o per gruppi di articoli alle norme del codice, alle principali leggi collegate e alla normativa speciale. Il testo di ogni articolo è scomposto in "frammenti" numerati e ad ogni numero corrisponde un paragrafo del commento in cui gli autori analizzano la norma nel dettaglio. Questa impostazione consente una lettura veloce, per individuare rapidamente le informazioni necessarie per affrontare un caso concreto, ma non preclude... (continua)

  • Declinatoria di giurisdizione ed effetto conservativo del termine

    Editore: Giuffrè
    Collana: Univ. Milano Bicocca-Scuol.giurisprudenza
    Data di pubblicazione: dicembre 2013
    Prezzo: 53,00 -5% 50,35 €
    Categorie: Giurisdizione

    Il fenomeno della c.d. translatio iudicii tra plessi giurisdizionali distinti è al centro del volume. La trattazione muove dall'analisi del percorso storico compiuto dall'ordinamento italiano al fine di approfondire le ragioni che hanno condotto il legislatore recente ad introdurre e disciplinare l'istituto. Il libro esamina poi analiticamente il significato e la portata della sentenza della Corte costituzionale n. 77/2007 ed il controverso e perplesso modello di meccanica... (continua)

  • Sull'unità della giurisdizione

    Data di pubblicazione: maggio 2011
    Prezzo: 18 €
    Categorie: Giurisdizione

    Il volume raccoglie gli atti dell’incontro di studio «Sull’unità della giurisdizione», in ricordo di Franco Cipriani. L’iniziativa ha l’obiettivo di richiamare l’attenzione sulla «strumentalità dell’azione» all’effettiva realizzazione e tutela delle situazioni soggettive di natura sostanziale, che non può non investire l’assetto della giurisdizione affinché sia pienamente funzionale a tale... (continua)

  • La translatio iudicii

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: maggio 2010
    Prezzo: 20,00 -5% 19,00 €
    Categorie: Giurisdizione

    La translatio iudicii per difetto di giurisdizione è l'importante novità introdotta dalla riforma del processo civile del 2009 sicché oggi lo sbaglio compiuto dall'attore nella scelta del giudice fornito di giurisdizione può essere rimediata e non rivelarsi un pregiudizio irreparabile.Il volume analizza sia la translatio iudicii per incompetenza, già disciplinata dal codice di procedura civile sia la translatio iudicii per difetto di giurisdizione e... (continua)

  • Commentario al codice di procedura civile
    Art. 1-74. Organi giudiziari. Pubblico Ministero

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: settembre 2012
    Prezzo: 150,00 -5% 142,50 €

    Un'opera dal taglio unico e moderno che va oltre il tradizionale Commentario per sistematicità di esposizione e completezza di contenuto. La trattazione di ogni articolo si apre con una breve descrizione degli istituti coinvolti per poi delineare in maniera concisa ed efficace l'importanza operativa della norma e delle relative fonti, le questioni principali e le sue applicazioni, anche alla luce delle pronunce giurisprudenziali più significative. Segue il Commento di... (continua)

  • La giurisdizione nell'esperienza giurisprudenziale contemporanea

    Editore: Giuffrè
    Collana: Dialettica,diritto e processo
    Data di pubblicazione: dicembre 2008
    Prezzo: 32,00 -5% 30,40 €
    Categorie: Giurisdizione

    Sommario

    LIMITI DELLA GIURISDIZIONE NELLE CONTROVERSIE TRANSNAZIONALI: Introduzione (di R. Martino) - Rinvio alla competenza territoriale e fori esorbitanti (di R. Martino) - Compatibilità del sistema europeo di giurisdizione con la dottrina del Forum non conveniens (di R. Martino) - LIMITI INTERNI DELLA GIURISDIZIONE: Introduzione (di A. Panzarola) - Riparto di giurisdizione tra giudice ordinario e giudice amministrativo nella giurisprudenza (di A. Panzarola) -... (continua)

  • Il riparto di giurisdizione

    Editore: Giuffrè
    Collana: Orientamenti di merito
    Data di pubblicazione: dicembre 2013
    Prezzo: 55,00 -5% 52,25 €

    Il volume illustra i principi che regolano il riparto di giurisdizione ed affronta numerose fattispecie con utile taglio trasversale e multidisciplinare. In ogni capitolo è tracciato un quadro dell'evoluzione normativa, dottrinale e giurisprudenziale, con l'indicazione degli orientamenti consolidati e prevalenti. Le singole problematiche sono, infatti, analizzate, talvolta anche con taglio critico, sia nei profili sostanziali che in quelli processuali, dando notevole risalto... (continua)

  • Gli accordi sulla giurisdizione tra parti e terzi
    Natura e legge regolatrice

    Autore: Penasa Luca
    Editore: CEDAM
    Collana: Le monografie di Int'i Lis
    Data di pubblicazione: dicembre 2012
    Prezzo: 23,00 -5% 21,85 €

    INT'L LIS è il periodico dedicato al diritto processuale internazionale e all'arbitrato internazionale. Obiettivo della rivista è fornire un'informazione puntuale e approfondita nella materia del contenzioso processuale transnazionale.

    (continua)