Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 129 Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza

(D.lgs. 12 gennaio 2019, n. 14)

[Aggiornato al 01/04/2023]

Esercizio delle attribuzioni del curatore

Dispositivo dell'art. 129 Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza

1. Il curatore esercita personalmente le funzioni del proprio ufficio e può delegare ad altri specifiche operazioni, previa autorizzazione del comitato dei creditori, con esclusione degli adempimenti di cui agli articoli 198, 200, 203, 205 e 213. L'onere per il compenso del delegato, liquidato dal giudice, è detratto dal compenso del curatore.

2. Il curatore può essere autorizzato dal comitato dei creditori a farsi coadiuvare da tecnici o da altre persone retribuite, compreso il debitore e gli amministratori della società o dell'ente in liquidazione giudiziale, sotto la sua responsabilità. Del compenso riconosciuto a tali soggetti si tiene conto ai fini della liquidazione del compenso del curatore.

Ratio Legis

La norma vuole evitare una spersonalizzazione dell'incarico del curatore, che potrebbe portare ad una delega di responsabilità verso soggetti privi di un rapporto fiduciario verso il tribunale o, addirittura, privi di competenze adeguate.

Spiegazione dell'art. 129 Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza

La norma riprende quanto statuito dal precedente art. 32 l. fall.

La nomina del delegato, così come quella del coadiutore, deve essere autorizzata dal comitato dei creditori. Nei casi in cui questo non sia stato costituito, risulti inerte o vi siano ragioni d'urgenza, l'autorizzazione può essere surrogata con decreto del G.d., ai sensi dell'art. 140, co. 4, del Codice della crisi.
La nomina del delegato del curatore non è frequente: egli infatti viene investito dell'espletamento di alcune funzioni che restano tuttavia imputabili al curatore, che ne mantiene quindi anche la responsabilità. La norma, inoltre, si prefigge di evitare che teamite la delega si realizzi un appesantimento dei costi della procedura: il compenso dovuto al delegato, infatti, dev'essere detratto da quello spettante al curatore.

Alcune attività, essenziali al ruolo di curatore, non possono essere delegate a terzi. Sono attività che riguardano le funzioni di pubblico ufficiale del curatore ovvero a quella fase fondamentale che è rappresentata dalla verifica e formazione dello stato passivo, e precisamente:
  • analisi delle scritture contabili e predisposizione degli elenchi dei creditori, nonché di coloro che vantino diritti personali o reali su beni acquisiti al patrimonio della liquidazione;
  • predisposizione dell'ultimo bilancio di esercizio, qualora non sia stato presentato dal debitore;
  • invio della comunicazione ai creditori ed a coloro che vantino diritti reali o personali su beni della liquidazione, ai sensi dell'art. 200 e successiva formazione dello stato passivo e comunicazione ai soggetti istanti del risultato della verifica condotta dal G.d.;
  • predisposizione del programma di liquidazione ex art. 213 c.c.i.i.;
  • sebbene non sia contemplato dalla norma in questione, si deve contare tra le attività non delegabili anche quella di cui all'art. 130, comma 1, l.fall., ossia la redazione del documento in cui sono indicate le cause dell'insolvenza e le responsabilità dell'imprenditore liquidato, anche ai fini delle indagini penali.

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!