Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 128 Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza

(D.lgs. 12 gennaio 2019, n. 14)

[Aggiornato al 01/04/2023]

Gestione della procedura

Dispositivo dell'art. 128 Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza

1. Il curatore ha l'amministrazione del patrimonio compreso nella liquidazione giudiziale e compie tutte le operazioni della procedura sotto la vigilanza del giudice delegato e del comitato dei creditori, nell'ambito delle funzioni ad esso attribuite.

2. Egli non può stare in giudizio senza l'autorizzazione del giudice delegato, salvo che in materia di contestazioni e di tardive dichiarazioni di crediti e di diritti di terzi sui beni compresi nella liquidazione giudiziale, e salvo che nei procedimenti promossi per impugnare atti del giudice delegato o del tribunale e in ogni altro caso in cui non occorra ministero di difensore.

3. La nomina dei difensori spetta al curatore. Il curatore non può assumere la veste di avvocato nei giudizi che riguardano la liquidazione giudiziale. Il curatore può tuttavia assumere la veste di difensore, se in possesso della necessaria qualifica nei giudizi avanti al giudice tributario quando ciò è funzionale ad un risparmio per la massa.

Spiegazione dell'art. 128 Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza

La norma in commento riprende, nei primi due commi, il contenuto del previgente art. 31 l. fall.

L'articolo in esame definisce il ruolo e le responsabilità del curatore nel corso dello svolgimento dei suoi poteri e doveri nella liquidazione giudiziale, indicando le modalità di amministrazione del patrimonio e le limitazioni nei confronti dell'azione giudiziaria.
Il comma 1 prevede che il curatore debba assumere la gestione del patrimonio coinvolto nella liquidazione giudiziale ed eseguire le operazioni attinenti alla procedura sotto la vigilanza del giudice delegato e del comitato dei creditori. Questa disposizione enfatizza l'importanza della supervisione giudiziaria e del coinvolgimento del comitato dei creditori, garantendo una gestione trasparente e responsabile del processo di liquidazione. Si potrebbe dire che i compiti di amministrazione del curatore si muovono lungo una triplice direzione:
  • la conservazione materiale e giuridica del patrimonio amministrato facente parte della liquidazione giudiziale;
  • operano secondo una finalità di ricostruzione del patrimonio del debitore (es. revocatorie);
  • attengono al compimento di atti di liquidazione, diretti a trasformare in denaro, nell'interesse dei creditori ed in vista della distribuzione agli stessi, tutti i beni facenti parte dell'attivo della procedura.
Il comma 2 impone restrizioni all'azione giudiziaria del curatore, che infatti non può agire in tribunale senza l'autorizzazione del giudice delegato, a meno che si tratti di contestazioni, dichiarazioni tardive di crediti o diritti di terzi sui beni soggetti a liquidazione giudiziale. Inoltre, è autorizzato a stare in giudizio nei procedimenti volti ad impugnare atti del giudice delegato o del tribunale, nonché in altri casi in cui non sia richiesto il ministero di un difensore. Questa restrizione mira a garantire il controllo giudiziario e ad evitare azioni legali non necessarie o non rispondenti agli interessi della procedura.

Il comma 3 affronta la questione dei difensori. La nomina dei difensori spetta al curatore, il quale, tuttavia, non può assumere la veste di avvocato nei giudizi relativi alla liquidazione giudiziale. Viene fatta un'eccezione nel caso in cui il curatore abbia la qualifica necessaria nei procedimenti avanti al giudice tributario, a condizione che ciò sia funzionale al risparmio per la massa. La ratio è quella di evitare che il curatore sia tentato di promuovere giudizi in modo imprudente, al fine di lucrare sui compensi da difensore. Egli verrebbe infatti, in tal caso, a maturare un compenso come curatore ed un compenso come difensore, quest'ultimo anche nei processi in cui la liquidazione giudiziale risulti soccombente.

In conclusione, l'articolo delinea in modo chiaro le responsabilità del curatore, limitando la sua azione giudiziaria, sottolineando la supervisione giudiziaria e garantendo la nomina di difensori competenti quando necessario per il corretto svolgimento della procedura di liquidazione giudiziale.

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!