Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 918 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Consorzi volontari

Dispositivo dell'art. 918 Codice civile

Possono costituirsi in consorzio i proprietari di fondi vicini che vogliano riunire e usare in comune le acque defluenti dal medesimo bacino di alimentazione o da bacini contigui.

L'adesione degli interessati e il regolamento del consorzio devono risultare da atto scritto [1350 n. 13, 1418].

Il regolamento del consorzio è deliberato dalla maggioranza calcolata in base all'estensione dei terreni a cui serve l'acqua.

Spiegazione dell'art. 918 Codice civile

Se il nuovo codice limiti la costituzione dei consorzi volontari a casi più ristretti di quelli contemplati dal vecchio codice

Mentre il codice del 1865 ammetteva la costituzione di consorzi volontari per tutti coloro che avessero interesse comune nella bonifica o nell'uso delle acque in genere, il nuovo codice sembra abbia voluto limitare tale costituzione, per quanto riguarda l'utilizzazione delle acque, alle opere di raccolta di cui parla l' art. 914 del c.c. e alle opere ed attività di cui fa menzione l'art. 918, che, col riferirsi ai proprietari di fondi vicini e alle acque defluenti dal medesimo bacino di alimentazione o da bacini contigui, ha l'aria di voler circoscrivere l'ambito degli enti di cui si tratta.

In uno dei primi schemi del nuovo codice si parlava di più sorgenti vicine alimentate da un medesimo bacino sotterraneo, in uno schema successivo, di più acque defluenti dal medesimo bacino d'alimentazione scorrenti in fondi vicini.

Si è quindi manifestata sin dall'origine l'intenzione di adottare formule più ristrettive di quella amplissima adottata nel 1865 (uso dell'acqua). Però, ben considerato, il primo comma dell'art. 918 in esame è più restrittivo in apparenza che in realtà. Infatti, l'espressione « fondi vicini », non essendo identica all'espressione « fondi contigui », ammette un'interpretazione elastica. Quanto poi alle acque defluenti dal medesimo bacino d'alimentazione o da bacini contigui, va considerato che, nel caso di acque sotterranee, e impossibile .quasi sempre identificare il bacino d'alimentazione, e, nel caso di corsi d'acqua superficiali, il concetto di bacino e molto più lato e comprensivo di quello di corso d'acqua, tanto che, risalendo al medesimo bacino d'alimentazione e a più bacini contigui, troviamo, ad esempio, che il Ticino, il Reno e il Rodano hanno tutti e tre la medesima origine dal massiccio del S. Gottardo.


Se l'uso delle acque di cui parla l'art. 918 comprenda anche l'uso a scopo industriale

La derivazione e l'uso delle acque di cui parlava l' art. 657 del vecchio codice civile comprendevano anche la derivazione e l'uso a scopo industriale per creazione di forza motrice. Questo scopo non è stato escluso dal nuovo codice, sebbene esso, tanto all'art. 105 quanto all'art. 109, abbia sostituito all'espressione « coloro che hanno interesse comune nella derivazione e nell' uso dell'acqua » contenuta nel codice del 1865, l'espressione proprietari di fondi. Però fondo anche nel vecchio codice significava possedimento in generale, e si trovava adoperato ora per indicare una estensione immobiliare, ora per indicare un edificio ora l'estensione immobiliare e gli edifici.

Del resto gli articoli art. 910 del c.c., 911 e 912 fanno rientrare esplicitamente nell'uso delle acque tanto gli scopi agricoli quanto quelli industriali. Piuttosto potrebbe far sorgere dei dubbi la formula estensione dei terreni usata nel terzo comma, ma si ritiene che a queata formula si debba dare una interpretazione più lata di quella che risulta dalla lettera della norma.


Per la costituzione dell'ente occorre l'adesione di tutti gli interessati

Se nell' art. 916 del c.c. non è detto esplicitamente che i consorzi per la regolazione del deflusso delle acque possono costituirsi anche per la manutenzione e l'esercizio di opere costruite, certo è che l'articolo in esame, comprendendo la riunione e l'uso in comune delle acque, si è riferito tanto alla costruzione delle opere necessarie per condottare acque diverse quanto all'esecuzione dei lavori che, servendo alla manutenzione e all'esercizio delle opere stesse, rendono possibile l'uso collettivo delle acque incanalate.

Trattandosi di consorzi volontari per la costituzione dell'ente occorre l'adesione di tutti gli interessati. Anche per il nuovo codice l'adesione degli interessati e il regolamento del consorzio devono risultare da atto scritto, però il nuovo codice ha aggiunto che il regolamento del consorzio è deliberato dalla maggioranza calcolata in base all'estensione dei terreni a cui serve l'acqua (si veda in proposito il precedente paragrafo della spiegazione e l'art. 678, comma 2, del vecchio codice richiamato dal precedente art. 658). Nessuna norma del genere è contenuta negli articoli che riguardano la costituzione o il funzionamento dei consorzi coattivi e obbligatori per la bonifica integrale e per le acque, essendosi cosi lasciato all'autorità amministrativa decidere volta per volta, in sede di costituzione di ogni singolo ente o di approvazione del relativo statuto, come si deve esplicare la volontà dei contraenti.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Perizie e pareri in tema di millesimi, decoro architettonico e immissioni. Aspetti operativi della tematica peritale. Manuale di livello avanzato

    Collana: Immobili
    Pagine: 896
    Data di pubblicazione: marzo 2016
    Prezzo: 60,00 -5% 57,00 €

    Sono raccolti in questo volume pareri, perizie, commenti e note, che costituiscono un concreto supporto all'attività pratica di Consulente tecnico

    , per mettere a fuoco i nodi del vasto e articolato settore delle consulenze in tema di condominio, con specifico riferimento alle interessanti e attuali tematiche delle rimillesimazioni, del decoro architettonico e delle immissioni nei fabbricati.

    L’Opera colloca in posizione centrale la ricerca peritale, e grazie ad... (continua)