Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2891 Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 30/06/2020]

Diritto dei creditori di far vendere i beni

Dispositivo dell'art. 2891 Codice Civile

Entro il termine di quaranta giorni [2892] dalla notificazione indicata dall'articolo precedente, qualunque dei creditori iscritti o dei relativi fideiussori ha diritto di richiedere l'espropriazione dei beni [795 c.p.c.] con ricorso al presidente del tribunale competente a norma del codice di procedura civile [16, 26, 795 c.p.c.], purché adempia le condizioni che seguono(1):

  1. 1) che la richiesta sia notificata al terzo acquirente nel domicilio da lui eletto a norma dell'articolo precedente e al proprietario anteriore;
  2. 2) che contenga la dichiarazione del richiedente di aumentare di un decimo il prezzo stipulato o il valore dichiarato;
  3. 3) che contenga l'offerta di una cauzione per una somma eguale al quinto del prezzo aumentato come sopra(2);
  4. 4) che l'originale e le copie della richiesta siano sottoscritti dal richiedente o da un suo procuratore munito di mandato speciale.

L'omissione di alcuna di queste condizioni produce nullità della richiesta [2893](3).

Note

(1) Legittimati attivi all'opposizione alla procedura di purgazione d'ipoteca sono i creditori garantiti e i relativi fideiussori, i quali, nell'arco di quaranta giorni dalla notificazione dell'offerta del terzo acquirente, hanno diritto di tentare una alienazione dei beni ipotecati, al chiaro fine di sperare di tutelare meglio le proprie ragioni.
(2) Sarà il giudice dell'esecuzione a dover fissare e quantificare tale cauzione, essendo possibili diversi rincari del decimo anche da parte dello stesso creditore.
(3) Ai creditori viene perciò assegnata la possibilità di opposizione alla liberazione delle ipoteche, mediante la richiesta ad hoc di alienazione dei beni in questione, ma presupponendo tuttavia l'offerta ad un prezzo di almeno un decimo superiore rispetto a quello dichiarato dal terzo acquirente, e determinando gli ulteriori obblighi di prestare adeguata cauzione e rendersi eventualmente acquirenti per l'identico prezzo ove l'asta vada deserta.

Ratio Legis

La disposizione in esame è finalizzata all'evidente obiettivo di tutelare il diritto di alienazione dei beni ipotecati, e sancisce così particolari condizioni per proporre opposizione alla purgazione delle ipoteche.

Spiegazione dell'art. 2891 Codice Civile

Rifiuto dell'offerta e richiesta degli incanti da parte dei creditori. Condizioni richieste e divieto di proroga dei termini

A parte il giudizio di purgazione, i creditori iscritti hanno la facoltà di non accettare l'offerta fatta ad essi dal terzo acquirente e promuovere invece, la vendita agli incanti, che costituisce l'oggetto e il contenuto della loro garanzia diretta a trarre dall'immobile ipotecato il maggior possibile valore pecuniario, col quale soddisfarsi delle proprie ragioni. Ma, d'altra parte, la legge non poteva lasciare ai creditori una libertà incondizionata di promuovere la vendita dell'immobile ad essi ipote­cato contro il terzo acquirente, quando costui ha fatta un'offerta che non vi è ragione di ritenere a priori ingiusta ed insidiosa, tanto più che come abbiamo visto, la legge impone al terzo acquirente di offrire un minimo il prezzo o di valore dichiarato che corrisponde normalmente al valore reale dell'immobile (art. 2890, 5 comma). Inoltre la legge, se deve proteggere i diritti dei creditori, non può trascurare quelli del terzo acquirente e li avrebbe trascurati se avesse lasciato ai creditori piena ed incondizionale libertà di promuovere la vendita dell'immobile contro di lui, poiché essi, pur di tentare un possibile qualunque maggior profitto, senza alcuna responsabilità; avrebbero sempre insistito per la valutazione, provocando spese e contrastando interessi degni di riguardo, per raccogliere, in ultimo, niente di più di ciò che spontaneamente e con economia di tempo e di spese aveva loro offerto.

Di qui la principale condizione imposta ai creditori, che chiedono la vendita agli incanti, di obbligarsi ad aumentare per un decimo il prezzo stipulato o il valore dichiarato e di fornire una cauzione per una somma eguale al quinto dell'intero prezzo o valore, aumentato del suddetto decimo Il legislatore ha, cosi, voluto assicurarsi che chi rifiuta l'offerta, domandando la vendita all'incanto, non agisce per capriccio o per interesse, ma a tutela di un legittimo interesse.


Dall’ampia espressione «qualunque dei cre­ditori iscritti» si ricava che la facoltà di promuovere l'espropriazione spetti al creditore sub conditione. Come per un credito condizionale può essere costituita ed iscritta un'ipoteca puramente e semplicemente, così questa ipoteca deve poter produrre tutti gli effetti che produrrebbe se costituita per un credito puro e semplice. Il creditore condizionale ha anch'egli interesse a che il prezzo dell'immobile ipotecato sia por­tato a quella maggiore somma che renda possibile la sua collocazione. Né importa che egli non possa essere soddisfatto in questo maggior prezzo prima dell'avveramento della condizione perchè, frattanto, egli vi si avrà assicurata un'utile collocazione che altrimenti gli sarebbe mancata sul solo prezzo offerto dall'acquirente, collocazione che gliene garantisce l'effettivo pagamento per il caso che, avverandosi la condi­zione, il suo credito diventi certo ed esigibile.

Il diritto di promuovere il giudizio di espropriazione spetta, per espressa disposizione di legge, anche ai fideiussori, sebbene non siano iscritti.

Difatti, essi hanno interesse a che il creditore trovi nel prezzo dell’immobile del debitore la più ampia collocazione possibile, poiché, come garanti, sono responsabili della minore somma che il creditore consegue dai beni del debitore. Ma la legge ha dovuto dirlo espressamente, perché il fideiussore, sino a quando non ha pagato in luogo del debitore, non ha la qualità per esercitare i diritti del creditore, nei quali egli è sur­rogato soltanto in seguito al suo pagamento. Invece, discende dai prin­cipii generali che i cessionari, i creditori surrogati ed i creditori pignora­tizi dei creditori iscritti, di cui all'art 2843, possono promuovere la ven­dita all'incanto contro l'offerta del terzo acquirente, essendo essi stessi investiti di quelle ipoteche, dalle quali questi vuol liberare l’immobile, ed essendosi loro dovuta fare la notificazione di cui all'art. 2890, e norma dell'art. 2843, primo comma.

Non vi può essere dubbio, poi, che abbia la facoltà di maggiore offerta anche il creditore chirografario del creditore iscritto, come esercente i diritti di costui (art. 2900).Tutte le indicazioni di cui parla l'articolo 2891 sono richieste a pena di nullità e il termine di quaranta giorni per produrre il ricorso al presidente del tribunale, col quale, non accettandosi l'offerta del terzo acquirente, si chiede l'espropriazione dei beni, è perentorio e improrogabile (art. 2892).

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Massime relative all'art. 2891 Codice Civile

Cass. civ. n. 19305/2013

In tema di purgazione dalle ipoteche, qualora uno dei creditori eserciti il diritto, previsto dall'art. 2891 c.c., di far vendere il bene ipotecato richiedendone l'espropriazione, il procedimento di volontaria giurisdizione attivato dall'acquirente evolve in processo esecutivo, tanto è vero che, ai sensi dell'art. 795 c.p.c., il giudice al quale l'istanza è proposta, verificate le condizioni stabilite dalla legge per l'ammissibilità della richiesta, deve disporre con decreto che si proceda a norma degli artt. 567 e segg. c.p.c. Ne deriva che il provvedimento del tribunale, positivo o negativo che sia, è già un provvedimento del giudice dell'esecuzione, soggetto al rimedio dell'opposizione agli atti esecutivi e quindi privo dell'attitudine alla definitività, derivandone l'inammissibilità del ricorso straordinario per cassazione.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • L' ipoteca

    Pagine: 576
    Data di pubblicazione: marzo 2017
    Prezzo: 58,00 -5% 55,10 €
    Categorie: Ipoteca
    Il volume è dedicato ad un'analisi approfondita dell'ipoteca, istituto disciplinato dal codice civile e della legislazione speciale, che si concretizza in un diritto reale di garanzia che ha per oggetto, normalmente, beni immobili o beni mobili registrati che rimangono in possesso del debitore, pur mantenendo la loro funzione di garanzia. Negli ultimi anni, la materia ha subito numerose modifiche a seguito di alcuni interventi del legislatore, specialmente nel 2016, e di numerose... (continua)
  • Le garanzie immobiliari in Europa. Studi di diritto comparato

    Pagine: 636
    Data di pubblicazione: luglio 2009
    Prezzo: 100 €
    Categorie: Ipoteca

    Il libro analizza i diritti nazionali delle garanzie immobiliari in tre fra le esperienze giuridiche che, in materia di diritto ipotecario, maggiormente sembrano incarnare le diversità che si affacciano sullo scenario europeo: Germania, Inghilterra e Italia. L’analisi storico_comparatistica dei dati giuridici consente di portare alla luce tutti quei dati che le trattazioni municipali lasciano sovente inespressi. Si tratta, ad esempio, delle radici delle diversità... (continua)