Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2837 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 10/06/2019]

Atti formati all'estero

Dispositivo dell'art. 2837 Codice civile

Gli atti formati in paese estero che si presentano per l'iscrizione devono essere legalizzati [2674, 2843, 2882] (1).

Note

(1) Se gli atti pubblici esteri sono assimilabili ad una scrittura privata, devono essere osservate le disposizioni sancite dagli articoli 2835 e 2836, invece nell'ipotesi in cui si tratti di una sentenza straniera, essa ha immediato ed automatico valore, ai sensi degli articoli 64 e ss., L. 218/1995 (Riforma del sistema del diritto internazionale privato) (come fa riferimento la nota ex art. 2820).

Ratio Legis

La norma richiama implicitamente la Convenzione dell'Aja del 5 ottobre 1961, resa esecutiva in Italia dal 1966 ed in vigore dal 1978, che ha prodotto l'abolizione della procedura di legalizzazione degli atti pubblici stranieri, introducendo le cosiddette Apostille, ossia specifiche formalità che attestano in primis la qualifica di colui che appone la sottoscrizione, ma anche la veridicità della firma medesima e non ultima l'autenticità del sigillo o del timbro.

Spiegazione dell'art. 2837 Codice civile

Documenti per l'iscrizione ipotecaria e loro autenticità

Perché si possa domandare al conservatore dei registri immobiliari l'iscrizione di un'ipoteca occorre presentare il documento da cui questa risulti. Impropriamente l'articolo 2835 continua a parlare di titolo, come l’art. 1989 del codice preesistente. Tale espressione va in­tesa in senso di documento che comprova l'esistenza del diritto e che trova il suo titolo (in senso proprio) nella legge o nel negozio.

Nell'ipoteca legale spettante alla moglie il documento che bisogna presentare è il contratto di matrimonio.

In ogni caso, poi, il documento deve avere il carattere di autenticità, dev'essere, cioè o atto pubblico o scrittura privata autenticata o accertata giudizialmente, o sentenza o altro provvedimento giudiziale ad esso parificato. Se si tratta di atti formati all'estero, oltre l'autoriz­zazione di esso, fatta secondo le leggi del luogo in cui fu redatto, occorre anche che siano debitamente legalizzati. Se si tratta di sentenze stra­niere, occorre che abbiano avuto l'exequatur dell'autorità giudiziaria italiana, a meno che le convenzioni internazionali dispongano diversa­mente (art. 2820).

Al conservatore bisogna esibire l'originale, se si tratta di scrittura privata, tranne che questa sia depositata in un archivio o negli atti di un notaio, nei quali casi basta esibire una copia autenticata con la certi­ficazione che la scritturazione sia stata autenticata o accertata giudi­zialmente.

Se si tratta di atto pubblico o di sentenza o di provvedimento giu­diziale ad essa parificato basta esibire la copia autenticata.

Eseguita che sia l'iscrizione, i documenti vengono restituiti alla parte, salvo che non si tratti di scrittura privata originale, che rimane depositata nell'ufficio dei registri immobiliari.


Registrazione dei documenti

Per agevolare l'iscrizione, evitando il ritardo che potrebbe derivare dall'obbligo di eseguire prima la registrazione, l'art. 2836 di­spone che, trattandosi di atto pubblico ricevuto nello Stato o di sentenza o di altro provvedimento giudiziale, ancorché emesso all'estero ma dichiarato esecutivo, si può chiedere l'iscrizione dell'ipoteca anche prima che sia pagata la tassa di registro. In tal caso non occorre presentare la copia del documento ; basta che le note per la iscrizione siano cer­tificate dal pubblico ufficiale che ha ricevuto l'atto o dal cancelliere dell'autorità giudiziaria che ha pronunziata la sentenza o l'ha dichia­rata esecutiva. Occorre, però, che richiedente presenti al conservatore anche una copia della sentenza, la quale, a cura del conservatore, deve essere vidimata e tramessa immediatamente all'ufficiale incaricato di riscuotere la tassa di registro.

Non si è creduto, nemmeno nel nuovo codice, di applicare lo stesso sistema per le scritture private, le quali debbono sempre prima essere registrate. È un eccessivo fiscalismo, dal quale deriva l’inconveniente che passi del tempo per eseguirne la registrazione, prima che si trovi pronta per iscrivere ipoteca. Per l’art. 72 della legge sull’ordinamento del notariato 16 febbraio 1913, il notaio non può restituire la scrittura privata da lui autenticata se non si è prima eseguita la registrazione, ma avrebbe potuto stabilirsi che i fini dell’iscrizione (come della trascrizione) il notaio potesse certificare le note per le scritture da lui autenticate.


Validità dell'iscrizione avvenuta senza presentazione dei documenti

Già sotto l’impero del codice preesistente sorgeva questione se, procedendosi dal conservatore all’iscrizione senza che gli sia presentato il documento, questa possa dirsi nulla.

Alcuni scrittori ritennero l'affermativa, ma è stato posteriormente osservato che questa opinione incontrava ostacolo nell'art. 1991 del co­dice del 1865 (art. 2 836 cod. vig.) che richiedeva come necessaria l'esibi­zione del documento solo nel caso ivi contemplato, e nel rilievo che i terzi devono essere sicuri circa l'esistenza del documento e la sua corri­spondenza con le note, pel solo fatto che il conservatore abbia provve­duto alla iscrizione, mentre tale sicurezza mancherebbe se si potesse dubitare che il conservatore non abbia tenuto presenti i documenti, mal­grado che l'art. 1071 del codice del 1865 (art. 2678 cod. vig.) gli ingiunga di prendere nota nel registro generale d'ordine della presentazione dei titoli.

Naturalmente la questione non sorge per le scritture private, che non si trovassero depositate in un pubblico archivio o negli atti di un notaio, perché, in tal caso, non solo deve esibirsi l'originale (art. 2835, secondo comma), ma esso deve depositarsi nell'ufficio dei registri immobiliari (art. 2835, terzo comma) ; sicché i terzi sono messi in grado di consultarle e di control­lare la loro corrispondenza con l'originale. E non si dubita che tale de­posito sia chiesto a pena di nullità, come a pena di nullità è anche ri­chiesta l'autenticazione o l'accertamento giudiziale della scrittura privata, trattandosi di garanzia posta nell'interesse dei terzi.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Il processo di liberazione degli immobili dalle ipoteche. Artt. 792-795 cod. proc. civ.

    Editore: Giuffrè
    Collana: Itinerari nel processo civile
    Data di pubblicazione: marzo 2010
    Prezzo: 24,00 -5% 22,80 €
    Categorie: Ipoteca

    Il terzo acquirente di un immobile ha interesse ad avere il bene libero da ogni peso, sicché, qualora tale bene sia gravato da ipoteca egli può attivare uno speciale processo di "liberazione".Si tratta di un procedimento sulla natura del quale la dottrina, risalente e recente, propone differenti inquadramenti e che l'autore riguarda come processo alternativo all'immediato esercizio dell'azione esecutiva, che si sviluppa secondo modalità tipiche del processo di... (continua)

  • L' ipoteca

    Pagine: 576
    Data di pubblicazione: marzo 2017
    Prezzo: 58,00 -5% 55,10 €
    Categorie: Ipoteca
    Il volume è dedicato ad un'analisi approfondita dell'ipoteca, istituto disciplinato dal codice civile e della legislazione speciale, che si concretizza in un diritto reale di garanzia che ha per oggetto, normalmente, beni immobili o beni mobili registrati che rimangono in possesso del debitore, pur mantenendo la loro funzione di garanzia. Negli ultimi anni, la materia ha subito numerose modifiche a seguito di alcuni interventi del legislatore, specialmente nel 2016, e di numerose... (continua)
  • Come liberare gli immobili dalle ipoteche

    Pagine: 90
    Data di pubblicazione: luglio 2017
    Prezzo: 18,00 -5% 17,10 €
    Categorie: Ipoteca

    Il procedimento di liberazione degli immobili dalle ipoteche consiste nell’iniziativa del terzo acquirente a versare una somma pari al prezzo stipulato o al valore dichiarato del bene oggetto della garanzia ipotecaria e nel provvedimento del tribunale che distribuisce la somma versata, o ricavata dalla vendita, e alla cancellazione delle iscrizioni ipotecarie.

     

    Strutturato in forma di quesiti, il testo risponde a tutti i dubbi riguardanti il procedimento di... (continua)

  • Trascrizione ed ipoteca

    Editore: Giuffrè
    Collana: Collana notarile
    Data di pubblicazione: febbraio 2015
    Prezzo: 29,00 -5% 27,55 €
    Categorie: Trascrizione, Ipoteca
  • Opposizione all'ipoteca. Con software

    Collana: Serie L. Professionale
    Pagine: 303
    Data di pubblicazione: maggio 2014
    Prezzo: 35,00 -5% 33,25 €
    Categorie: Ipoteca

    L'ipoteca sugli immobili permette di costituire un diritto reale di garanzia sui beni di proprietà dei debitori morosi in forza del quale l'Agente della riscossione può garantirsi, con preferenza, la possibilità di soddisfare le sue pretese tributarie grazie al ricavato della vendita forzata del bene. Appare, quindi, evidente l'incisività di una misura cautelare che, oltre a limitare la circolazione degli immobili, impedisce (o limita) la possibilità di... (continua)

  • Trattato di diritto civile - I diritti reali. Vol. VI: L'Ipoteca

    Pagine: 480
    Data di pubblicazione: aprile 2010
    Prezzo: 57,00 -5% 54,15 €
    Categorie: Ipoteca

    Il sistema ipotecario, nel corso degli ultimi anni, ha subto numerosi e rilevanti interventi: l. 2-12-2005, n. 248 in tema di “prestito vitalizio ipotecario”, l. 4-8-2006, n. 248 in tema di concessioni di ipoteca automobilistica, l. 2-4-2007, n. 40 che introduce una nuova disciplina per la perenzione delle ipoteche iscritte a garanzia di mutui bancari e una nuova regola per l’annotazione del pagamento con surrogazione dei finanziamenti bancari.Il volume, alla sua seconda... (continua)

  • L' ipoteca

    Editore: CEDAM
    Collana: Enciclopedia
    Data di pubblicazione: dicembre 2007
    Prezzo: 25,00 -5% 23,75 €
    Categorie: Ipoteca
  • Pegno e ipoteca. Aspetti sostanziali e risposte giurisprudenziali a questioni pratiche

    Editore: Giuffrè
    Collana: Risposte giurisprudenziali
    Data di pubblicazione: giugno 2013
    Prezzo: 32,00 -5% 30,40 €
    Categorie: Ipoteca, Pegno

    Il presente volume affronta in maniera sistematica ed esaustiva le principali questioni giuridiche che si "agitano" intorno alle figure del pegno e dell'ipoteca, con particolare attenzione alle ricadute pratiche di interesse dell'operatore del diritto, alla luce della più recente giurisprudenza e delle ultime modifiche alla disciplina degli istituti introdotte dal Legislatore. La prima parte del testo, dedicata al pegno, approfondisce le tematiche della natura giuridica,... (continua)

  • Iscrizione e rinnovazione ipotecaria. Artt. 2826-2851

    Editore: Giuffrè
    Collana: Il codice civile. Commentario
    Data di pubblicazione: dicembre 2008
    Prezzo: 28,00 -5% 26,60 €
    Categorie: Ipoteca

    Art. 2826 (Indicazioni dell'immobile ipotecato) - Art. 2827 (Luogo dell'iscrizione) - Art. 2828 (Immobili su cui può iscriversi l'ipoteca giudiziale) - Art. 2829 (Iscrizione sui beni del defunto) - Art. 2830 (Ipoteca giudiziale sui beni dell'eredità beneficiata e dell'eredità giacente) - Art. 2831 (Ipoteca a garanzia di obbligazioni all'ordine o al portatore) - Art. 2832 (Iscrizione dell'ipoteca legale della moglie) - Art. 2833 (Responsabilità per mancata... (continua)