Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2439 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Sottoscrizione e versamenti

Dispositivo dell'art. 2439 Codice civile

Salvo quanto previsto nel quarto comma dell'articolo 2342, i sottoscrittori (1) delle azioni di nuova emissione devono, all'atto della sottoscrizione, versare alla società almeno il venticinque per cento del valore nominale delle azioni sottoscritte. Se è previsto un soprapprezzo, questo deve essere interamente versato all'atto della sottoscrizione.

Se l'aumento di capitale non è integralmente sottoscritto entro il termine (2) che, nell'osservanza di quelli stabiliti dall'articolo 2441, secondo e terzo comma, deve risultare dalla deliberazione, il capitale è aumentato di un importo pari alle sottoscrizioni raccolte soltanto se la deliberazione medesima lo abbia espressamente previsto.

Note

(1) Il socio può obbligarsi a sottoscrivere un determinato aumento di capitale prima che lo stesso sia deliberato dall'assemblea, a condizione che la delibera intervenga nel termine stabilito.
(2) Il termine utile per la sottoscrizione delle nuove azioni può anche non risultare dalla delibera di aumento del capitale, atteso il richiamo contenuto nell'art. 2441.

Ratio Legis

L'aumento di capitale a pagamento non si perfeziona con la deliberazione relativa ma necessita della conseguente sottoscrizione.

Spiegazione dell'art. 2439 Codice civile

Il versamento da parte del socio deve essere effettuato alla società, non presso una banca come è previsto in sede di atto costitutivo, perché ormai la società esiste.
La dottrina si è chiesta se il contratto di sottoscrizione abbia natura di contratto reale.
Secondo parte minoritaria della dottrina, il contratto di sottoscrizione è un contratto reale che si perfeziona con il versamento del 25% in denaro. Si tratterebbe di un contratto reale sui generis perché la consegna del bene oggetto del negozio, ovvero il denaro, è solo parziale.
Secondo la teoria prevalente in dottrina e giurisprudenza si tratta di contratto consensuale che si perfeziona nel momento in cui alla società perviene la dichiarazione di sottoscrizione. Il versamento del 25% costituisce solo l'atto di esecuzione dell'obbligo assunto dal sottoscrittore.

L'aumento di capitale può essere inscindibile o scindibile.
Si ha aumento inscindibile quando ha efficacia solo per l'intera somma deliberata e, quindi, solo quando sarà interamente sottoscritto.
Si ha aumento scindibile quando l'aumento è efficace anche solo per una parte della somma deliberata e, quindi, sarà valido qualunque sia il capitale sottoscritto entro un certo termine.
In mancanza di espressa previsione della delibera, l'aumento si considera inscindibile.

Massime relative all'art. 2439 Codice civile

Cass. civ. n. 22016/2007

In materia di aumento di capitale di una società a responsabilità limitata, l'obbligo di versamento per il socio deriva non dalla deliberazione. ma dalla distinta manifestazione di volontà negoziale, consistente nella sottoscrizione della quota del nuovo capitale offertagli in opzione, ciò indipendentemente dall'avere egli concorso o meno con il proprio voto alla deliberazione di aumento; conseguentemente, per fondare la relativa pretesa, la società ha l'onere di provare non soltanto l'esistenza della deliberazione assembleare, ma anche la successiva sottoscrizione della quota di spettanza dell'aumento ad opera del socio.

Cass. civ. n. 8876/2006

Nelle società per azioni, il socio può validamente obbligarsi nei confronti della società a sottoscrivere un determinato aumento di capitale prima che lo stesso sia formalmente deliberato dall'assemblea, dovendosi ritenere siffatto obbligo, in assenza di diverse pattuizioni, subordinato alla condizione sospensiva che la deliberazione di aumento del capitale intervenga nel termine stabilito o in quello desumibile dalle circostanze, e per la parte in cui l'impegno investa anche le azioni di nuova emissione sulle quali il socio non vanta il diritto di opzione alla ulteriore condizione che tali azioni non vengano sottoscritte dai soci titolari del predetto diritto nel termine assegnato ai fini dell'esercizio del medesimo.

Cass. civ. n. 12539/1998

Il versamento effettuato dai soci della società in conto di futuro aumento di capitale, pur determinando un incremento del capitale sociale e pur non attribuendo alle relative somme la condizione giuridica proposta del capitale, ha una causa che, di norma, è diversa da quella del mutuo ed è simile, invece, a quella del conferimento in conto capitale, che è un conferimento a rischio. Ne deriva che all'autonomia privata sono consentiti, nelle società di capitali, conferimenti atipici e ciò sia nel senso che si tratta di conferimenti eseguiti al di fuori degli schemi giuridico-formali previsti per la costituzione delle società e per l'aumento del capitale sociale, sia perché sono conferimenti destinati ad incrementare il patrimonio della società fuori del capitale.

Cass. civ. n. 611/1996

Il negozio di sottoscrizione dell'aumento di capitale di una società per azioni ha natura consensuale, e non reale, essendo il versamento dei tre decimi del valore nominale delle azioni sottoscritte, previsto dall'art. 2439 c.c., come quello da effettuare al momento della costituzione della società (art. 2329, n. 2, c.c.) rispetto al quale è ipotizzata la mora (art. 2334, comma 2) e la cui mancanza dà luogo, se l'atto costitutivo venga ugualmente omologato, alla cosiddetta nullità della società (art. 2332, n. 6) un'obbligazione derivante dal contratto e non elemento costitutivo dello stesso.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Gli interessi «per conto di terzi» degli amministratori di società per azioni

    Autore: Corso Silvia
    Editore: Giappichelli
    Collana: Studi di diritto dell'impresa
    Data di pubblicazione: gennaio 2016
    Prezzo: 45,00 -5% 42,75 €
    Categorie: Spa

    "Nel dibattito internazionale la questione del conflitto di interessi - come parte del più ampio tema del c.d. insider opportunism - è ritenuta di importanza cruciale per la definizione di un buon sistema di governo societario, come dimostrano i numerosi interventi che, in tutti i principali Paesi dell'economia occidentale, si sono susseguiti nell'ultimo decennio nel tentativo di fronteggiare gli scandali societari e finanziari che hanno profondamente scosso i relativi... (continua)