Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2419 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 10/06/2019]

Azione individuale degli obbligazionisti

Dispositivo dell'art. 2419 Codice civile

Le disposizioni degli articoli precedenti non precludono le azioni individuali degli obbligazionisti [2395], salvo che queste siano incompatibili con le deliberazioni dell'assemblea previste dall'articolo 2415.

Ratio Legis

La norma regola i rapporti tra tutela assicurata all'organizzazione di gruppo e tutela individuale dell'obbligazionista.

Spiegazione dell'art. 2419 Codice civile

L'obbligazionista conserva il potere di agire individualmente nei confronti della società, ciò sia per gli atti che la società compia esclusivamente nei suoi confronti, sia quando viene intaccato l'interesse comune della categoria.
Gli effetti dell'azione proposta dal singolo obbligazionista, seppur a tutela di interessi comuni, restano circoscritti al solo agente, a meno che non si tratti di azioni dotate di efficacia erga omnes, come l'azione di nullità.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • I limiti statutari alla circolazione delle azioni. Il diritto al disinvestimento

    Editore: CEDAM
    Collana: Dipartimento di scienze giuridiche. LUISS
    Pagine: 344
    Data di pubblicazione: ottobre 2011
    Prezzo: 30,00 -5% 28,50 €

    L'opera affronta in modo sistematico, per la prima volta dopo la riforma delle società, il tema dei limiti statutari alla circolazione delle azioni. L'analisi si concentra sulle clausole nominate dal codice civile, la clausola che vieta il trasferimento delle azioni e la clausola di mero gradimento, dalle quali trae i principi imperativi che dominano la materia e li applica alle clausole non nominate come la clausola di prelazione o la clausola di covendita.

    (continua)