Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2189 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Modalità dell'iscrizione

Dispositivo dell'art. 2189 Codice civile

Le iscrizioni nel registro sono eseguite su domanda sottoscritta dall'interessato (1) [2190, 2192, 2194].

Prima di procedere all'iscrizione, l'ufficio del registro deve accertare l'autenticità della sottoscrizione e il concorso delle condizioni [2195, 2197] richieste dalla legge per l'iscrizione [2411, 2566].

Il rifiuto dell'iscrizione deve essere comunicato con raccomandata al richiedente. Questi può ricorrere entro otto giorni al giudice del registro, che provvede con decreto [2192, 2964].

Note

(1) I soggetti interessati all'iscrizione sono gli imprenditori individuali e gli amministratori di società, i quali hanno un interesse personale e diretto, nonché di un vero e proprio obbligo di provvedere alla richiesta di iscrizione.

Ratio Legis

È una norma di carattere tecnico-operativo che disciplina l'iter per procedere all'iscrizione nel registro. La richiesta deve pervenire dall'imprenditore, non vi è automaticità.

Spiegazione dell'art. 2189 Codice civile

L'interessato è l'imprenditore o gli amministratori se si tratta di società. Deve sussistere un interesse specifico all'iscrizione, derivante dal fatto che il soggetto ha un obbligo specifico a richiederla. Anche il termine "richiedente" si riferisce all'interessato.

È stato considerato legittimato a richiedere l'iscrizione della sua nomina l'amministratore, anche nell'ipotesi in cui lo statuto non gli attribuisca il potere di rappresentanza della società.

Le principali modalità da seguire per l'iscrizione sono le seguenti:
  1. l'atto da iscrivere deve essere depositato in originale, con sottoscrizione autenticata, se trattasi di scrittura privata non autenticata presso un notaio. Negli altri casi va depositato in copia autentica;
  2. l'iscrizione deve essere eseguita senza indugio entro il termine di 10 giorni dalla protocollazione della domanda, se la domanda è presentata su supporto informatico, il termine è dimezzato;
  3. il provvedimento di rifiuto va comunicato al richiedente mediante raccomandata entro 8 giorni dall'adozione;
  4. il decreto del tribunale che pronuncia sul ricorso contro il rifiuto è comunicato d'ufficio dalla cancelleria entro 2 giorni dal deposito. Il decreto che accoglie il ricorso può essere comunicato in qualsiasi momento.
L'iscrizione e l'accettazione del deposito di un atto nel registro delle imprese non si riducono ad una mera operazione materiale, ma implicano un vero atto amministrativo di accoglimento o di rigetto della domanda.

I fatti oggetto di pubblicità possono distinguersi in:
a) meri fatti;
b) atti negoziali e non negoziali.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Operazioni straordinarie e tutela degli investitori. Tra rimedi compensativi e rimedi ostativi

    Editore: Giappichelli
    Collana: Studi di diritto dell'impresa
    Pagine: 392
    Data di pubblicazione: luglio 2018
    Prezzo: 49,00 -5% 46,55 €
    La monografia "Operazioni straordinarie e tutela degli investitori. Tra rimedi compensativi e rimedi ostativi" affronta il tema della tutela degli investitori in occasione di operazioni straordinarie. L'opera offre una proposta di categorizzazione dei rimedi a disposizione degli investitori secondo la distinzione tra "rimedi compensativi" e "rimedi ostativi". Il problema indagato, ricorrente nelle operazioni esaminate (aumento di capitale e fusione in presenza di più categorie di... (continua)