Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 166 bis Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 10/06/2019]

Divieto di costituzione di dote

Dispositivo dell'art. 166 bis Codice civile

(1)È nulla(2) ogni convenzione che comunque tenda alla costituzione di beni in dote(3).

Note

(1) L'articolo è stato inserito dall'art. 47 della L. 19 maggio 1975 n. 151.
(2) La nullità qui configurata richiama la fattispecie del negozio in frode alla legge, di cui all'art. 1344 del c.c..
(3) Con l'art. 227 della L. 19 maggio 1975 n. 151 si è statuito, al fine di mantenere le doti già costituite pur nell'impossibilità di crearne di nuove, che "le doti e i patrimoni familiari costituiti prima dell'entrata in vigore della presente legge continuano ad essere disciplinati dalle norme anteriori".

Ratio Legis

La dote era costituita dai beni attribuiti dalla moglie, in godimento al marito per il sostentamento della famiglia; la scarsa applicazione pratica, e la desuetudine dell'istituto (posta l'inalienabilità dei beni oggetto della stessa) hanno condotto all'abrogazione, nel 1975, della stessa.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Massime relative all'art. 166 bis Codice civile

Cass. civ. n. 67/1985

In virtù della norma transitoria dettata dall'art. 227 della L. 19 maggio 1975, n. 151 (sulla riforma del diritto di famiglia) — secondo cui le doti e i patrimoni familiari costituiti prima dell'entrata in vigore della legge continuano ad essere disciplinati dalle norme anteriori — la nullità di «ogni convenzione che comunque tenda alla costituzione dei beni in dote», sancita dall'art. 166 bis c.c., aggiunto dall'art. 47 di tale legge, non si estende alle costituzioni di dote anteriori alla stessa legge, con l'ulteriore conseguenza del permanere dell'impignorabilità dei beni che ne formarono oggetto.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 166 bis Codice civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Romano C. chiede
giovedì 16/02/2017 - Puglia
“I beni dotali di mia madre (atto del 1971) ad oggi, con la morte del coniuge (mio padre nel 2004) e con l'abrogazione della stessa con la legge del 1975 ....sono ad oggi rimasti inalienabili e inattaccabili? da banche o enti .....?”
Consulenza legale i 20/02/2017
La dote era un istituto presente nel Codice Civile italiano prima della riforma del diritto di famiglia (legge 19/5/1971 n. 151), la quale ha introdotto nel nostro ordinamento l’art. 166 bis c.c. che sancisce e determina la nullità di qualsiasi convenzione che abbia come oggetto la costituzione di beni in dote.
Nel vecchio ordinamento, la dote veniva costituita a mezzo di un atto da stipularsi dinanzi ad un notaio a pena di nullità e poteva riguardare qualsiasi bene, mobile ed immobile. I beni costituiti in dote non potevano essere alienatiipotecati (salvo patto contrario in sede notarile) a meno che non ci fosse il consenso espresso di entrambi i coniugi e con l’autorizzazione del Tribunale, che, attraverso un decreto, la concedeva solo in caso di necessità o utilità evidente.
Durante il matrimonio, era solo il marito che aveva l’amministrazione dei beni costituiti in dote. In caso di beni mobili, egli ne diveniva proprietario; in caso di beni immobili, il marito non ne diveniva proprietario a meno che ciò non fosse stabilito in sede notarile.

Con la legge del 1975 queste norme vengono tutte abrogate. L’art. 227 di tale legge, però, stabilisce testualmente che “le doti e i patrimoni familiari costituiti prima della entrata in vigore della presente legge continuano ad essere disciplinati dalle norme anteriori”: in altre parole, venendo al caso di specie, i beni che costituivano la dote di Sua mamma continuavano ad essere disciplinati dalle norme del vecchio ordinamento.

La dottrina sostiene che alla morte del marito, i beni costituiti in dote passano nella piena disponibilità della moglie: ciò significa, pertanto, che tali beni sono passati nella piena disponibilità di Sua mamma alla morte di Suo papà.

Sua mamma potrà venderli o donarli o disporne a piacimento. In buona sostanza è come se fosse “caduto” il vincolo della dote su quei particolari beni.
Detto ciò, tali beni saranno "attaccabili" da banche o enti nel caso in cui tali banche o enti siano creditori di Sua mamma attraverso una procedura di pignoramento (esattamente come ogni altro bene di proprietà di un debitore che non adempia il suo debito).

Testi per approfondire questo articolo

  • L'assegnazione della casa familiare

    Editore: Giuffrè
    Collana: Teoria pratica del diritto. Civ. e proc.
    Data di pubblicazione: marzo 2014
    Prezzo: 30,00 -5% 28,50 €

    L'opera affronta la complessa problematica dell'assegnazione della casa familiare o coniugale alla luce delle profonde innovazioni apportate dalle riforme attuate dalla L. n. 219/2012 e dal D.lgs. n. 154/2013. Il legislatore con tali disposizioni ha definitivamente equiparato sia dal punto di vista della competenza funzionale che sotto l'aspetto procedurale e contenutistico la disciplina dei provvedimenti nei confronti dei figli minori nelle procedure di separazione, divorzio e relative a... (continua)

  • L'impresa familiare. Modelli e prospettive. Atti del Convegno di studio (Courmayeur, 30 settembre-1 ottobre 2011)

    Editore: Giuffrè
    Collana: Centro naz. prevenzione e difesa sociale
    Data di pubblicazione: dicembre 2012
    Prezzo: 20,00 -5% 19,00 €
    Categorie: Impresa familiare

    Il volume, a cura di Camilla Beria di Argentine, raccoglie gli atti del Convegno di studio "Adolfo Beria di Argentine", organizzato dalla Fondazione Centro Internazionale su Diritto Società ed Economia Corumayeur e tenutosi a Courmayeur il 30 settembre 2011. Gli interventi, nella specie, affrontano le problematiche concernenti l'impresa familiare, con particolare attenzione, da un lato, ai modelli organizzativi attraverso i quali essa può realizzarsi, e, dall'altro, ai... (continua)

  • Fondo patrimoniale e trust familiare

    Editore: Giuffrè
    Collana: Famiglia
    Data di pubblicazione: aprile 2017
    Prezzo: 30,00 -5% 28,50 €
  • Convenzioni matrimoniali e contratti di convivenza

    Editore: CEDAM
    Collana: Biblioteca del diritto di famiglia
    Data di pubblicazione: ottobre 2014
    Prezzo: 32,00 -5% 30,40 €

    Le convenzioni matrimoniali rappresentano una nuova frontiera nel diritto di famiglia.

    In attesa di novità legislative, che adeguino il nostro sistema a quello di altri Paesi occidentali, nei quali sono previsti ampli margini per accordi con il partner sul regime matrimoniale e sulla disciplina di un futuro eventuale divorzio, dottrina e giurisprudenza si interrogano su quali siano, sin da oggi, in Italia, i margini dell’autonomia privata nel diritto di famiglia e, in... (continua)

  • Impresa individuale e familiare
    Aspetti fiscali, civilistici e fallimentari

    Editore: Ipsoa
    Pagine: 600
    Data di pubblicazione: febbraio 2013
    Prezzo: 45,00 -5% 42,75 €

    L’Opera, concepita essenzialmente come strumento destinato all’attività professionale e diretta a tutti i professionisti che si occupano di impresa (commercialisti, avvocati, notai, ecc.), presenta l’analisi della disciplina dell’impresa individuale e familiare, in ambito civilistico, fiscale e fallimentare.

    Il volume è così strutturato:

    analisi del regime civilistico dell’impresa individuale, familiare e dell’azienda... (continua)