Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 159 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 10/06/2019]

Del regime patrimoniale legale tra i coniugi

Dispositivo dell'art. 159 Codice civile

Il regime patrimoniale legale della famiglia, in mancanza di diversa convenzione stipulata a norma dell'articolo 162, è costituito dalla comunione dei beni (1), regolata dalla sezione III del presente capo (2).

Note

(1) La comunione dei beni, regime base per i rapporti patrimoniali, prevede una comunione di acquisto, attribuendo così ai coniugi la contitolarità dei beni e dei diritti derivanti, e quanto verrà analiticamente descritto all'art. 177 del c.c..
Per tale regime (che dal 1975 sostituisce quello della separazione dei beni) non vi è alcuna necessità di pubblicità legale. Infine, si ricordi come, ai sensi dell'art. 157 del c.c., con la riconciliazione dei coniugi separati cessino con effetto ex nunc tutti gli effetti della separazione, e venga ripristinato il regime patrimoniale della comunione dei beni se esistente in origine tra i coniugi.
(2) L'articolo è stato così sostituito dall'art. 41 della L. 19 maggio 1975 n. 151. Si vedano inoltre gli artt. 8, 9 e 9bis della L. 1 dicembre 1970, n. 898 e l'art. 2 della L. 10 aprile 1981, n. 142.

Ratio Legis

In linea con la fondamentale esigenza di equità tra i coniugi, il legislatore ha riconosciuto come primario ed automaticamente instaurato ipso jure il regime legale di comunione dei beni: la norma pertanto rispecchia il principi di uguaglianza dei coniugi e di unità familiare sancito dall'art. 29 Cost..

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Massime relative all'art. 159 Codice civile

Cass. civ. n. 224/1977

L'esistenza di patrimoni individuali dei singoli partecipanti non è incompatibile con la figura della comunione tacita familiare, perché questa non attrae nella sua sfera tutti gli averi e proventi del singolo componente, ma soltanto quelli che egli metta, volontariamente, in tutto od in parte, a disposizione del consorzio familiare, nel comune interesse, attraverso una manifestazione, anche tacita, di volontà.

Notizie giuridiche correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 159 Codice civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Alfredo C. chiede
giovedì 08/10/2015 - Campania
“Buongiorno vorrei il V/s parere su tale quesito. I miei genitori sono entrambi defunti; mio padre era medico e mia madre casalinga e possidente di svariati immobili. Per tutta la loro esistenza hanno sempre svolto una vita all'insegna della comunione totale e conseguentemente avevano un conto corrente cointestato sul quale versavano i proventi sia dell'attività paterna sia delle rendite materne.Nel 1970 mio padre acquista un palazzo e su consiglio del commercialista intesta gli appartamenti tra lui e me e mio fratello. Alla morte di mio padre non esistendo alcun testamento mia madre con l'assoluto accordo e consapevolezza di noi due figli ha effettuato la rinuncia all'eredità (inerente al 50% degli immobili acquistati nel 1970) considerandosi da sempre proprietaria dell'altro 50% e conseguentemente il 50% che era di mio padre è stato diviso tra me e mio fratello . Nel testamento olografo redatto da mia madre , ella indicava mio fratello come erede del 50% dell'immobile in oggetto ma il commercialista asserisce che mia madre non era proprietaria di nulla e che alla morte di mio padre le sue proprietà , a seguito rinuncia di mia madre erano automaticamente attribuite a me e mio fratello . Aggiungo inoltre che avendo io, ricevuto da mia madre quando era in vita il corrispondente valore del 50% dell'immobile in questione , ho effettuato doverosa rinuncia all'eredità di mia madre. Ha ragione il commercialista o io e mio fratello che abbiamo sempre considerato i nostri genitori cointestatari in tutto e per tutto? Gradirei urgenza di risposta. Grazie”
Consulenza legale i 13/10/2015
La vicenda centrale del quesito è costituita dall'acquisto di immobile del 1970, negozio regolato dalle norme vigenti prima della riforma del diritto di famiglia di cui alla l. 151/1975.
Di tale immobile una parte è stata intestata dal padre ai figli. Tale operazione configura una donazione, con le relative conseguenze in tema successorio. La questione della spettanza del bene, quindi, si pone solo relativamente alla porzione che il genitore ha intestato a sé stesso.
In base alla disciplina vigente prima del 1975 nei rapporti patrimoniali tra i coniugi la regola era la separazione dei beni: ciascuno di essi, cioè, rimaneva proprietario esclusivo di quanto acquistato in costanza di matrimonio. Tuttavia ai sensi degli artt. 215 ss c.c. era ammessa la comunione per gli acquisti futuri. In tal caso la proprietà era comune, salvo che si trattasse di acquisti derivanti da donazione o successione oppure fatti col ricavato della vendita di un bene personale di un coniuge se ciò risultava dall'atto (art. 217 c.c.).
La riforma del 1975 (applicabile alle famiglie sorte dopo la riforma) ha introdotto, come regola, il regime della comunione legale mentre la separazione deve essere oggetto di scelta apposita. Tale legge ha anche previsto uno specifico regime transitorio (art. 228 l. 151/1975) il quale ha previsto che:
- per le famiglie già costituite si sarebbe applicata per gli acquisti futuri la comunione legale, salvo che entro il 20/9/1977 (termine poi prolungato al 15/01/1978) le stesse non avessero scelto di mantenere la separazione;
- gli acquisti anteriori la riforma avrebbero potuto essere assoggettati alla comunione con apposita dichiarazione entro la stessa data del 15/01/1978; quindi in mancanza di dichiarazione esplicita i beni oggetto di tali acquisti sarebbero rimasti di proprietà esclusiva del coniuge acquirente.
In base al quesito posto si può fare una prima ipotesi: i coniugi scelsero, già prima della riforma, il regime della comunione per gli acquisti futuri. In tal caso l'immobile del 1970 sarebbe caduto immediatamente in comunione, seguendo il regime di cui si dirà a breve.
Se, invece, scelsero la separazione, per far cadere l'immobile in comunione sarebbe servita l'apposita dichiarazione. In tale secondo caso, non essendo noto se sia stata fatta o meno tale dichiarazione, è opportuno analizzare entrambe le ipotesi.
A) Con apposita dichiarazione i coniugi hanno assoggettato a comunione l'immobile acquistato nel 1970.
In tal caso la porzione di immobile intestata dal marito a sé stesso cade in comunione tra i coniugi. Ciò accade nonostante l'intestazione sia stata a favore di uno solo dei coniugi, proprio perché la dichiarazione ha lo scopo di rendere comune un atto posto in essere da un solo coniuge. Pertanto alla morte del marito la donna, rinunciando all'eredità, non succede nella quota del de cuius ma rimane proprietaria della quota di cui era titolare iure proprio, cioè a causa della comunione. Tale quota è presente nel suo patrimonio al momento della sua morte.
B) Non vi è alcuna dichiarazione che estende la comunione legale all'acquisto del 1970.
In tale ipotesi il bene rimane di esclusiva proprietà del marito. Pertanto anche tutta la parte di immobile acquistato nel 1970 ed intestata dal marito a sé stesso è parte dell'asse ereditario di questi; alla sua morte la moglie rinuncia all'eredità e non diviene titolare di alcun diritto su tale bene che, quindi, non è nel suo patrimonio nel momento in cui ella stessa viene a mancare.
In conclusione, la madre vantava diritti sull'immobile del 1970 se questo è caduto in comunione tra i coniugi, ciò che è accaduto se con il matrimonio avevano scelto tale regime oppure se vi hanno assoggettato l'acquisto con apposita successiva dichiarazione.
Non ne vantava se il bene è rimasto di proprietà esclusiva del marito cioè se, in regime di separazione dei beni, non vi è stata la dichiarazione di estensione.

Testi per approfondire questo articolo

  • Il regime patrimoniale della famiglia

    Editore: Giuffrè
    Collana: Collana notarile
    Data di pubblicazione: dicembre 2015
    Prezzo: 37,00 -5% 35,15 €

    Il testo illustra il regime patrimoniale della famiglia, soffermandosi in particolare sugli istituti della comunione legale, del fondo patrimoniale e dell'impresa familiare. Aggiornato alle modifiche apportate dal d.lgs. n. 154/2013 e dal recente d.l. n. 83/2015 (c.d. "d.l. Giustizia"), conv. l. n. 132/2015, che ha introdotto il nuovo art. 2929-bis c.c. sull'espropriazione di beni oggetto di vincoli di indisponibilità o di alienazioni a titolo gratuito, il volume è arricchito... (continua)

  • Fondi patrimoniali trust e patti di famiglia. Con e-book. Con espansione online

    Editore: Fag
    Collana: Contabilità e fisco
    Pagine: 253
    Data di pubblicazione: gennaio 2019
    Prezzo: 28,00 -5% 26,60 €
    Le attività economiche e professionali sono costantemente caratterizzate dal fattore "rischio", da una forte accelerazione dei processi di cambiamento e da un incremento dell'esigenza di salvaguardare il patrimonio personale. Il nostro panorama normativo offre una serie di istituti che si dimostrano validi strumenti di tutela del patrimonio. Occorre però valutare le peculiarità di ciascuno e prestare molta attenzione nell'utilizzo: un uso non corretto, o elusivo, ne... (continua)
  • I Regolamenti europei sui regimi patrimoniali dei coniugi e delle unioni registrate. Commento ai Regolamenti (UE) 24 giugno 2016, n.1103 e 1104 applicabili dal 29 gennaio 2019

    Autore: Bruno Paolo
    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: gennaio 2019
    Prezzo: 29,00 -5% 27,55 €
    Con l'adozione dei Regolamenti (UE) n. 1103 e 1104 del 2016, applicabili dal 29 gennaio 2019, il legislatore sovranazionale ha completato - seppure nelle forme di una cooperazione rafforzata - il quadro del diritto europeo della famiglia, dettando regole comuni in materia di giurisdizione, legge applicabile, riconoscimento ed esecuzione delle decisioni in materia di regimi patrimoniali tra coniugi e di effetti patrimoniali delle unioni registrate. Dopo essere intervenuto nell'arco di un... (continua)
  • I regimi patrimoniali della famiglia in prospettiva europea

    Editore: Giuffrè
    Collana: Teoria pratica del diritto. Civ. e proc.
    Data di pubblicazione: febbraio 2016
    Prezzo: 28,00 -5% 26,60 €

    Il volume analizza il regime patrimoniale della famiglia vigente in Italia, soffermandosi, con attenzione alla più recente giurisprudenza, sugli istituti del regime patrimoniale della famiglia e della convenzione matrimoniale, sulle principali problematiche sollevate in tema di comunione legale dei beni, separazione dei beni, comunione convenzionale. Vengono approfonditi il fondo patrimoniale ed i rapporti di tale istituto con altre figure, quali il trust ed il vincolo di... (continua)