Brocardi.it, il sito dedicato al latino dei giuristi... e molto altro CHI SIAMO   PRIVACY

Articolo 87

Codice Civile

Parentela, affinità, adozione

Dispositivo dell'art. 87 Codice Civile

(1) Non possono contrarre matrimonio fra loro [117 c.c.]:
1) gli ascendenti e i discendenti in linea retta[, legittimi o naturali] [75 c.c.] (2);
2) i fratelli e le sorelle germani, consanguinei o uterini [101, 116 2 c.c.];
3) lo zio e la nipote, la zia e il nipote;
4) gli affini in linea retta [78 c.c.]; il divieto sussiste anche nel caso in cui l'affinità deriva da matrimonio dichiarato nullo [117 c.c.] o sciolto o per il quale è stata pronunziata la cessazione degli effetti civili [116 2 c.c.];
5) gli affini in linea collaterale in secondo grado;
6) l'adottante, l'adottato e i suoi discendenti;
7) i figli adottivi della stessa persona [294 c.c.];
8) l'adottato e i figli dell'adottante [300 c.c.];
9) l'adottato e il coniuge dell'adottante, l'adottante e il coniuge dell'adottato.
[I divieti contenuti nei numeri 6), 7), 8) e 9) sono applicabili all'affiliazione [409]] (2).
[I divieti contenuti nei numeri 2) e 3) si applicano anche se il rapporto dipende da filiazione naturale [250]] (2).
Il tribunale, su ricorso degli interessati, con decreto emesso in camera di consiglio, sentito il pubblico ministero, può autorizzare il matrimonio nei casi indicati dai numeri 3) e 5), anche se si tratti di affiliazione [o di filiazione naturale] (2). L'autorizzazione può essere accordata anche nel caso indicato dal numero 4), quando l'affinità deriva da matrimonio dichiarato nullo [117 c.c.] (3).
Il decreto è notificato agli interessati e al pubblico ministero.
Si applicano le disposizioni dei commi quarto, quinto e sesto dell'articolo 84.

Note

(1) Articolo così sostituito dall'art. 5 l. 19 maggio 1975, n. 151.

(2) Comma così modificato con d.lgs. 28 dicembre 2013, n. 154, in vigore dal 7 febbraio 2014.

(3) Comma così sostituito dall'art. 78, l. 4 maggio 1983, n. 184.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Brocardi collegati a questo articolo

Hai un dubbio su questo articolo?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Quesiti degli utenti
relativi all'articolo 87 del c.c.

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it. Trattasi di quesiti per cui è stato richiesto il servizio di consulenza legale a pagamento o che presentano particolare interesse giuridico in ragione del quale la redazione ha ritenuto di rispondere gratuitamente.

28/02/2011 Puglia
Anna chiede

Due cugini di secondo grado possono sposarsi (due ragazzi figli di cugini)?

Consulenza giuridica i 28/02/2011

Nel caso esposto non vi è alcun impedimento a contrarre matrimonio.


07/06/2010
daniela chiede

zio e nipote possono sposarsi?

Consulenza giuridica i 09/07/2010

No, non possono contrarre matrimonio tra loro.
Citiamo dall'articolo 87 c.c.:
"3) lo zio e la nipote, la zia e il nipote"


Testi per approfondire questo articolo

  • Divorzio «breve» e «facile»

    Autore: Blasi Marina
    Data di pubblicazione: giugno 2015
    Prezzo: 20,00 -10% 18,00 €
    Categorie: Divorzio

    A distanza di quarant'anni dalla riforma del diritto di famiglia, e dal referendum abrogativo della legge sul divorzio, la l. n. 55/2015, il cosiddetto divorzio breve, riduce drasticamente i tempi per ottenere lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio. Ora è possibile chiedere il divorzio dopo sei mesi dalla separazione consensuale o dopo un anno in caso di separazione giudiziale. La legge anticipa anche il momento dello scioglimento della comunione legale... (continua)