Brocardi.it, il sito dedicato al latino dei giuristi... e molto altro CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 84 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n.262)

Età

Dispositivo dell'art. 84 Codice civile

I minori di età non possono contrarre matrimonio [117] (1).
Il tribunale, su istanza dell'interessato, accertata la sua maturità psico-fisica e la fondatezza delle ragioni addotte, sentito il pubblico ministero, i genitori o il tutore, può con decreto emesso in camera di consiglio ammettere per gravi motivi (2) al matrimonio chi abbia compiuto i sedici anni [90, 165].
Il decreto è comunicato al pubblico ministero, agli sposi, ai genitori e al tutore.
Contro il decreto può essere proposto reclamo, con ricorso alla corte d'appello, nel termine perentorio di dieci giorni dalla comunicazione [87, 89; c.p.c. 739].
La corte d'appello decide con ordinanza non impugnabile, emessa in camera di consiglio [87 co. VI].
Il decreto acquista efficacia quando è decorso il termine previsto nel quarto comma, senza che sia stato proposto reclamo [741 c.p.c.].

Note

(1) La mancanza dell'età minima richiesta per contrarre matrimonio rappresenterebbe (secondo parte maggioritaria della dottrina) una vera e propria incapacità giuridica, non potendosi ritenere il minore capace di divenire titolare del costituendo rapporto.
(2) Il Tribunale per i minorenni può autorizzare pertanto il minore a contrarre matrimonio, al termine di un procedimento di volontaria giurisdizione attivato dal minore stesso. I due indispensabili requisiti (da valutarsi non alternativamente, bensì congiuntamente) sono:
- la maturità psicofisica del minore, ossia la capacità di valutare coscientemente le responsabilità derivanti dall'importante atto matrimoniale;
- i gravi motivi (tipicamente: la seduzione e la conseguente gravidanza che porterebbero al cd. matrimonio riparatore, sebbene la giurisprudenza non li consideri sufficienti, da soli ed in difetto della personalità responsabile, alla dispensa).

Brocardi

Impedimenta matrimonii

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: è possibile inviare documenti o altro materiale allegandolo ad una email da inviare all'indirizzo info@brocardi.it indicando nell'oggetto il nome con il quale si è richiesto il servizio di consulenza

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Quesiti degli utenti
relativi all'articolo 84 Codice civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Gabriella S. chiede
giovedì 31/12/2015 - Umbria
“Sono una cittadina italiana e desidero sapere se posso contrarre un matrimonio civile con un sacerdote in via di riduzione allo stato laicale”
Consulenza legale i 08/01/2016
Il codice civile detta alcune disposizioni relative al matrimonio civile, cioè al matrimonio che assume rilievo per l'ordinamento giuridico statale (art. 84 ss c.c.). Nello specifico, la legge esige sia la sussistenza di alcuni requisiti relativi alla capacità dei nubendi sia l'assenza di impedimenti.

Requisiti per contrarre matrimonio sono:
- la maggiore età (art. 84 c.c.), anche se il tribunale può ammettere al matrimonio anche chi abbia compiuto 16 anni, al ricorrere di precise circostanze;
- la sanità mentale, non potendo contrarre matrimonio l'interdetto (art. 85 del c.c.; il matrimonio di chi è incapace di intendere e volere è impugnabile ex art. 120 del c.c.);
- la libertà di stato, cioè l'assenza di un precedente matrimonio che produca effetti civili (art. 86 del c.c.).

Costituiscono, invece, impedimenti alle nozze:
- l'esistenza di un rapporto di parentela, affinità e adozione nei limiti di cui all'art. 87 del c.c.; il tribunale può comunque autorizzare il matrimonio, ai sensi della medesima disposizione;
- il fatto che uno dei nubendi sia stato condannato per l'omicidio, consumato o tentato, verso il coniuge dell'altro ex art. 88 del c.c.;
- il c.d. lutto vedovile, in base al quale la donna non può contrarre matrimonio se non dopo che sono trascorsi 300 giorni dallo scioglimento o dalla cessazione degli effetti civili del precedente matrimonio (salvo alcune ipotesi contemplate dall'art. 89 del c.c.);
- infine, l'omissione delle pubblicazioni (salvo esonero o matrimonio celebrato in imminente pericolo di vita, ex art. 100 del c.c.).

Pertanto, dalla disciplina di legge si evince che, agli effetti civili, il fatto che il nubendo sia un sacerdote non impedisce la celebrazione di valido matrimonio.

Testi per approfondire questo articolo

  • Nuove forme di separazione, divorzio e scioglimento delle unioni familiari. Aggiornato alla legge 20 maggio 2016 n.76

    Collana: I pratici Pacini
    Pagine: 176
    Data di pubblicazione: luglio 2016
    Prezzo: 20,00 -10% 18,00 €
    Categorie: Crisi coniugale
    Il testo analizza le nuove disposizioni introdotte dal Legislatore in materia di scioglimento del rapporto affettivo delle diverse formazioni familiari: le forme di soluzioni da utilizzarsi per le coppie unite in matrimonio, a seguito dell'entrata in vigore della Legge 10 novembre 2014 n. 162, che ha convertito il Decreto Legge n. 132/2014, che prevede la possibilità - nei soli casi di separazione consensuale, di divorzio in forma congiunta e di modifica concordata delle condizioni di... (continua)