Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 5 Testo unico IVA

(D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633)

[Aggiornato al 29/04/2022]

Esercizio di arti e professioni

Dispositivo dell'art. 5 Testo unico IVA

Per esercizio di arti e professioni si intende l'esercizio per professione abituale, ancorché non esclusiva, di qualsiasi attività di lavoro autonomo da parte di persone fisiche ovvero da parte di società semplici o di associazioni senza personalità giuridica costituite tra persone fisiche per l'esercizio in forma associata delle attività stesse.

Non si considerano effettuate nell'esercizio di arti e professioni le prestazioni di servizi inerenti ai rapporti di collaborazione coordinata e continuativa di cui all'art. 49 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 597, nonché le prestazioni di lavoro effettuate dagli associati nell'ambito dei contratti di associazione in partecipazione di cui all'articolo 49, comma 2, lettera c), del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, rese da soggetti che non esercitano per professione abituale altre attività di lavoro autonomo. Non si considerano altresì effettuate nell'esercizio di arti e professioni le prestazioni di servizi derivanti dall'attività di levata dei protesti esercitata dai segretari comunali ai sensi della legge 12 giugno 1973, n. 349, nonché le prestazioni di vigilanza e custodia rese da guardie giurate di cui al regio decreto-legge 26 settembre 1935, n. 1952.

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 5 Testo unico IVA

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

P. M. chiede
martedģ 01/02/2022 - Marche
“Una persona fisica ha partecipato ad una vendita esecutiva all'incanto di un terreno edificabile di 48.000 mq. attratta dalla occasione di investimento. In sede di domanda ha dichiarato di non essere titolare di partita IVA.
E' risultata aggiudicataria ed è in fase di definitivo pagamento del prezzo per ottenere il decreto di trasferimento.
In sede di bando era precisato che la cessione era soggetta a IVA (circa € 75.000), che da privato non può recuperare.
Poiché il terreno sarà in seguito venduto, ma prima urbanizzato, soggetto a lavori di viabilità e poi frazionato, è evidente che la fattispecie evidenzia una attività di impresa, per cui la persona dovrà aprire una partita iva come impresa individuale e come tale gestire il tutto. Si chiede : non posso considerare l'attività di impresa iniziata con l'aggiudicazione, aprire la partita Iva e quindi chiedere al venditore di fatturarmi come impresa ?
D'altra parte non potevo aprirla se non ero almeno assegnataria finale del bene.”
Consulenza legale i 15/02/2022
Il quesito appare piuttosto generico. Non si comprende infatti come si intenda avviare l’impresa, se in forma societaria o in forma individuale.
Va in ogni caso precisato che l’apertura di partita iva non può essere retroattiva.
In effetti, la “Partita IVA” è regolamentata dal D.P.R. 633/72 che stabilisce:
“l’imposta sul valore aggiunto si applica sulle cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate nel territorio dello Stato nell’esercizio di imprese o nell’esercizio di arti e professioni e sulle importazioni da chiunque effettuate”.
Di conseguenza, è necessario aprire la partita IVA quando viene esercitata un’attività di lavoro indipendente in modo abituale; più precisamente:
  1. coloro che svolgono un’attività di impresa (ad es. ditte individuali, artigiani, commercianti)
  2. coloro che esercitano un’attività di lavoro autonomo intellettuale (ad es. liberi professionisti, artisti)

Anche se la normativa non determina in modo esplicito “quando aprire la partita IVA“ per essere in regola con la propria attività, nell’art. 5 del DPR 633/72 stabilisce che:
Per esercizio di arti e professioni si intende l’esercizio per professione abituale, ancorché non esclusiva, di qualsiasi attività di lavoro autonomo da parte di persone fisiche ovvero da parte di società semplici o di associazioni senza personalità giuridica costituite tra persone fisiche per l’esercizio in forma associata delle attività stesse.

Da qui ne discende che l’obbligo di apertura partita IVA dipende dal carattere di abitualità o di occasionalità con cui viene svolta l’attività (art. 5 DPA 633/1972 DPR 633/72)

L’esercizio dell’attività per come sommariamente descritta sembrerebbe evidenziare un’attività in forma abituale che presuppone l’immediata apertura della partita iva. Dichiarare di aver esercitato un’attività d’impresa prima di aver aperto la partita iva, dunque al momento dell’aggiudicazione e dunque prima della formalizzazione in Agenzia delle Entrate, significherebbe dichiarare di aver esercitato attività in evasione d’imposta con tutte le conseguenze in termini sanzionatori previsti dalle leggi fiscali.

Va altresì aggiunto che il decreto di trasferimento non può essere emesso a favore di una persona diversa dall’offerente / aggiudicatario, a meno che non sia stata effettuata fin dall’inizio un’offerta per persona da nominare o non sia stata esercitata l’opzione di cui all’art. 590 bis c.p.c. da parte del creditore.

Il codice di procedura civile non prevede ipotesi diverse da quelle sopra indicate.

Cosicchè appare fondamentale comprendere se l’esercizio di impresa avverrà in forma individuale o in forma societaria.

Nel secondo caso vi sarebbe la nascita di un soggetto giuridico diverso dall’aggiudicatario, che vedrebbe dunque operante la preclusione relativa all’impossibilità di assegnazione del bene a soggetto diverso dall’aggiudicatario.

Nel primo caso, invece, il soggetto giuridico rimarrebbe identico, ma non sussistendo una norma che disciplini in maniera espressa l’ipotesi rappresentata, né giurisprudenza chiara sul punto, il suggerimento sarebbe quello di sottoporre il quesito agli organi della procedura, prima di effettuare qualsiasi tipo di versamento onde evitare eventuali decadenze dall’aggiudicazione.

Una possibile alternativa potrebbe essere quella di non versare il prezzo, determinare una decadenza dall’aggiudicazione e procedere poi, nel caso di nuova asta a formulare altra offerta non più quale persona fisica, ma come ente societario, accollandosi in tal caso però il rischio che una nuova asta trovi altri offerenti e nuovi aggiudicatari.




Idee regalo per avvocati e cultori del diritto