Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Diritto amministrativo -

L'immigrazione e l'integrazione nei piccoli comuni

AUTORE:
ANNO ACCADEMICO: 2020
TIPOLOGIA: Tesi di Laurea Magistrale
ATENEO: Universitą degli Studi di Torino
FACOLTÀ: Giurisprudenza
ABSTRACT
Il lavoro si occupa di analizzare, sul piano del diritto amministrativo, la disciplina dell’immigrazione sul territorio nazionale e le conseguenti fasi di accoglienza ed integrazione degli stranieri aventi diritto.
In questa prospettiva di indagine, nel primo capitolo si esamina la cornice storica ed evolutiva sia delle convenzioni sia dei trattati a livello internazionale ed europeo che si riferiscono alla condizione giuridica del migrante e dei diritti riconosciuti allo straniero.
Viene analizzata inoltre l’evoluzione storica della disciplina positiva di diritto interno, a partire dal Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (regio decreto 773/1931), fino alle più recenti riforme del 2017.
Nel secondo capitolo si va ad approfondire l’evoluzione della normativa rispetto alla competenza regionale, in particolare si osserva come agli stranieri vengano riconosciuti i diritti fondamentali, ma siano destinatari delle politiche sociali solamente se in possesso della residenza che assume un valore di cittadinanza regionale.
Il terzo capitolo analizza il complesso meccanismo delle procedure di gara d’appalto nel settore dei servizi di accoglienza dei rifugiati all’interno della più ampia e complicata disciplina dei contratti della pubblica amministrazione.
L’affidamento dei servizi viene studiato in riferimento al sistema di protezione dei richiedenti asilo e dei rifugiati (SPRAR) e ai centri di accoglienza straordinaria (CAS), cioè i modelli di accoglienza e integrazione volti all’inserimento degli stranieri nella società.
Nel quarto ed ultimo capitolo il tema affrontato è il decreto legge n. 113 del 2018 (anche detto "decreto Sicurezza"), il quale stravolge il lungo percorso normativo intrapreso fino a quel momento, inserendo delle misure di restrizione all’accoglienza, eliminando la protezione umanitaria e modificando gli SPRAR in Sistema di protezione per titolari di protezione internazionale e per minori stranieri non accompagnati (SIPROIMI).
Vengono inoltre riportati degli esempi virtuosi di accoglienza ed integrazione promossi da alcuni piccoli comuni, secondo un sistema di micro-accoglienza diffusa.

Indice (COMPLETO)Apri

Bibliografia (ESTRATTO)Apri

Tesi (ESTRATTO)Apri

Norme di riferimento

Parole chiave