Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 204 Legge fallimentare

(R.D. 16 marzo 1942, n. 267)

[Aggiornato al 18/04/2019]

Commissario liquidatore

Dispositivo dell'art. 204 Legge fallimentare

Il commissario liquidatore procede a tutte le operazioni della liquidazione secondo le direttive dell'autorità che vigila sulla liquidazione, e sotto il controllo del comitato di sorveglianza (1).

Egli prende in consegna (2) i beni compresi nella liquidazione, le scritture contabili e gli altri documenti dell'impresa, richiedendo, ove occorra, l'assistenza di un notaio (3).

Il commissario liquidatore forma quindi l'inventario, nominando se necessario, uno o più stimatori per la valutazione dei beni.

Note

(1) Il commissario liquidatore sarebbe, quindi, un mero esecutore delle direttive dell'autorità che vigila sulla liquidazione.
Il tipo di controllo del comitato di sorveglia non è esplicitato; si considera comunque un controllo di tipo amministrativo, con funzioni consultive.
(2) La presa in consegna si sostituisce all'apposizione dei sigilli.
(3) Si discute circa l'obbligatorietà della presenza del notaio, da alcuni ritenuta solo facoltativa, su iniziativa del commissario liquidatore.

Ratio Legis

In sede di liquidazione coatta amministrativa, il commissario liquidatore sembra, da un lato, avere meno autonomia del curatore fallimentare, dovendo seguire le direttive dell'autorità sorvegliante; dall'altro, appare dotato di maggiori poteri (redige l'inventario e può nominare stimatori).

Massime relative all'art. 204 Legge fallimentare

Cass. civ. n. 27777/2008

Il bilancio, redatto dal commissario liquidatore per determinare il reddito di impresa relativo al periodo compreso tra l'inizio dell'esercizio e il provvedimento che ordina la liquidazione coatta amministrativa, a norma dell'art. 125 del d.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 (rinumerato come art. 183 dall'art. 1, del d.lgs. 12 dicembre 2003, n. 344), è atto dovuto del commissario, sia pure nominato in carenza di poteri ed insediato di fatto nella carica, e, atteso il suo contenuto e la sua funzione informativa e di raccordo fra la gestione "in bonis" e quella commissariale, secondo il principio della continuità dei bilanci, va qualificato come bilancio di esercizio della società, dunque regolato dagli artt. 2423-2426 cod. civ.; peraltro, l'inapplicabilità delle regole ordinarie di impugnazione (derivante dalla mancanza della deliberazione assembleare di approvazione, in ragione della cessazione, anche di fatto, delle funzioni degli organi sociali) non ha altra conseguenza se non quella di rendere applicabili le comuni azioni di accertamento della nullità secondo il combinato disposto degli artt. 1324 e 1418 cod. civ., non potendosi negare l'interesse del socio ad impugnare tale bilancio sulla base della mera circostanza che esso sia redatto dal commissario liquidatore, invece che dall'organo amministrativo.

L'atto di preposizione del commissario liquidatore alla gestione della società, contestualmente posta in liquidazione coatta amministrativa, sebbene emesso in carenza di potere, comporta, allorché sia stato eseguito con la presa in consegna dei beni della società, delle scritture contabili e degli altri documenti dell'impresa da parte del commissario, l'assunzione e l'esercizio stabile di fatto della gestione della società; pertanto, la nullità dell'atto di preposizione non può eliminare gli effetti concretamente prodottisi nella realtà fenomenica, i quali, coinvolgendo un numero imprecisato e potenzialmente illimitato di soggetti, devono per questa ragione considerarsi irreversibili, con la conseguenza che il bilancio non può ritenersi retroattivamente viziato in ragione della mera illegittimità della nomina del commissario.

Cass. civ. n. 372/1991

L'impresa sottoposta a liquidazione coatta amministrativa, in relazione ad eventuali omissioni o ritardi in cui incorra il commissario liquidatore nella formazione e nel deposito dello stato passivo, può ricorrere all'autorità di vigilanza, e, poi, in via giurisdizionale, al giudice amministrativo, considerato che le sue posizioni soggettive, rispetto agli atti posti in essere da detto commissario in qualità di organo della P.A., hanno natura di interessi legittimi.

Cass. civ. n. 5223/1989

Con riguardo all'impugnazione degli atti del commissario della liquidazione coatta amministrativa deve essere affermata la giurisdizione di legittimità del giudice amministrativo, ove si verta in tema di provvedimenti amministrativi, mentre va dichiarata la giurisdizione del giudice ordinario, quando si tratti di contratti od in genere di atti di natura privatistica (nella specie, transazione), ricollegandosi l'impugnazione stessa a posizioni di diritto soggettivo.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!