Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 123 Legge fallimentare

(R.D. 16 marzo 1942, n. 267)

[Aggiornato al 28/02/2021]

Effetti della riapertura sugli atti pregiudizievoli ai creditori

Dispositivo dell'art. 123 Legge fallimentare

In caso di riapertura del fallimento, per le azioni revocatorie relative agli atti del fallito compiuti dopo la chiusura del fallimento, i termini stabiliti dagli articoli 65, 67 e 67 bis sono computati dalla data della sentenza di riapertura (1).

Sono privi di effetto nei confronti dei creditori gli atti a titolo gratuito (2) e quelli di cui all'articolo 69, posteriori alla chiusura e anteriori alla riapertura del fallimento (3).

Note

(1) Comma così modificato con d.lgs. 5/2006.
La norma dovrebbe riferirsi in realtà all'art. 69 bis della l. fall., che espressamente limita la esperibilità dell'azione revocatoria decorsi tre anni dalla dichiarazione di fallimento e comunque decorsi cinque anni dal compimento dell'atto.
(2) Il fallito, quindi, non è libero - dopo la chiusura del fallimento - di disporre a titolo gratuito del proprio patrimonio, perché in caso di riapertura tali atti sono privi di effetto nei confronti dei creditori.
(3) Comma così modificato con d.lgs. 5/2006.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 25 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!