Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Dizionario Giuridico

Giudizio immediato

Che cosa significa "Giudizio immediato"?

Si tratta di un procedimento speciale caratterizzato dall'assenza dell'udienza preliminare: si passa infatti dalle indagini preliminari all'udienza dibattimentale. Può essere azionato dal pubblico ministero o dall'imputato stesso (si veda l'art. 453 c.p.p.).
Il pubblico ministero ha l'obbligo di chiedere al giudice l'emissione del decreto con cui viene disposto il giudizio immediato in due ipotesi: nel caso in cui dalla brevità delle indagini emergano prove di evidente reità, oppure nel caso in cui sia stata disposta una misura cautelare custodiale.
Nel primo caso è necessario sia che la prova appaia evidente - sussistendo elementi idonei a sostenere l'accusa in giudizio - sia che sia stato svolto l'interrogatorio della persona nei cui confronti si siano svolte le indagini o che quanto meno costui sia stato invitato a renderlo, sia, infine, che non siano decorsi più di 90 giorni dall'iscrizione della notizia di reato nel registro di cui all'art. 335 c.p.p. Il giudice, dunque, deve effettuare una valutazione approfondita circa la richiesta del pubblico ministero.
Nel secondo caso, il giudice è obbligato a disporre il giudizio immediato sussistendo peraltro gravi indizi di reità acclarati dalla disposizione della misura custodiale. Infatti il pubblico ministero ha l'obbilgo di chiedere al giudice per le indagini preliminari l'emissione del rito immediato quando a) sia stata disposta la misura custodiale, b) questa abbia assunto un certo grado di stabilità, c) non siano decorsi 180 gg dall'esecuzione della misura, d) devono permanere i gravi indizi di colpevolezza.
Il pubblico ministero presenta la richiesta al giudice per le indagini preliminari il quale decide emettendo decreto non motivato. Ad ogni modo, nel decreto con cui viene emesso il giudizio immediato, vengono dati gli avvisi all'imputato affinchè nel termine di 15 giorni dall'ultima notifica possa chiedere il giudizio abbreviato o l'applicazione della pena (si vedano gli artt. 456 e 458 c.p.p.).

"Giudizio immediato" nelle consulenze legali

Vedi tutte le consulenze

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.