Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 44 Costituzione

Dispositivo dell'art. 44 Costituzione

Al fine di conseguire il razionale sfruttamento del suolo e di stabilire equi rapporti sociali, la legge impone obblighi e vincoli alla proprietà terriera privata [840 c.c.], fissa limiti alla sua estensione [846 c.c.] secondo le regioni e le zone agrarie, promuove ed impone la bonifica delle terre [857 c.c.], la trasformazione del latifondo e la ricostituzione delle unità produttive; aiuta la piccola e la media proprietà.
La legge dispone provvedimenti a favore delle zone montane.

Ratio Legis

La norma vuole, da un lato, che vi sia equità nei rapporti sociali e, dall'altro, che lo sfruttamento del suolo sia sostenibile, cioè tenga conto del contesto ambientale in cui si svolge. Queste esigenze erano particolarmente sentite all'epoca di redazione della Costituzione in quanto l'Italia era, in quel momento storico, prevalentemente agricola ed usciva da una situazione che aveva determinato profonde diseguaglianze sociali.

Spiegazione dell'art. 44 Costituzione

La norma in esame si spiega con il fine di raggiungere il migliore e più equo sfruttamento delle risorse terriere.

Tale compito, affidato al legislatore ordinario, è rimasto in gran parte disatteso, senza dunque una completa valorizzazione dei latifondi, una bonifica dei terreni e delle zone montane considerati poco produttivi in chiave sociale.

Il fine cui tende il costituente è quello di ricostituire le c.d. unità produttive, cioè le aree di terreno minime, per consentire un'adeguata coltivazione dei fondi, anche smembrando gli appezzamenti di terreno già esistenti (cioè imponendo vincoli ed obblighi ai proprietari terrieri). Più in generale, lo scopo perseguito è quello di garantire rapporti sociali equi tra coloro che possiedono la terra e la coltivano ma anche quello di assicurarne uno sfruttamento migliore.

Anche la bonifica delle terre e la trasformazione del latifondo tendono allo scopo di migliorare lo sfruttamento terriero e di garantire equità sociale, in particolare attraverso l'ammodernamento delle tecniche di coltivazione. Entrambe possono essere realizzate sia corrispondendo incentivi finanziari sia imponendo precisi oneri.

Da ultimo, la tutela delle zone montane, che si spiega con la tendenziale situazione di disagio che le caratterizza, è stata affidata ad enti locali che, rappresentando i comuni, hanno lo scopo di realizzare in modo associato la gestione dei servizi, dei costi e di altre funzioni. Questi enti sono costituiti dalle Comunità Montane, che sono state sostituite, in alcuni casi, dalle Unioni dei Comuni.

Volendo attribuire alla norma un significato attuale, si potrebbe e dovrebbe attribuire un nuovo valore alle finalità di sfruttamento razionale del suolo e di promozione di equi rapporti sociali, tenendo conto cioè del concetto di sviluppo sostenibile.

Relazione al Progetto della Costituzione

(Relazione del Presidente della Commissione per la Costituzione Meuccio Ruini che accompagna il Progetto di Costituzione della Repubblica italiana, 1947)

44 L'impresa e la proprietà terriera richieggono un complesso di provvedimenti che vanno dai vincoli, come quelli già esistenti di bonifica, e dalla lotta contro le proprietà troppo estese e latifondistiche, suscettive di miglior coltivazione, all'aiuto ai piccoli o medi proprietari ed all'elevazione dei lavoratori.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!