Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 617 ter Codice penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Falsificazione, alterazione o soppressione del contenuto di comunicazioni o conversazioni telegrafiche o telefoniche

Dispositivo dell'art. 617 ter Codice penale

(1)Chiunque, al fine di procurare a sé o ad altri un vantaggio o di recare ad altri un danno, forma falsamente, in tutto o in parte, il testo di una comunicazione o di una conversazione telegrafica o telefonica ovvero altera o sopprime(2), in tutto o in parte, il contenuto di una comunicazione o di una conversazione telegrafica o telefonica vera, anche solo occasionalmente intercettata, è punito, qualora ne faccia uso o lasci che altri ne faccia uso, con la reclusione da uno a quattro anni.

La pena è della reclusione da uno a cinque anni se il fatto è commesso in danno di un pubblico ufficiale [357] nell'esercizio o a causa delle sue funzioni ovvero da un pubblico ufficiale o da un incaricato di un pubblico servizio [358] con abuso dei poteri o con violazione dei doveri inerenti alla funzione o servizio o da chi esercita anche abusivamente la professione di investigatore privato(3).

Nel caso previsto dal primo comma il delitto è punibile a querela della persona offesa. (4)

Note

(1) Tale articolo è stato aggiunto dall'art. 3, della l. 8 aprile 1974, n. 98, relativa alla riservatezza e della libertà e segretezza delle comunicazioni.
(2) Tale condotta richiede come presupposto che la conversazione sia intercettata, dal momento che se la stessa fosse disponibile per via legittima in capo all'agente, la condotta in esame non integrerebbe tale fattispecie bensì il reato di falso ex art. 485 in caso di alterazione o se vi è stata soppressione dell'art. 616, comma primo.
(3) Si tratta di due circostanze speciali ad effetto speciale che richiamano le aggravanti comuni ex art. 61, n. 9 e 11.
(4) Comma aggiunto dall'art. 3, D.Lgs. 10 aprile 2018, n. 36 con decorrenza dal 9 maggio 2018.

Ratio Legis

La disposizione è diretta a garantire la veridicità della comunicazioni telefoniche e telegrafiche.

Spiegazione dell'art. 617 ter Codice penale

La norma in esame è posta a tutela della veridicità ed inviolabilità delle comunicazioni a distanza tra due o più soggetti.

La condotta penalmente rilevante consiste nel falsificare il contenuto di una comunicazione telefonica o telegrafica tra altri soggetti, oppure nel formare falsamente il contenuto della comunicazione stessa, al fine di procurare un vantaggio o di arrecare ad altri un danno.

Trattasi di reato proprio, in quanto può essere commesso solamente da chi abbia un obbligo di formare o di trasmettere ad altri il contenuto di comunicazioni altrui, avendo, per ragioni del suo ufficio o della sua professione, l'autorizzazione a captare tale forma di comunicazione.

Il secondo comma prevede non un reato proprio, bensì una circostanza aggravante specifica, qualora il fatto sia commesso da un pubblico ufficiale con abuso dei propri poteri, da un incaricato di pubblico servizio o da un investigatore privato, o in danno di un pubblico ufficiale nell'esercizio delle sue funzioni o a causa delle funzioni stesse.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

Testi per approfondire questo articolo