Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 438 Codice penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Epidemia

Dispositivo dell'art. 438 Codice penale

Chiunque cagiona un'epidemia (1) mediante la diffusione di germi patogeni (2) è punito con l'ergastolo [448, 452].

Se dal fatto deriva la morte di più persone, si applica la pena [di morte] (3).

Note

(1) I germi patogeni sono i virus o altri microorganismi dotati di infettività e quindi in grado di propagarsi e diffondersi tra la popolazione.
(2) Per epidemia s'intende una malattia infettiva e contagiosa, straordinariamente aggressiva, caratterizzata ada un'elevata e incontrollabile capacità di diffusione. Si riferisce solo alle malattie che colpiscono gli uomini, in quanto per quelle che colpiscono esclusivamente gli animali o le dal moment piantea è prevista un'apposita figura criminosa dall'art. 500.
(3) Tale ipotesi aggravata prevista è da ritenersi priva di valenza pratica in conseguenza della abolizione della pena di morte (v, art. 17).

Ratio Legis

La disposizione in esame tutela la salute pubblica, considerata quale insieme di condizioni di igiene e sicurezza della vita e dell'integrità fisica o salute della collettività, messa in pericolo dalla diffusione di germi patogeni.

Spiegazione dell'art. 438 Codice penale

La norma è diretta a tutelare la salute pubblica, intesa come benessere fisico e psichico della collettività.

Trattasi di fattispecie causalmente orientata, in cui l'azione incriminata consiste nella diffusione di germi patogeni, connotata però dall'atteggiamento particolarmente fraudolento del diffusore.

Il danno-evento consiste nella concreta manifestazione, in un certo numero di persone, di una malattia eziologicamente ricollegabile alla condotta, unitamente al pericolo che la diffusione prosegua.

Gli elementi della fattispecie sono in sintesi la rapidità della diffusione, la diffusibilità ad un numero notevole di persone e l'ampia estensione territoriale del male.

La norma richiede il dolo generico e quindi la volontà di diffondere germi patogeni, unitamente alla consapevolezza della loro efficacia epidemica. Appare sufficiente il mero dolo eventuale con riguardo al rischio di determinare l'epidemia.

Notizie giuridiche correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

Testi per approfondire questo articolo

  • Trattato di diritto penale - Parte speciale Vol. IV: I delitti contro l'incolumità pubblica e in materia di stupefacenti

    Data di pubblicazione: aprile 2010
    Prezzo: 95,00 -5% 90,25 €

    Il volume è un commento articolo per articolo al LIBRO II (dei delitti in particolare) TITOLO VI (dei delitti contro l’incolumità pubblica) del codice penale. Inoltre, l’Opera analizza tutta la legislazione penale speciale in materia di stupefacenti.L'opera è Aggiornata al d.lg. 106/2009 e alla l. 49/2009

    PIANO DELL’OPERA

    SEZIONE I - DEI DELITTI CONTRO L’INCOLUMITA` PUBBLICA (422-452 c.p.) * LINEAMENTI GENERALI DEL CONCETTO DI... (continua)

  • I delitti contro l'ordine e l'incolumità pubblica

    Autore: Marani Simone
    Editore: Giuffrè
    Collana: Fatto & diritto
    Data di pubblicazione: dicembre 2008
    Prezzo: 38,00 -5% 36,10 €

    Il testo, aggiornato alle più recenti pronunce della giurisprudenza di legittimità, nonché agli ultimi orientamenti dottrinali, tratta, attraverso l'analisi della normativa contenuta all'interno del nostro Codice Penale e nella legislazione speciale, della tematica dei delitti contro l'ordine pubblico e l'incolumità pubblica.
    L'opera si suddivide in due parti; la prima dedicata ai delitti contro l'ordine pubblico e la seconda in materia di delitti contro... (continua)