Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 239 Codice penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Adempimento o trasgressione dell'obbligo di buona condotta

Dispositivo dell'art. 239 Codice penale

Se, durante l'esecuzione della misura di sicurezza, chi vi è sottoposto non commette alcun delitto, ovvero alcuna contravvenzione per la quale la legge stabilisce la pena dell'arresto, è ordinata la restituzione della somma depositata o la cancellazione della ipoteca (1); e la fideiussione si estingue. In caso diverso, la somma depositata, o per la quale fu data garanzia, è devoluta alla Cassa delle ammende.

Note

(1) Secondo quanto disposto dall'art. 218, d.lgs. 28 luglio 1989, n. 271, nell'ambito della riforma del nuovo codice di procedura penale, ovvero che si considerano abrogate le disposizioni del codice penale che prevedono l'ipoteca legale, la norma in esame deve leggersi solo con riferimento alla restituzione della somma.

Spiegazione dell'art. 239 Codice penale

La cauzione di buona condotta si applica discrezionalmente a seconda che il giudice, valutata la personalità del soggetto, la ritenga opportuna ed utile o meno nei confronti di:


  • trasgressori del divieto di frequentare osterie e spacci di bevande alcoliche (art. 234);


Se l'obbligo di buona condotta viene rispettato, ovvero non viene commesso alcun delitto o alcuna contravvenzione (per la quale la legge preveda la pena dell'arresto) il giudice, terminato il periodo stabilito, ordina la restituzione delle somme o l'estinzione delle garanzie prestate.

In caso contrario, la somma depositata, o per la quale venne prestata garanzia, viene devoluta definitivamente alla Cassa delle Ammende.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.