Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 137 Codice penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

[Aggiornato al 27/11/2019]

Custodia cautelare

Dispositivo dell'art. 137 Codice penale

La carcerazione [c.p.p. 284-286] sofferta prima che la sentenza sia divenuta irrevocabile si detrae dalla durata complessiva della pena temporanea detentiva o dall'ammontare della pena pecuniaria(1).

La custodia cautelare è considerata, agli effetti della detrazione, come reclusione od arresto.

Note

(1) Le espressioni "custodia" e "custodia cautelare", hanno sostituito quelle di "carcerazione preventiva" e "carcerazione", vigenti fino al 1984 (legge 28 luglio 1984, n. 398, art 11). Detto questo, il quantum di tempo dal reo trascorso in custodia cautelare, in carcere o agli arresti domiciliari, si considera detratto dalla pena alla quale è condannato, indipendentemente dal fatto che sia detentiva (reclusione o arresto), sostitutiva (semidetenzione e libertà controllata) o pecuniaria (multa o ammenda).

Ratio Legis

La ratio di tale disposizione si ravvisa nell'esigenza di non aggravare ulteriormente la pena già inflitta e già in parte scontata.

Spiegazione dell'art. 137 Codice penale

La misura della custodia cautelare in carcere (art. 284), vale a dire la più grave tra le misure cautelari prese in considerazione dal legislatore, priva di fatto l'imputato della libertà personale.

Per tale motivo essa è parificata, quanto agli effetti, ad una pena detentiva, e quindi la norma in oggetto prevede che il periodo di custodia sofferto si detragga dalla durata della pena detentiva successivamente stabilita dal giudice con sentenza divenuta irrevocabile, oppure dall'ammontare della pena pecuniaria, nei casi di conversione con le modalità di cui all'art. 135.

Quanto detto vale per entrambi i casi di pena detentiva, ovvero sia per la reclusione che per l'arresto.

Massime relative all'art. 137 Codice penale

Cass. pen. n. 4303/2009

In tema di mandato di arresto europeo esecutivo, la consegna della persona richiesta dall'autorità giudiziaria estera deve avvenire per l'esecuzione della pena eccedente il periodo di custodia cautelare sofferto dal ricorrente in Italia in pendenza del processo, con la conseguenza che il relativo periodo di privazione della libertà va integralmente detratto, secondo le regole dell'ordinamento interno, dalla durata della pena detentiva da scontare in base alla condanna dello Stato richiedente. (Fattispecie relativa a un mandato d'arresto europeo emesso dalle autorità romene).

Cass. pen. n. 1817/1996

Nessuna delle esigenze cautelari indicate dall'art. 274 c.p.p., come presupposto inderogabile per disporre la custodia cautelare in carcere, riveste carattere punitivo ed emendativo, rispondendo tutte a necessità di ordine processuale o preventivo che le fa caratterizzare come norme processuali. (Fattispecie in cui il tribunale del riesame aveva confermato l'ordinanza di rigetto di istanza di scarcerazione per decorrenza dei termini di custodia cautelare in carcere ex art. 297, comma terzo c.p.p., come novellato dalla legge 8 agosto 1995, n. 332, proposta da soggetto al quale era stata applicata la custodia in carcere con due ordinanze, l'una per i reati di cui agli artt. 110, 73 e 80 D.P.R. 1990, n. 309, e l'altra, emessa in seguito, per partecipazione ad associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti e nei confronti del quale era stato disposto il rinvio a giudizio per i fatti oggetto del primo provvedimento restrittivo successivamente a quello per i delitti contestati con la seconda ordinanza nonché era intervenuta condanna per i reati ex artt. 110, 73 e 80 D.P.R. 1990, n. 309 in epoca precedente a quella pronunciata per gli altri addebiti. Il tribunale, nell'escludere la decorrenza dei termini di custodia cautelare in carcere dall'esecuzione della prima ordinanza aveva rilevato che nella specie non era applicabile la novella 332 del 1995 perché la fase delle indagini si era esaurita con la richiesta del rinvio a giudizio per il reato associativo, avvenuta prima dell'entrata in vigore della legge 1995, n. 332. Dalla natura processuale delle norme regolanti la misura cautelare aveva dedotto che la nuova disciplina trovava immediata applicazione nella fase in atto all'epoca dell'entrata in vigore della stessa. L'imputato con il ricorso per cassazione aveva sostenuto che le norme disciplinanti la custodia cautelare hanno carattere misto, sono cioè anche di natura sostanziale in quanto svolgono pure una funzione repressiva, sono dirette a prevenire un'eventuale futura condotta criminosa, e dallo stesso legislatore sono strutturate in modo analogo alla pena detentiva, tanto da potere convertirsi in quest'ultima, secondo il disposto dell'art. 137 c.p. Per la natura sostanziale della misura cautelare, su di essa incideva la nuova disciplina dettata dalla legge 1995 n. 332 che, pertanto, andava applicata ex art. 2 cpv. c.p.

Cass. pen. n. 3372/1995

In tema di espiazione della sanzione sostitutiva della libertà controllata, mentre è scomputabile dalla sua durata il periodo trascorso in custodia cautelare, non lo è quello in cui l'indagato od imputato è stato sottoposto alle misure coercitive di cui agli artt. 281, 282 e 283 c.p.p., in quanto queste misure non sono equiparate legislativamente alla custodia in carcere.

Cass. pen. n. 3228/1992

Il reato continuato, che è fictio iuris, può considerarsi reato unico solo ai fini specificamente previsti dalla legge, mentre va considerato come pluralità di reati agli effetti degli artt. 137 c.p. e 657, quarto comma, c.p.p., ove si pongano problemi di fungibilità tra le carcerazioni sofferte per i singoli reati unificati ex art. 81 c.p.

Cass. pen. n. 618/1990

Il periodo di ricovero dell'imputato in un ospedale giudiziario, durante la detenzione in stato di custodia cautelare, va computato ai fini della determinazione della residua pena da espiare e, dunque, a norma dell'art. 137 c.p., dev'essere detratto dalla durata complessiva della pena comminata per il reato al quale ineriva lo stato di detenzione, avendo determinato - comunque - una privazione della libertà personale.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

Testi per approfondire questo articolo

  • Il perdono responsabile. Perché il carcere non serve a nulla

    Collana: Saggi
    Pagine: 136
    Data di pubblicazione: gennaio 2013
    Prezzo: 9,90 -5% 9,40 €

    La gran parte dei condannati a pene carcerarie torna a delinquere; la maggior parte di essi non viene riabilitata, come prescrive la Costituzione, ma semplicemente repressa, e privata di elementari diritti sanciti dalla nostra carta fondamentale - come ne vengono privati i loro cari; la condizione carceraria, per il sovraffollamento, la violenza fisica e psicologica, è di una durezza inconcepibile per chi non la viva, e questa durezza incoraggia tutt'altre tendenze che il desiderio... (continua)

  • Il volto del reo. L'individualizzazione della pena fra legalità ed equità

    Editore: Giuffrè
    Collana: Studi di diritto penale
    Data di pubblicazione: febbraio 2011
    Prezzo: 39,00 -5% 37,05 €

    La singola decisione giudiziale è il risultato di una complessa mediazione fra le esigenze di universalizzazione della legge e le esigenze di individualizzazione legate al singolo caso concreto. In questo lavoro si tenta di dimostrare come la questione della commisurazione della pena sia più complessa di quanto comunemente si pensi. Nel primo capitolo è affrontata, perciò, la questione dell'individualizzazione della pena nella dinamica giuridica... (continua)

  • Percorsi di giustizia. Tra conflitto e riparazione

    Editore: Aracne
    Pagine: 228
    Data di pubblicazione: aprile 2011
    Prezzo: 14 €

    La gestione del conflitto è diventata una categoria centrale nel dibattito contemporaneo delle scienze sociali e, nella sua dimensione penale, rappresenta un ambito sempre più indagato dalla ricerca sociologica e criminologica. In un momento storico in cui i modelli di giustizia tradizionali - retributivo e rieducativo - appaiono indeboliti dai ripetuti fallimenti e oggetto di critiche incrociate da parte della ricerca e della società civile in generale, un nuovo... (continua)

  • Legalizzare la tortura?
    Ascesa e declino dello Stato di diritto

    Editore: Il Mulino
    Collana: Saggi
    Pagine: 190
    Data di pubblicazione: gennaio 2013
    Prezzo: 19,00 -5% 18,05 €

    Guantánamo, Abu Ghraib, Bagram: sono nomi sinistri, che evocano scenari di umiliazioni, vessazioni e sevizie usate nei confronti di detenuti. Sull'onda di queste e altre analoghe vicende venute alla luce negli ultimi dieci anni, si è acceso un dibattito che risulta sorprendente per ampiezza e vigore, ma anche scandaloso per la domanda intorno alla quale ruota: è legittima e auspicabile la legalizzazione della tortura? Una questione scabrosa, che gli autori affrontano... (continua)

  • La messa alla prova nel processo penale. Le applicazioni pratiche della legge n. 67/2014

    Editore: Giuffrè
    Collana: Teoria pratica diritto. Penale e process.
    Data di pubblicazione: aprile 2015
    Prezzo: 24,00 -5% 22,80 €

    La legge n. 67/2014 ha introdotto nell'ordinamento italiano la sospensione del procedimento con messa alla prova per gli imputati o indagati maggiorenni. Si tratta di un nuovo rito alternativo al dibattimento, il cui esito positivo comporta l'estinzione del reato ed è destinato a risolvere, in conformità alle direttive europee, la questione del sovraffollamento delle carceri. Il volume approfondisce le disposizioni introdotte dalla nuova normativa, indica le strategie... (continua)