Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 97 Codice penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Minore degli anni quattordici

Dispositivo dell'art. 97 Codice penale

Non è imputabile chi, nel momento in cui ha commesso il fatto, non aveva compiuto i quattordici anni [222, 224] (1).

Note

(1) La dottrina e giurisprudenza prevalenti ritengono che l'età debba essere calcolata secondo le regole del computo naturale, ovvero tenendo conto del giorno effettivo in cui si è verificata la nascita e dell'ora della stessa.

Ratio Legis

Alla base della norma in esame, la quale prevede una presunzione assoluta di non imputabilità del minore di anni quattordici, vi è la considerazione che un soggetto può dirsi capace d'intendere e di volere solo quando ha raggiunto un certo grado di sviluppo fisio-psichico.

Spiegazione dell'art. 97 Codice penale

Il legislatore, tramite la presente norma, configura una presunzione legale assoluta di non imputabilità, motivo per il quale non è possibile fornire la prova della sufficiente maturità psichica del minore, anche se astrattamente potrebbe benissimo essere capace di intendere e di volere.

Tuttavia, a fronte della non punibilità del minore è prevista l'eventuale applicazione nei suoi confronti di misure di sicurezza, qualora sia da considerarsi socialmente pericoloso e ne sussistano i presupposti (artt. 222 e 224).

Massime relative all'art. 97 Codice penale

Cass. pen. n. 49863/2009

La previsione di cui all'art. 26 del D. P.R. n. 448 del 1988 impone al giudice di dichiarare immediatamente con sentenza, in ogni stato e grado del procedimento, il non luogo a procedere quando accerti che l'imputato sia minore degli anni quattordici, considerato che l'art. 97 c.p. stabilisce una presunzione assoluta di non imputabilità e, quindi, anche di assoluta incapacità processuale che prescinde dall'effettivo riscontro della capacità di intendere e volere in capo al minore infraquattordicenne. Ne consegue che al giudice non è consentito il preventivo accertamento per verificare l'eventuale insussistenza del fatto o la non attribuibilità dello stesso al minore imputato prima della pronuncia di cui all'art. 26 D.P.R. n. 448 del 1988, attesa l'ultroneità di qualsivoglia indagine in relazione ad un fatto che la legge non consente di perseguire. (In applicazione del principio di cui in massima la S.C. ha dichiarato inammissibile il ricorso dell'imputato, minore degli anni quattordici al momento del fatto, volto a censurare il mancato compimento, prima della sentenza di non luogo a procedere, di attività processuali, preordinate a dimostrare la propria estraneità ai fatti oggetto di imputazione).

Cass. pen. n. 15523/1989

La non imputabilità del minore non esclude necessariamente la sua maturità psichica ed intellettiva. (Fattispecie relativa a ritenuta attendibilità di chiamata di correo effettuata da minore non imputabile).

Notizie giuridiche correlate all'articolo

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

Testi per approfondire questo articolo

  • Casualità e imputazione oggettiva

    Collana: Nuove ricerche di scienze penalistiche
    Pagine: 416
    Data di pubblicazione: aprile 2011
    Prezzo: 44 €
    Categorie: Colpevolezza

    Il lavoro si propone di dare un contributo diretto a ridisegnare la problematica attinente alla rilevanza del nesso di causalità in materia penale. Accertata l'insufficienza del solo paradigma condizionalistico, anche se sostenuto dal ricorso a "leggi scientifiche", si prefigge di integrare l'accertamento nomologico mediante il riferimento a criteri di valore. Si pone, dunque, l'esigenza di far riferimento ad una causalità normativa che consenta di operare una selezione, in... (continua)

  • La colpa. Studi

    Editore: Giuffrè
    Collana: Univ. Milano-Fac. di giurisprudenza
    Data di pubblicazione: ottobre 2013
    Prezzo: 51,00 -5% 48,45 €
    Categorie: Colpevolezza

    In questo volume sono raccolti gli scritti sulla colpa di Giorgio Marinucci, una serie imponente di lavori che comprende il periodo tra il 1965 e il 2012. Il libro nasce da un'idea del maestro, che ha scelto e ordinato i lavori qui raccolti sottoponendoli a una personale, puntigliosa rilettura e apportandovi qualche piccolo emendamento.

    (continua)