Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 475 Codice di procedura penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

[Aggiornato al 30/10/2020]

Allontanamento coattivo dell'imputato

Dispositivo dell'art. 475 Codice di procedura penale

1. L'imputato che, dopo essere stato ammonito, persiste nel comportarsi in modo da impedire il regolare svolgimento dell'udienza, è allontanato dall'aula con ordinanza del presidente(1).

2. L'imputato allontanato si considera presente ed è rappresentato dal difensore.

3. L'imputato allontanato può essere riammesso nell'aula di udienza, in ogni momento, anche di ufficio. Qualora l'imputato debba essere nuovamente allontanato, il giudice può disporre con la stessa ordinanza che sia espulso dall'aula, con divieto di partecipare ulteriormente al dibattimento, se non per rendere le dichiarazioni previste dagli articoli 503 e 523 comma 5.

Note

(1) Tali provvedimenti sono dati oralmente, senza formalità e senza motivazione.

Ratio Legis

Il diritto di partecipazione all'udienza, estrinsecazione del diritto di difesa dell'imputato, può essere sacrificato qualora sia necessario garantire l'interesse ad uno svolgimento regolare dell'udienza stessa.

Spiegazione dell'art. 475 Codice di procedura penale

Di regola l'imputato assiste libero all'udienza, anche se detenuto, tranne le cautele necessarie al fine di prevenire il pericolo di fuga (art. 474).

Tuttavia, quando già ammonito, persiste nel comportarsi in modo molesto, impedendo il regolare svolgimento dell'udienza, egli è allontanato dall'aula con ordinanza del presidente, emessa oralmente e senza formalità. L'allontanamento chiaramente non significa che l'imputato venga considerato assente, anzi, a tutti gli effetti egli viene considerato presente, e viene rappresentato dal suo difensore.

Mentre il provvedimento sull'allontanamento è revocabile, e l'imputato può essere riammesso in ogni momento, l'espulsione (ordinata quando l'imputato persista nuovamente nell'impedire il regolare svolgimento dell'udienza) implica invece il divieto di partecipare all'intero dibattimento, a meno che non debba prestarsi all'esame o debba replicare alle deduzioni della altre parti (l'imputato ha sempre, se lo richiede, l'ultima parola).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

Testi per approfondire questo articolo

  • Eccezioni e questioni preliminari nel processo penale

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: febbraio 2012
    Prezzo: 55,00 -5% 52,25 €

    L'opera contiene un catalogo completo delle eccezioni e delle altre questioni procedurali che possono essere proposte nella fase degli atti preliminari al dibattimento. In particolare, vengono analiticamente trattate le eccezioni di inammissibilità, nullità e inutilizzabilità di atti. Per ciascun istituto preso in considerazione, sono state richiamate le norme che lo regolano e illustrate le modalità di formulazione delle relative questioni o eccezioni, con il... (continua)

  • Il proscioglimento predibattimentale

    Autore: Iai Ivano
    Editore: Giuffrè
    Collana: Studi di diritto processuale penale
    Data di pubblicazione: ottobre 2009
    Prezzo: 16,00 -5% 15,20 €

    Origini dell'istituto - La fase degli atti preliminari al dibattimento nel giudizio di primo grado - Il proscioglimento nella fase degli atti preliminari al dibattimento di primo grado - Il proscioglimento predibattimentale e le impugnazioni (L'impugnazione della sentenza predibattimentale - La problematica del proscioglimento nel predibattimento d'appello, di cassazione e di rinvio) - Conclusione - Appendice bibliografica.

    (continua)
  • Il dibattimento nel processo penale

    Autore: Lupoli Luca
    Editore: Aracne
    Collana: Diritto novità
    Pagine: 136
    Data di pubblicazione: ottobre 2014
    Prezzo: 9 €

    Il presente volume analizza il dibattimento quale fulcro del processo penale italiano, sottolineando l'assoluta centralità ad esso conferita dal sistema accusatorio, introdotto nel nostro Paese dalla riforma del 1988. Procede al confronto tra quest'ultimo ed il sistema inquisitorio, affrontando altresì l'evoluzione storica del processo penale dall'Unità d'Italia all'entrata in vigore del Codice "Vassalli" e le differenti fasi che scandiscono il primo grado del vigente... (continua)

  • Difesa e dibattimento penale. Suggerimenti argomentativi

    Editore: Giuffrè
    Collana: Il processo penale accusatorio
    Data di pubblicazione: dicembre 2008
    Prezzo: 17,00 -5% 16,15 €

    E' possibile dire che la verità che emerge dal processo è la tesi del P.M., non falsificata dalla critica opposta dalla difesa? Oppure la verità affermata in sentenza è la trasposizione della tesi difensiva avverso la quale la prospettazione accusatoria nulla ha potuto? O quanto contenuto nella sentenza corrisponde a quanto storicamente accaduto?
    In questa opera gli autori cercano di fornire alcuni spunti di riflessione sul ruolo che il difensore ha in... (continua)