Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 474 Codice di procedura penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

[Aggiornato al 31/08/2021]

Assistenza dell'imputato all'udienza

Dispositivo dell'art. 474 Codice di procedura penale

1. L'imputato assiste all'udienza libero nella persona, anche se detenuto, salvo che in questo caso siano necessarie cautele per prevenire il pericolo di fuga o di violenza [64](1).

Note

(1) Tali provvedimenti, esplicazione del potere di disciplina dell'udienza spettante al presidente, sono adottati senza formalità e senza contraddittorio.

Ratio Legis

Tale disposizione si spiega alla luce del principio di civiltà che richiama la tutela della dignità umana, nonchè la sua libertà di autodeterminazione in funzione dell'effettività del diritto di difesa.

Spiegazione dell'art. 474 Codice di procedura penale

Abbiamo visto coma l'art. 470 preveda che, all'interno dell'udienza dibattimentale, il potere ordinatorio è conferito al presidente e, in sua assenza, al pubblico ministero, ed è esercitato senza formalità. Il presidente e il pubblico ministero possono altresì avvalersi della forza pubblica, la quale dà immediata esecuzione ai provvedimenti del presidente o del p.m..

Con specifico riferimento all'imputato, la norma in commento prevede che l'imputato assiste libero all'udienza, anche se detenuto, tranne le cautele necessarie al fine di prevenire il pericolo di fuga. La previsione appare oltretutto strumentale a quanto disposto dall'art. 64 in materia di interrogatorio.

Massime relative all'art. 474 Codice di procedura penale

Cass. pen. n. 41756/2005

Atteso il carattere plurioffensivo del reato di cui all'art. 474 c.p., deve riconoscersi, ai fini dell'operativitÓ del disposto di cui all'art. 408, comma 2, c.p.p., la qualitÓ di persona offesa al soggetto titolare del marchio contraffatto

Cass. pen. n. 13208/2005

A norma dell'art. 474 c.p.p. il giudice, in presenza di pericolo di fuga o di violenza, dispone che la presenza dell'imputato al dibattimento sia diversamente regolata. La violazione di tale norma, che disciplina il potere di polizia dell'udienza spettante al giudice, risulta priva di una specifica sanzione processuale, in virt˙ del principio di tassativitÓ delle cause di nullitÓ di cui all'art. 177 c.p.p. Ne consegue che l'ordinanza dibattimentale con la quale il giudice dispone la presenza in aula della parte privata in posizione diversa da quella prevista dall'art. 146 c.p.p. pu˛ essere anche sommariamente motivata, essendo sempre direttamente riferibile al potere del giudice di regolamentare il corretto svolgimento dell'udienza in presenza dei motivi indicati dall'art. 474 c.p.p.

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

Idee regalo per avvocati e cultori del diritto

Other error:
Bad HTTP response