Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 287 Codice di procedura penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

Condizioni di applicabilitÓ delle misure interdittive

Dispositivo dell'art. 287 Codice di procedura penale

1. Salvo quanto previsto da disposizioni particolari (1), [289 2, 290 2], le misure previste in questo capo possono essere applicate solo quando si procede per delitti per i quali la legge stabilisce la pena dell'ergastolo o della reclusione superiore nel massimo a tre anni.

Note

(1) Le disposizioni riguardanti le singole misure interdittive derogano a tale regola generale con riferimento a determinate figure delittuose (es. artt. 288, 289 e 290).

Ratio Legis

La norma in esame stabilisce per le misure interdittive, al pari di quelle coercitive, un limite di sbarramento, al fine di non arrecare ingiustificati pregiudizi alla libertà dei soggetti.

Spiegazione dell'art. 287 Codice di procedura penale

Le misure interdittive, al pari di quelle coercitive, subiscono un limite alla loro applicabilità. Esse possono infatti essere disposte solamente qualora si proceda per delitti per il quali la legge stabilisce l'ergastolo o la pena della reclusione superiore nel massimo a tre anni.

Le misure interdittive, al contrario di quelle coercitive, non prevedono limitazioni alla libertà personale, ma impongono dei divieti.

Per quanto concerne i criteri di scelta, per le quali valgono ovviamente i principi di adeguatezza della singolo misura in relazione al fatto concreto e di proporzionalità, va ricordata l'ulteriore possibilità data al giudice di dare più specifica attuazione a tali principi attraverso l'applicazione soltanto parziale delle misure prescelte.

Difatti, le diverse disposizioni dettate al riguardo, facendo riferimento alla formula “in tutto o in parte”, consentono che l'incidenza della misura stessa possa venire in concreto limitata esclusivamente ad una parte della responsabilità genitoriale, ovvero ad un settore o ad una parte dell'attività inerente all'ufficio o all'attività interdetti.

Massime relative all'art. 287 Codice di procedura penale

Cass. pen. n. 10500/2007

In tema di responsabilitÓ per gli illeciti dipendenti da reato, nei confronti dell'ente possono essere applicate in sede cautelare, sempre che ricorrano i presupposti del fumus delicti e del periculum in mora, soltanto le sanzioni interdittive che siano irrogabili all'esito del giudizio di merito in quanto previste dalla legge in relazione al tipo di reato a cui si ricollega la responsabilitÓ dell'ente. (Mass. redaz.).

Cass. pen. n. 12499/2005

╚ inammissibile, per carenza d'interesse, l'impugnazione del P.M. in relazione alla sola gravitÓ del quadro indiziario, allorquando il Gip abbia rigettato la richiesta di applicazione della misura cautelare personale interdittiva ritenendo insussistenti anche le esigenze cautelari.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.